Rieker
Regole di comunicazione aziendale
18.02.2015 8781

Regole di comunicazione aziendale

Un libro piccolo ma incredibilmente capiente "Le regole della comunicazione aziendale" della business coach Nina Zvereva, mette tutti i puntini sulle i e ancora una volta spiega chiaramente cosa è considerata la norma e cosa è una deviazione dalle regole nella retorica moderna. Su 33 “no” e 33 “no” abbiamo scelto il più significativo, a nostro avviso, per costruire una corretta comunicazione. pravila.jpg Zvereva. H. Regole di comunicazione aziendale. Alpina Editore, M. - 2015. I suggerimenti raccolti in questo libro aiuteranno i lettori a diventare un conversatore interessante e un oratore di successo. Una persona che è sempre felice di vedere agli eventi ufficiali. E nella cerchia degli amici. In breve, succintamente con umorismo, Nina Zvereva non insegna, ma istruisce e consiglia. zvereva kniga.JPG
Nina Zvereva
- maestro di giornalismo televisivo. Vincitore di due premi TEFI, membro della Russian Television Academy. Come coach aziendale, sviluppa le capacità di parlare in pubblico e comunicare con i manager. Funzionari e uomini d'affari. Insegna alla Skolkovo School of Management.

È impossibile! Mai e mai!

1. Alla domanda "Come stai?" Risposta più lunga di 10 secondi. "A volte nelle lezioni di comunicazione facciamo questo esercizio: rispondi alla domanda" Come stai? " non in servizio "Grazie, va tutto bene", ma su una dichiarazione intrigante, ma sicuramente breve, in modo che una persona possa tranquillamente andare avanti, ma potrebbe fare una domanda chiarificatrice, e quindi questa è la tua vittoria. Ad esempio, un senior manager ti chiede in un ascensore: "Come stai?", Immaginando vagamente chi sei e cosa fai nella sua organizzazione. La risposta è "Fantastico, grazie" - educato e decente, ma puoi lavorare sodo e trovare un'altra linea che susciterà l'interesse del capo. Ad esempio: “Grazie, Ivan Ivanovic, negli ultimi tre mesi ho realizzato un progetto fantastico e - puoi immaginare? - si scopre! " Puoi terminare la conversazione su questo, perché anche dopo queste brevi informazioni, il capo lascerà soddisfatto, perché fai parte delle sue ambizioni. Ma molto probabilmente seguirà una domanda chiarificatrice: "Che tipo di progetto?" E qui devi lasciare che tutta la tua eloquenza moltiplicata per brevità sia usata.

2. Su suggerimento dei subordinati, rispondere immediatamente "no". La parola non suona come uno sparo, come una frase. Anche se vedi fin dall'inizio che la proposta è inutile, devi essere in grado di ringraziare la persona e dire qualcosa che sarà lieto di sentire, ma non ti obbligherà a nulla: "Interessante, grazie, pensa, grazie, capisci". Una persona ti lascerà ispirato, e tutti staranno meglio da questo, e avrai la possibilità di considerare davvero la proposta, che volevi respingere come un ostacolo inutile nel primo secondo. E se queste parole avessero senso? E se?

3. Parlare al cellulare in presenza di altre persone. L'avvento dei telefoni cellulari ha portato a questo. Che assistiamo spesso a conversazioni che non ci servono e che non ci interessano. Ciò è particolarmente evidente in treni ad alta velocità, aeroplani, autobus. Quando una voce sorge sullo sfondo del silenzio generale, trasmettendo i dettagli di una transazione importante o allevando bruscamente un bambino. Tutti sono imbarazzati. Devi avere pazienza e parlare con i tuoi cari o subordinati solo in una situazione in cui non ci sono testimoni aggiuntivi nelle vicinanze. Nello stesso treno ci sono aree speciali nel vestibolo, dove è possibile chattare al telefono. È sorprendente che la nostra gente non voglia alzarsi dai propri posti e disturbare senza tante cerimonie la pace delle altre persone, condividendo al contempo informazioni riservate con tutto il mondo. A proposito, in Europa è vietato l'uso dei telefoni cellulari in luoghi pubblici e trasporti pubblici.

4. Non richiamare o rispondere a lettere commerciali con almeno un breve "OK". È molto spiacevole rispondere in silenzio a una lettera commerciale. Sei nervoso, scrivi nuove lettere, chiama la receptionist per telefono e tutto questo è solo perché la persona non si è preoccupata di digitare due lettere: "OK". Dopotutto, non è necessario scrivere una risposta dettagliata. È sufficiente informare semplicemente che la lettera è stata ricevuta e letta. Per il mittente, tale segnale è estremamente importante. Si tratta di etichetta commerciale, educazione, e all'estero è consuetudine fare proprio questo, ma per qualche ragione spesso lo trascuriamo.

5. Rivolgiti alle persone su di te se ciò non accade di comune accordo. Se improvvisamente, invece di "tu", "tu" è scoppiato, dovresti notare questo come una manifestazione involontaria di vicinanza emotiva e d'affari, ma fai attenzione a chiedere perdono o permesso di continuare nella stessa vena. "Colpire" è una cattiva tradizione ereditata dai capi del partito sovietico. Cerca di chiamare anche tu i dipendenti più giovani. Ciò darà loro fiducia e aumenterà la loro autorità agli occhi non solo degli altri, ma anche della propria.

6. Improvvisamente preferisci una persona a un'altra. Succede che durante Ti sei avvicinato a una persona interessante in una grande presentazione o nel ballo di Capodanno, e all'improvviso qualcuno si unisce alla tua compagnia di cui non puoi nemmeno contare. Naturalmente, la tua attenzione passa istantaneamente a un nuovo eroe. Questo è comprensibile, ma assolutamente imperdonabile. Dopotutto, il tuo primo interlocutore ha anche occhi e orecchie, e sarà offeso umanamente e sgradevole da essere stato scelto così apertamente da qualcun altro. Non puoi farlo e, se non ci sono argomenti comuni, è meglio rimanere a parlare con la persona a cui ti stai avvicinando. È come invitare una ragazza a ballare e poi preferirla a un'altra, più attraente.

È possibile e necessario Tutti e sempre.

1. Definisci il tuo obiettivo. Tutto inizia con un obiettivo. Sappiamo per certo che dobbiamo parlare o avvicinarci a una determinata persona e iniziamo ad agire. Cioè, iniziamo a parlare o ci avviciniamo a qualcuno e "tiriamo la manica", e tutto questo, prima di rispondere alla nostra domanda: in effetti. - perché? Qual è il mio scopo? Cosa voglio esattamente: attirare l'attenzione su di me. Trasformare la discussione in una direzione diversa, conoscersi, fare un complimento, raccontare a questa persona il tuo nuovo progetto?

Se l'obiettivo non viene definito, non ne verrà fuori nulla di buono. Stranamente, i tuoi ascoltatori o interlocutori sentono i tuoi dubbi e comprendono che non hai uno “scenario” ben ponderato di conversazione. Immagina che durante una certa celebrazione, una persona rispettata ti si avvicini e inizi a "caricarsi" con i dettagli della sua vita e del suo lavoro, mentre sei completamente disinteressato e forse anche imbarazzato ad ascoltarlo.

Il tuo interlocutore ti si è avvicinato così, senza un obiettivo? Quindi hai subito un obiettivo chiaro: fermare la comunicazione con qualsiasi pretesto plausibile e scappare. Una situazione familiare? Ora giralo, ma concentrandoti su di te. Vedi un volto familiare, vuoi venire. Non sai perché, ma voglio farlo. Sembra essere male? La cosa brutta è che anche se esci da un dialogo educato, il tuo interlocutore avrà una sensazione spiacevole, a seguito della quale un riflesso potrebbe svilupparsi per evitare di incontrarti.

Pensa all'obiettivo. Parlaci di un nuovo progetto? Sì! Ma brevemente, chiaramente, distintamente. Presentarsi e offrire una partnership? Sì! Ma divertente e di nuovo brevemente. Gli obiettivi possono essere diversi:

  • fornire le informazioni necessarie;
  • impressionare;
  • supportare l'azienda;
  • guidare (per i politici pubblici è sempre l'obiettivo principale e unico)

Ma ricorda: dovrebbe essere solo uno. E tu stesso devi definirlo chiaramente.

L'obiettivo è chiaro? Ora dobbiamo trovare le parole. Ma dipenderanno da tre componenti importanti: pubblico, formato, momento.

2. Abilmente immagina te stesso. Ci sono due errori che di solito vengono fatti presentandosi, ed entrambi sono seri. Il primo è quando una persona parla a lungo di se stessa e, soprattutto, dei suoi meriti e delle sue imprese, come se cercasse di convincere il pubblico a rispettare il suo curriculum. E il secondo - quando, al contrario, non ritiene necessario comunicare qualcosa su se stesso, poiché, a suo avviso, tutti dovrebbero già conoscerlo e rispettarlo.

Secondo me, devi avere una sorta di leggenda su di te, ovviamente basata sui fatti reali della biografia e quindi, a seconda del pubblico, del formato, del momento e, soprattutto, dello scopo della comunicazione, devi essere in grado di immaginarti e farlo nel modo più accurato possibile. Il modo migliore di auto-presentazione è l'autoironia. Ad esempio, il meraviglioso presentatore televisivo e intelligente Alexander Pushnoy si presentò ai giornalisti come fisico fallito e spiegò che era nato e cresciuto nel Novosibirsk Academgorodok ed era destinato a una carriera scientifica. Rise di se stesso, abbassò la barra, ma in realtà vinse. Perché in Russia non esiste nessuno che non sappia dell'esistenza di una scuola fisica siberiana.

Anche se ti prendi molto sul serio, cerca le parole giuste: cerca di non vantarti e non fare pressioni sul pubblico con potere, vittorie, insegne e risultati. È molto più interessante parlare dei successi attraverso i fallimenti e immaginarsi come Alexander Akopov, a cui piace citare Socrate: "So solo che non so nulla". Di recente, ti consiglio di fare brevi presentazioni personali, rispondendo a tre domande: i miei successi, il mio motto, il progetto dei miei sogni. Risulta fresco e compresso. Soprattutto quando si risponde alla prima domanda in questo modo: "Sono vivo, sano e molto richiesto" o "Ho soddisfatto le aspettative dei miei genitori!". La sala sorride e tutto è piacevole. L'autoironia è uno strumento di persone forti e sicure.

3. Usa nomi e verbi. Di recente, ho quasi odiato gli aggettivi. Il fatto è che le persone raramente riescono a trovare una definizione accurata e fresca e usano abitualmente le parole tratteggiate: "meraviglioso", "sorprendente", "unico", "esclusivo", "fantastico", "terribile", "impressionante". E anche - oh orrore! - "emozionante"! In uno dei seminari, abbiamo condotto un esperimento. Ho chiesto ai partecipanti che venivano da diverse città della Russia di raccontare la loro città su una telecamera in un minuto e mezzo. Su mia richiesta, avrebbero dovuto rivelare il suo nome solo nell'ultima frase, e prima ancora avrebbero descritto la città con parole così precise e vivide che vollero immediatamente venire a oud e vedere tutto con i propri occhi. Abbiamo registrato queste esibizioni in privato con ogni ascoltatore e hanno potuto vedere il risultato solo quando si sono riuniti tutti in classe dopo la fine della registrazione. Qual è stato il loro orrore quando si è scoperto che hanno pronunciato le stesse parole su Magadan, Kostroma, Saratov . Tutte le storie hanno caratterizzato "un'ospitale città soleggiata con residenti sorridenti, natura unica e artigianato diversificato". Dopo che tutti si sono ripresi dallo shock, ho chiesto loro di scrivere 20 sostantivi su un pezzo di carta, cioè di trovare 20 parole esatte che avrebbero disegnato un'immagine, e abbiamo potuto vederlo. Il fatto è che i sostantivi sono come vernici sulla tela del tuo discorso. Ci sono dettagli, associazioni. E, soprattutto, è inclusa la parte creativa, fantasy del cervello, e non solo quella strutturale-logica. L'ascoltatore e l'interlocutore sono sempre contenti quando può facilmente immaginare un'immagine. Ecco come ingoiare una vitamina di gioia. Siamo stanchi del ragionamento, dei fatti, delle cifre e della necessità di pensare e analizzare logicamente. Voglio fantasticare e immaginare. E questo è esattamente ciò che danno i nomi. Il risultato del nostro seminario è stato meraviglioso. Ricordo ancora la storia di Magadan: “il freddo mare di Okhotsk, il forte vento che soffia non solo un bambino, ma anche un adulto. Enormi stormi di odore, che vengono catturati nei bacini e poi bolliti e fritti, e l'odore è in tutta la città. I campi tristemente famosi e terribili e migliaia di persone che potevano andarsene ma non se ne andarono. Incredibili colori dell'autunno, non ci sono tali colori nel centro della Russia: giallo brillante, verde brillante, rosso brillante - anche l'occhio fa male. " E su Kostroma abbiamo sentito parole completamente diverse: funghi porcini, Ilya Muromets, foreste e paludi, vita tranquilla e misurata, un grande supermercato e un cinema moderno per l'intera città.

Ho visto gli occhi delle persone in quel momento in cui hanno ascoltato storie brevi e vivide - immagini. E poi ho preso diversi volumi di versi di vari buoni poeti, e abbiamo scelto ciecamente un libro, una pagina, una linea e siamo rimasti sorpresi da quante poesie nella musica ci sono nomi e, se ci sono aggettivi, con quanta precisione vengono scelti.

E, infine, leggendo Voznesensky e Mayakovsky, abbiamo ricordato l'esistenza dei verbi. I verbi non aiutano nella coscienza dell'immagine del mondo, ma illuminano, eccitano, motivano. Cambiano ... Si sa che i verbi sono. Motivazione per l'azione. Questo è quasi un ordine: "Leggi, invidia ..."

Ho notato che una buona presentazione, specialmente se breve, prevede l'uso dei sostantivi all'inizio e dei verbi alla fine del discorso. E questo è comprensibile, poiché i sostantivi aiutano a vedere l'immagine e a coinvolgere il pubblico. E i verbi motivano all'azione: “Capisci tutto? Quindi agiamo! ”

Devi essere in grado di servire un piatto di parole squisitamente selezionate come firma. Cioè, per fare una pausa, intonare correttamente, cambiare il ritmo della parola e il volume della voce. Dobbiamo essere in grado di evidenziare le stesse parole su cui si trova il tuo messaggio sui trampoli ...

4. Guarda negli occhi. ... Glance è uno strumento duro e potente. Se una persona nasconde i suoi occhi, li abbassa a terra o alza il soffitto - qui qualcosa non va. La fiducia non sorge. O se il tuo interlocutore, come si suol dire, fissa la tua scollatura o qualsiasi altra parte della toilette, allora ti sentirai immediatamente imbarazzato e sarà difficile per te condurre una conversazione liberamente e pienamente. Pertanto, lo sguardo deve essere controllato. Un buon comunicatore con un occhio solo può raggiungere la piena attenzione del pubblico. Le persone si allontaneranno dai loro gadget e smetteranno di rovistare nelle loro borse se l'oratore guarda con sicurezza e precisione negli occhi di ogni persona individualmente, ma allo stesso tempo mantiene l'intero pubblico con una visione laterale. È possibile? Sì, e anche facile, se non hai paura di comunicare con i tuoi occhi e capire che le visualizzazioni personalizzate sono il collegamento di collegamento tra le persone durante la comunicazione ...

5. Formulare brevemente. Viviamo in un'epoca di alte velocità e un potente flusso di informazioni. Qualsiasi persona. Chi vuole dirlo a qualcuno. Si mette in una situazione di competizione con Internet. Hai iniziato a dire qualcosa di interessante e ti ho prestato attenzione. Eccellente! Ora il compito principale è parlare brevemente, accuratamente e con allegria, altrimenti perderai l'attenzione dei tuoi ascoltatori. Inoltre. causare fastidio e irritazione non può essere viscoso ...

... A volte, durante i nostri seminari, persone molto istruite e meravigliosamente parlate appaiono tra il pubblico. Di norma, il loro svantaggio è l'incapacità e persino la riluttanza a parlare brevemente. Tentano di mantenere l'intrigo, raccontano molti dettagli interessanti e perdono la sensazione di un adeguato rapporto tra il numero di parole e la quantità di informazioni che l'ascoltatore si aspetta. Ci sono molte parole, ci sono molti dettagli, ma il pensiero si sviluppa lentamente e le persone si innervosiscono, perché ascoltano solo a causa di una buona educazione, e non perché sono interessate.

Un giovane, su richiesta di una breve biografia, ha parlato per circa 10 minuti. Poi ha guardato il disco ed è rimasto inorridito, ha realizzato una nuova versione per otto minuti ed è stato di nuovo sorpreso. Non riuscì a stabilire la sua biografia in un minuto e mezzo. Talvolta queste persone hanno semplicemente paura di chiedere qualcosa perché non vogliono perdere tempo prezioso ascoltando un lungo monologo. Lascia che la qualità. L'eloquenza e la capacità di articolare i pensieri purtroppo non sono una garanzia di successo. Una persona dovrebbe essere in grado di padroneggiare l'arte del monologo nella stessa misura dell'arte della replica. È necessario monitorare la reazione degli ascoltatori ed essere in grado di finire rapidamente qualsiasi storia. Se il loro interesse si esaurisce. Impara a parlare breve, il più semplice e divertente possibile. Ora è il momento solo per tali oratori e comunicatori. Ora il tempo non è una partita, ma un passo. Alla gente piace un discorso brillante e aforistico, quando ogni frase è quasi uno slogan.

Un libro piccolo ma incredibilmente capiente "Le regole della comunicazione aziendale" della business coach Nina Zvereva, mette tutti i puntini sulle i e ancora una volta spiega chiaramente cosa è considerato la norma e cosa ...
3.48
5
1
3
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Gestione del business delle scarpe nel 2021: cosa cercare

L'anno scorso è stato uno shock per la maggior parte delle persone, un nuovo punto di partenza, l'inizio della fine o una completa trasformazione dell'attività di vendita al dettaglio. Uno dei risultati principali è che il 2020 ha letteralmente spinto la vendita al dettaglio online, un'intensa digitalizzazione dei canali di vendita, ...
27.04.2021 2046

Marketing per un negozio di scarpe al dettaglio. Come incentivare i clienti a comprare con i regali

In questo articolo, Evgeny Danchev, esperto di SR, business trainer parla di come condurre una campagna di marketing che sarà ugualmente redditizia sia per l'azienda che per ...
19.01.2021 4604

In che modo il mystery shopping aiuta a svelare le lacune nel servizio del tuo negozio?

Oggi, la mancanza di un servizio di qualità e un'atmosfera orientata al cliente nel negozio sono cattive maniere. Aziende che non si preoccupavano dei loro clienti, non pensavano ai loro sentimenti ed emozioni prima, durante e dopo lo shopping - ...
19.01.2021 3404

Le principali tendenze nella decorazione delle vetrine dei negozi di scarpe questo autunno e il prossimo inverno

La stagione autunno-inverno 2020/21 per il fashion retail è speciale, che ricorderemo a lungo. Quasi tutte le aziende sono state costrette a rivedere i propri budget: hanno tagliato la spesa corrente, tagliato i costi il ​​più possibile. E,…
30.11.2020 7830

Quali modifiche sono necessarie per rendere più efficace il lavoro del personale di vendita e dei manager di linea?

I risultati della vendita di scarpe sono ora influenzati dal fattore della domanda differita: due mesi e mezzo di autoisolamento sono un periodo molto lungo per gli acquirenti. Qualsiasi modello di mercato o di consumo delle persone su di esso è un sistema e, per tutte le proprietà dei sistemi, loro ...
13.10.2020 8136
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio