Rieker
Non cercare venditori-stelle, cercare personaggi! :Ото: shutterstock
04.06.2014 7091

Non cercare venditori-stelle, cercare personaggi!

L'esperto di vendite Dmitry Norka crede che l'era dei "beni che vendi te stesso" sia passata e che la strada del successo risieda solo attraverso la costruzione del tuo sistema di vendita e assistenza. Quale dovrebbe essere questo staff? Devo cercare venditori stellari? E perché i buoni venditori se ne vanno?

norka.JPGDmitry Norka - Proprietario, CEO e business coach della società di consulenza "Strategie di vendita e tattiche". Uno dei più richiesti e apprezzati business trainers in Russia, esperto nel campo della consulenza e delle vendite integrate, uno specialista con molti anni di esperienza nell'organizzazione delle vendite B2B e B2C. Redattore capo della rivista di vendite personali. Autore dei libri "Gestione del dipartimento vendite, strategie e tattiche di successo", "Venditore da Dio", "Dimmi di sì. Un seminario sulla pratica di prevenire le obiezioni alle vendite. "

www.norca.ru

Oggi, oltre l'80% delle aziende in Russia è guidato da produttori che sanno come produrre e credono che questo sia sufficiente per il successo. Sì, 10-15 anni fa questo era davvero abbastanza. Ma oggi il mercato è cambiato: quasi nessuno ha un vantaggio sul prodotto, poiché tutte le offerte di prodotti sono sostanzialmente le stesse. E quando è impossibile differenziarsi dalla concorrenza per caratteristiche del prodotto, Sua Maestà il Prezzo solleva la sua vile testa. Cosa si può opporre a un prezzo inferiore? Qualità del lavoro, servizio, vendite di alto livello. Pertanto, per un'azienda guidata da un produttore, esiste solo un modo per un ulteriore successo: creare il proprio sistema di vendita, che offrirà un vantaggio competitivo proprio grazie al lavoro del personale di vendita.

L'era della finanza è stata sostituita dall'era del talento, in cui il successo di un'azienda dipende direttamente dalle persone che vi lavorano. Ma nel moderno mercato del lavoro, i candidati al lavoro hanno bisogno di molto più di quello che possono offrire. Pertanto, non cercare venditori di stelle, cerca i personaggi da cui coltivi queste stelle tu stesso. Tony Shay, fondatore del negozio online americano di grande successo Zappos, ha dichiarato: "Assumiamo personaggi e insegniamo loro le abilità".

Chi vale la pena cercare? Chi vuole fare soldi ama e non ha paura di comunicare con le persone e ha la qualità della gentilezza. Dopo aver trovato una persona del genere e averne tirato fuori un buon venditore, fai tutto in modo che non ti lasci ai concorrenti. Perché i buoni venditori se ne vanno? Parlerò principalmente della situazione delle vendite aziendali, ma la vendita al dettaglio non è diversa. Il primo motivo per cui un buon venditore lascia è fare chiamate fredde. Non caricare un esperto di vendita costoso con queste attività. I venditori principianti possono effettuare chiamate fredde e gli squali di vendita devono tenere riunioni e completare le transazioni. Il secondo motivo: la mancanza di supporto al marketing. Pensi che il venditore dovrebbe promuovere lui stesso il prodotto? Svegliati! L'era dei beni auto-venduti è passata. La terza ragione: obiettivi vaghi, elevate esigenze. Gli studi dimostrano che stabilire chiaramente gli obiettivi con 3 mesi di anticipo, spiegandone la rilevanza e le modalità per raggiungerli, aumenta l'attuazione dei piani e motiva i venditori del 30-40%. Il quarto motivo: controllo eccessivo. Sbarazzati dell'idea di correzione "Devo sapere tutto". Non sai ancora tutto, ma umili i tuoi venditori e li priviamo della loro libertà di creatività. Il quinto motivo: remunerazione delle commissioni. Seduti su una percentuale nuda, i venditori iniziano a considerarsi agricoltori liberi che non devono nulla a nessuno e lavorano come desiderano. Il sistema salariale dovrebbe essere combinato. Motivo sei: mancanza di risultato. Questa situazione si sviluppa in aziende che non prevedono formazione e adattamento dei venditori. Non ottenendo il risultato, le persone sono deluse e vanno in un altro posto. Infine, la settima ragione per cui i buoni venditori se ne vanno è l'ingiustizia. Se un dipendente è offeso, si vendicherà sicuramente e lo farà in un modo che non ti sembra molto. Questo è solo il caso in cui la commessa nel negozio lancia la merce sul bancone e in risposta allo stupore dell'acquirente dice: "Mentre pagano, io lavoro!" Abbi cura dei tuoi buoni venditori, ma non lasciarli rilassare completamente. Combina misure difficili con quelle soft: controlla i piani e richiedi un rapporto, ma ricorda di allenarti e lodare.

L'esperto di vendite Dmitry Norka ritiene che l'era della "merce che si vende da sola" sia passata e la strada per il successo risiede solo nella costruzione di un proprio sistema di vendita e assistenza. Che cosa ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

I produttori di scarpe brasiliani invitano gli acquirenti dalla Russia e dai paesi della CSI a incontri di lavoro in formato online

Dal 21 giugno al 2 luglio, in Russia e nei paesi limitrofi, si terranno incontri b2b online dei maggiori produttori brasiliani e buyer russi. Gli eventi sono sponsorizzati da Brazilian Footwear, un programma governativo che ...
07.06.2021 403

DEOX rafforza la sua posizione di mercato

SR ha deciso di scoprire con quali problemi i calzolai russi dovevano vivere e lavorare e chiedere ai produttori di lavorare nella realtà odierna. Questa raccolta di materiali si concentrerà sull'impatto della pandemia di coronavirus sul business calzaturiero nazionale, ...
02.02.2021 2291

Lillian Roor, direttore vendite ARA in Russia: “ARA Shoes si impegna a essere il produttore più high-tech di calzature alla moda.

Il marchio di scarpe tedesco ARA è conosciuto e amato in Russia da molto tempo, sin dall'epoca sovietica. Quest'anno il marchio compirà 72 anni. L'azienda ha superato le difficoltà e le sfide causate dall'attuale pandemia di coronavirus e continua ad attuare i suoi piani. Sul…
17.05.2021 1506

Esclusivo: intervista del CEO di ECCO Russia Denis Tomashevsky al capo redattore di Shoes Report Natalia Timasheva

Un anno fa, la società danese ECCO ha acquisito l'intera attività di vendita al dettaglio del suo distributore russo, annunciando così la serietà delle sue intenzioni e dei piani a lungo termine per il mercato russo. Le scarpe del marchio danese sono conosciute e amate da tempo in Russia. ...
06.04.2021 3584

Lo stabilimento Nordman sviluppa canali di vendita online e si affida alla sostituzione delle importazioni

Alexey Sorokin, direttore marketing della fabbrica Nordman, risponde alle domande di SR. Per 24 anni di lavoro, il team di una piccola impresa manifatturiera di Pskov si è trasformato in una grande impresa russa e un team di specialisti che lavora ...
02.02.2021 2223
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio