Rieker
Trattative difficili: come convincere anche l'interlocutore più intrattabile
30.10.2014 28024

Trattative difficili: come convincere anche l'interlocutore più intrattabile

Le competenze sono gli strumenti di un negoziatore. Non solo come vanno i negoziati, ma se saranno difficili o meno dipende da quanto bene l'avversario e noi li possediamo. Firma un contratto redditizio, concorda uno sconto dal produttore o convinci il tuo avversario a comprare una spedizione di scarpe da te il doppio del previsto ... Come negoziare a tuo vantaggio - lo sa il coach-coach Lyudmila Melnik.

Lyudmila Melnik - un esperto in comunicazioni aziendali interne ed esterne (trattative, vendite, conflitti, influenza sull'interlocutore). È autore di tecniche per la negoziazione di tecnologie nel contesto di una stretta comunicazione, manipolazione e pressione psicologica. L'autore di tecniche di risoluzione dei conflitti.negoziazioni difficili.jpg

Trattative difficili. Hai ordinato un combattimento? Lyudmila Melnik.

Casa editrice "Peter", 2014

Questo libro è dedicato alle negoziazioni, in particolare a quelle che chiamiamo difficili. Il lettore apprenderà gli scenari e le tecniche di trattative difficili e riceverà anche una serie di strumenti, con i quali sarà in grado di vincere le negoziazioni più spesso, oltre a godere del processo e del risultato. Ascolto attivo è un modo di feedback e controllo dell'interlocutore. Trucchi semplici come espressioni facciali concentrate, annuisce, sì, sì, è interessante, ecc .:

... mostrare all'interlocutore che è importante per noi;

... stimolare l'interlocutore a parlare, e l'informazione è ciò di cui abbiamo bisogno;

... creare un'immagine dell'ascoltatore come “intelligente” (“se ​​una persona mi ascolta attentamente, intelligente, questo lo caratterizza positivamente”).

Se l'interlocutore si siede in silenzio e non guarda negli occhi la sua controparte, sembra che:

. . è scarsamente allevato;

. . l'interlocutore non è interessante per lui;

. . stava facendo qualcosa;

. . non intende negoziare in modo produttivo.

Ci sono molte ipotesi? Ma è sulla base di una certa quantità di fatti e di un gran numero di ipotesi che traiamo conclusioni sull'avversario. E, procedendo da loro, scegliamo la tattica del negoziato.

Abilità di negoziazione

Se il nostro interlocutore non possiede la tecnica dell'ascolto attivo, può essere percepito come un duro negoziatore. D'altra parte ... Un'espressione facciale cupa, mancanza di contatto visivo, silenzio in risposta alle parole dell'interlocutore: questi sono i trucchi di un negoziatore duro. Un negoziatore che vuole controllare il processo di comunicazione deve padroneggiare perfettamente la tecnica dell'ascolto attivo - una parafrasi.

Sentiamo la frase dell'interlocutore e, partendo da essa, costruiamo una parafrasi, composta da due parti. La prima parte - parole introduttive: "Ti capisco correttamente ...", "Allora, volevi dire ..." e così via. La seconda parte è l'interpretazione della frase detta dall'avversario.

Per esempio:

... avversario: "Non possiamo collaborare con te."

Opzioni di parafrasi:

..."Ho capito bene che hai già scelto per te un altro fornitore?"

... "Ho capito bene che quest'anno hai esaurito il budget e tra sei mesi dovremmo riprendere la conversazione?". . "Quindi non ti ho convinto?"

Interpretiamo le parole dell'interlocutore a seconda della direzione in cui vogliamo rivolgere la conversazione. Nell'esempio sopra, la parafrasi consente di comprendere il motivo del rifiuto, prendere piede e proseguire i negoziati. Naturalmente, la parafrasi potrebbe non risolvere questi problemi. Ma se non ci proviamo, partiremo con il tipico: “Non possiamo collaborare con te”, non sapendo perché, cosa farne e se è stato possibile salvare la situazione al tavolo delle trattative.

Individuazione dei bisogni

Affinché l'interlocutore possa dire "sì" nelle trattative, è necessario soddisfare i suoi bisogni. E per questo devono essere identificati utilizzando domande. Si allineano in una sequenza specifica.

Stiamo chiarendo la situazione oggi. Le domande iniziano con le parole "cosa", "dove", "quando", "quanto", "chi", ecc. Quanto meglio il negoziatore conosce la situazione dell'avversario, tanto più accuratamente può scegliere l'argomentazione.

Determina la zona di disagio dell'interlocutore e il modo per superarlo. Per questo, domande come: "Cosa vorresti cambiare nello stato attuale delle cose?" La maggior parte dei negoziatori parla delle proprie esigenze. Ma succede che una delle parti si presenti con i desideri dell'interlocutore. “Ebbene, come ... E così è tutto chiaro! Non per la prima volta. " Di conseguenza, il "saccente" comincia a soddisfare non le reali esigenze dell'interlocutore, ma le sue idee su di esse. Pensare alle esigenze dell'interlocutore può portare alla sua irritazione: "Perché decidono per me ciò di cui ho bisogno?" e "Perché mi offrono ciò di cui non ho bisogno e mi fanno perdere tempo?" Allo stesso tempo, i negoziati possono diventare difficili o addirittura interrompersi del tutto. Pertanto, dopo la situazionale, sono necessarie domande di chiarimento, al fine di comprendere meglio l'avversario. Una domanda molto importante, che può suonare sia nella prima fase dei negoziati che alla fine, è domanda di criterio: «Cos'è particolarmente importante per te nella nostra offerta? "," Quali criteri utilizzi per scegliere il tuo partner? " Se i negoziati sono bloccati e sentiamo "no" o "forse" e non capiamo cosa farne, la questione dei criteri può salvare la situazione.

Identifica i punti di incontro bisogni e interessi dell'interlocutore e dei nostri desideri, nonché opportunità. Grazie a loro, le persone si siedono al tavolo delle trattative. Allo stesso tempo, terremo conto del fatto che quando arriviamo alle trattative, non ci occupiamo di uno, ma di almeno due tipi di esigenze: la persona seduta di fronte e la società che rappresenta.

L'azienda X vuole lavorare con la catena di supermercati Y. Dopo aver preparato le trattative, il fornitore offre un prodotto popolare e di alta qualità progettato per il pubblico di destinazione del supermercato a un prezzo adeguato. Tutto sembra andare per il verso giusto, ma l'acquirente, che ha annuito su tutte le proposte dell'interlocutore, al termine della trattativa mostra poco entusiasmo e dice: “No. Cos'altro puoi suggerire? " E così diverse volte.

Potrebbe sembrare che sia in trattative difficili per ottenere un prezzo migliore. In questa situazione, i fornitori spesso fanno delle concessioni. Ma è giusto? Non offrire sconti finché non viene richiesto. E se richiesto, contrattiamo in pieno! Ma se non uno sconto, di cosa ha bisogno un acquirente? Probabilmente...

1. Le esigenze di sicurezza umana non sono state prese in considerazione.

Se il corso delle negoziazioni provoca tensione nell'avversario, potrebbe sembrargli che non puoi fare affidamento sulla parola dell'interlocutore.

2. Non preso in considerazione i bisogni sociali - l'avversario può decidere che non è apprezzato, non rispettato, vuole solo soldi da lui. Vuole anche essere riconosciuto e rispettato come persona, e anche come uomo o donna.

3. Non preso in considerazione i singoli bisogni commerciali. Ad esempio, un negoziatore sta aspettando un "rollback" e gli viene comunicato l'autorealizzazione dell'azienda. L'acquirente sente il fornitore? È motivato a collaborare? Naturalmente, non puoi chiedere a un acquirente se i suoi bisogni umani vengono soddisfatti. Ma le domande sono: "Cos'altro devo dirti per farti dire di sì?" oppure: "Cos'altro vorresti vedere nella nostra offerta per interessarti?" - vale la pena chiedere. Paura di sentire un'offerta che non puoi soddisfare? Va bene, questa è una proposta, non un ultimatum. Affare! Ma se inizi a offrire questo e quello da solo, cercando di indovinare di cosa ha veramente bisogno il tuo avversario, rischi di non essere colpito o è bello pagare più del dovuto: prenderà questo e quello e chiederà qualcos'altro. Quindi facciamo domande per identificare i bisogni. È vero che più hai bisogno di imparare, maggiori sono le tue possibilità di vincere? È importante osservare la misura qui. Non dovrebbero esserci domande

uno in più del necessario per identificare i bisogni. Per non uccidere l'interlocutore, le domande devono essere preparate prima dei negoziati, il loro numero dovrebbe essere limitato e tutti dovrebbero essere attentamente pensati, colpiti nel bersaglio. Se l'interlocutore non ha voglia di rispondere alle domande, chiede: "Sono sotto interrogatorio?" - dovresti cambiare tattica e fare una piccola presentazione o rispondere alle domande di una controparte. Quando si rilassa, puoi continuare dolcemente l'intervista.

presentazione

Ora dobbiamo "investire" nelle esigenze e negli interessi dell'interlocutore, nelle proprietà e nei benefici del nostro prodotto. Solo ora! Una presentazione in una negoziazione dovrebbe apparire solo dopo aver identificato i bisogni e non immediatamente dopo un saluto. Il modo di impacchettare le informazioni disponibili - l'argomentazione - può essere diverso, a seconda di chi è destinato.

Secondo il canale predominante di percezione delle persone sono divise in diversi tipi:

il visivo - una persona che percepisce la maggior parte delle informazioni con l'aiuto della vista;

uditiva - colui che riceve le informazioni di base attraverso l'udito;

Kinestetik - una persona che percepisce le informazioni attraverso altri sensi (olfatto, tatto e altri);

digitale (da Inglese... digitale - digitale) - qualcuno che pensa in schemi complessi e parla con frasi lunghe, comprese diverse espressioni partecipative e avverbiali.

Considera le caratteristiche della percezione con l'esempio. Abbiamo due definizioni di argomento.

validità Rappresenta forma attività umane nelle quali si realizza come personalità linguistica e in cui sono coinvolte le sue conoscenze e idee, il sistema di valori e buon senso, le capacità comunicative e la cultura logica, gli stati epistemici ed emotivi, i parametri sociali della situazione argomentativa.

ragionamento - un modo per formare le convinzioni dell'ascoltatore portando argomenti (argomenti) che sono significativi per un determinato pubblico al momento. Concordo con entrambe le definizioni, sebbene la prima sia di difficile lettura, mantenendo il pensiero dello scrittore dall'inizio della frase alla sua fine. In ogni caso per me è difficile, perché non sono un digitale, per il quale la prima definizione sarà più comprensibile.

Non è un compito facile comunicare con una persona con una mentalità diversa! I buoni comunicatori si adattano all'interlocutore: la velocità e il volume del discorso, le parole e le frasi, fino agli errori di pronuncia. Se tu stesso sei digitale e l'avversario no, non dovresti considerare l'interlocutore ottuso e lento: ha solo un modo di pensare diverso. Prova a sostituire tutte le parole ei concetti complessi con quelli semplici, rompi schemi complessi

su molti semplici. E sii paziente!

Durante le negoziazioni, è difficile prestare molta attenzione all'adattamento di elementi visivi, uditivi e cinestetici: ci sono troppe altre cose importanti di cui tenere traccia. Per coprire il più possibile le tipologie di interlocutori, è utile disporre di materiali, campioni e documenti per i visual, lo stesso “tocco” per la cinestetica e il solito “parlare” nelle trattative per gli auditor.

D'altra parte, per creare la massima tensione e il disagio per l'interlocutore, è possibile comunicare con lui non sul suo canale di comunicazione.

Parliamo con l'interlocutore nella sua lingua e nelle sue parole, adattandoci alla sua immagine del mondo. Poi ci capirà e deciderà che davanti a lui c'è il suo, che lo capisce come nessun altro.

Gestione delle obiezioni

Le regole per trattare le obiezioni sono abbastanza semplici, ma è questa fase dei negoziati che causa grandi difficoltà. Perché? Ai negoziatori sembra che se l'interlocutore esprime dubbi e disaccordo su alcune questioni, non gli piace la proposta nel suo complesso. Oppure si percepisce che l'obiettore vuole offendere, umiliare, "eliminare gli sconti", ecc., Cioè condurre trattative difficili.

Infatti le obiezioni sono:

… Chiede all'interlocutore: “Non mi hai rivelato tale necessità o criterio. Soddisfarli e ottenere il mio sì;

... prova che l'interlocutore è interessato alla comunicazione.

Le obiezioni sono una grande opportunità per negoziare. Questo è il materiale di analisi e preparazione per i prossimi negoziati.

Durante l'elaborazione delle obiezioni è estremamente importante:

1. Tratta loro e il protestante in modo positivo.

2. Ricorda che le obiezioni non riguardano il negoziatore come persona, ma la questione in discussione.

3. Non affrettarti a rispondere, interrompendo il tuo avversario. Spesso una delle parti pensa: "Sì, so di cosa sta parlando ..." - e l'interlocutore viene interrotto, cercando di rispondere rapidamente. Oppure, non appena l'ascoltatore "ha compreso" l'essenza dell'obiezione, spegne l'udito e pensa alla risposta. Pertanto, la risposta è spesso corretta, ma a un'altra domanda: alla tua idea di ciò che l'interlocutore voleva dire e non a ciò che ha detto veramente. È improbabile che questo piaccia all'interlocutore. Ripeti la domanda? In qualche modo scomodo ... E l'obiezione "si blocca" - con tutte le conseguenze negative per le relazioni e le negoziazioni.

4. Se il significato dell'obiezione non è chiaro, deve essere chiarito. In caso contrario, potresti rispondere all'obiezione sbagliata o essere manipolato. Ad esempio, l'obiezione: "E il tuo

i concorrenti costano meno ”- non è adatto per una risposta. Non è chiaro chi ha quale prodotto, ecc. Cosa confrontare? Oppure l'obiezione è volta a farci perdere l'equilibrio emotivo in modo che, dandoci un dato di fatto, iniziamo a fare sconti, per non rimanere indietro rispetto ai concorrenti e non perdere un cliente. Pertanto, prima di rispondere all'obiezione, è necessario porre domande di chiarimento: "Che cosa ti ha offerto esattamente il concorrente: assortimento, servizio, logistica?" E solo dopo aver ricevuto il massimo delle informazioni, puoi sostenere la tua offerta di prezzo.

5. Non puoi discutere con un partner. Siamo d'accordo con il fatto: "Sì, è costoso" - se è davvero così. Oppure concorderemo con il diritto della controparte di preoccuparsi di soddisfare il bisogno. Obiezione: "Penso che le tue condizioni siano sfavorevoli per noi" - afferma che è importante per l'interlocutore che l'accordo porti benefici, e il denaro e gli sforzi investiti darebbero il rendimento atteso. Ha il diritto di preoccuparsene? Sì! Quindi sta aspettando che lo convinciamo. Siamo d'accordo con lui: "Sì, è molto importante che lavorare con noi sia vantaggioso per te".

6. Dopo aver concordato con il fatto o le necessità dell'avversario, si procede all'argomentazione. "Diamo un'occhiata a cosa compone il prezzo", "Sì, è costoso, ed è per questo che è vantaggioso per te: 1), 2) ...", "Vediamo qual è il vantaggio per la tua azienda".

Lavora con resistenza

Quanto è difficile dialogare con un interlocutore che resiste alla nostra proposta! Stiamo litigando comunque, e così, e lui: “No! Questo probabilmente non è interessante, irrilevante. Qualche tempo dopo. Continueremo a pensare ". Allo stesso tempo, non si può cogliere la logica del suo rifiuto. In ogni caso, l'interlocutore non nomina le ragioni del rifiuto. Perché una persona resiste? A volte incontriamo persone che soffrono quando fanno la spesa al supermercato: camminano lungo gli scaffali e soffrono: “Compra questi tovaglioli o quelli? Questi o questi? E se li compro, cosa succede se non assorbono bene l'umidità? E questi ... sono troppo duri? Perché non ce ne sono di vecchi che compro da cinque anni? Perché rilasciarne di nuovi quando erano anche buoni? " Sembra una sciocchezza, ma per una determinata persona la questione della scelta è difficile. E così vicino a ogni scaffale. Coloro che hanno difficoltà a prendere una decisione resisteranno a qualsiasi situazione che offra la scelta di una soluzione su due. Il nostro interlocutore può "soffrire" del fatto che gli offriamo di cambiare qualcosa in una situazione stabile stabilita. La sua azienda lavora con i fornitori A e B. Sì, ci sono alcuni problemi e il prezzo non è del tutto soddisfacente. Ma il nostro avversario conosce bene le persone di queste aziende e sa chi chiamare se succede qualcosa. E ci proponiamo di cambiare tutto: per comunicare con nuove persone e, possibilmente, per ottenere nuovi problemi. Sì, sarà vantaggioso per la sua compagnia (soddisfa i bisogni), ma è estremamente scomodo per la persona (non soddisfa il suo bisogno di sicurezza). C'è uno scontro di bisogni, quindi la nostra proposta non sarà interessante per l'interlocutore. Le persone che hanno difficoltà a prendere una decisione sono negoziatori difficili.

E se il partner negoziale resiste? Non prendere le sue parole come un rifiuto, ma "gancio" per continuare la comunicazione. ma come farlo?

- Per percepire la resistenza come informazioni sull'interlocutore con cui è necessario lavorare, e non come un rifiuto o un cattivo atteggiamento personalmente nei nostri confronti o nei confronti della nostra proposta.

- Concorda con il bisogno di sicurezza del tuo avversario. "Sì, è molto importante che la proposta sia interessante", "Sì, la domanda è difficile e richiede tempo per riflettere".

- Percepire l'avversario come un bambino in questa materia (processo decisionale) e comportarsi di conseguenza con lui. Rassicurare: “Sì, la domanda è grande e difficile. La maggior parte delle persone impiega un po 'di tempo per capirlo. Ti aiuterò. Ora lo chiariremo e tutto andrà a posto ”. Scomponi una domanda complessa (proposta) in altre più semplici e sicure: "Consideriamo ora questo componente della nostra proposta". È importante mostrargli la sicurezza di ogni singolo passaggio: “Per prima cosa analizzeremo la situazione attuale. Facciamolo in questo modo e in quello. Sì? "," Quindi penseremo alla situazione e ti forniremo le nostre opzioni per risolvere il problema. Discuteremo tutti i punti e li correggeremo finché le nostre proposte non soddisferanno pienamente le vostre aspettative. "

Di conseguenza, la domanda grande e complessa verrà scomposta in domande più semplici e sicure. Il bambino non avrà più paura di un compito difficile e lo vedrà come poche azioni comprensibili e quindi più sicure.

Sebbene questo tipo di interlocutore richieda molta attenzione e pazienza, con l'approccio giusto, non solo puoi vincere i negoziati, ma anche costruire a lungo termine

indossare. Il bambino, aiutato dal Genitore, prende “per mano” l'aiuto e la protezione e non si lascia andare. E alla prima occasione tornerà alla Capogruppo, anche se i suoi prezzi sono superiori a quelli dei concorrenti. Non cambiare più partner!

Completamento della negoziazione

Cosa è importante in questa fase? Chiedere soldi. E chiedi: "Quindi siamo d'accordo?"

È anche importante non iniziare ad avvicinarsi alla porta dopo aver sentito "no". Non prendere "no" come risposta finale o stringere trattative per eliminare gli sconti. È necessario identificare bisogni e criteri, lavorare con le obiezioni. Poi ci sarà la possibilità di partire con un "sì".

Tra i vari metodi per portare a termine i negoziati, vorrei concentrarmi sul "metodo di Socrate". Viene anche chiamato il metodo dei "tre sì". il corretto utilizzo del metodo può aumentare le possibilità di vincita nelle trattative.

Quindi, durante le trattative, i partner discutono di varie questioni: prezzo, condizioni, termini, volumi di consegna, ecc. Molto spesso, iniziando a pronunciare una delle questioni, viene “gettata in mezzo alla strada”. Di conseguenza, al termine delle negoziazioni, si accumulano molti punti che devono essere restituiti per riconciliarsi. Oltre a far perdere tempo ed entusiasmo, riduce le possibilità di ottenere un sì: “Con così tante questioni irrisolte, non siamo ancora pronti. Torna tra una settimana. " Puoi ottenere "sì" per ogni questione discussa durante le negoziazioni: "Abbiamo discusso i tempi di consegna. Possiamo presumere di aver raggiunto un accordo su questo tema:

Il 12 febbraio è adatto alla tua azienda. Sì?" - "Sì". - "Allora passiamo alla domanda successiva." Così, durante il periodo di comunicazione, avremo accumulato una certa quantità di “sì”, e concluderemo con calma i negoziati: “Quindi, abbiamo discusso con voi tutte le questioni importanti. Abbiamo convenuto che questo ti va bene, anche quello, qui abbiamo un'intesa comune ... Possiamo firmare un accordo? " È più facile per una persona che ha già detto "sì" su tutte le questioni importanti per prendere una decisione finale, è più facile dare una risposta positiva alla domanda principale: "Quindi siamo d'accordo?"

Se alla fine della trattativa abbiamo ricevuto “no” o “forse”, puoi utilizzare il “metodo socratico”: “Torniamo ai temi discussi. Abbiamo concordato anche sul volume e sull'assortimento. Giusto? Non abbiamo domande sul prezzo? Sì? Su quale altra questione, significativa per te, dobbiamo essere d'accordo in modo che tu mi dica "sì"? " L'ultima "domanda di criterio" consente di capire se esiste un'opportunità per completare con successo le negoziazioni o il motivo del rifiuto.

Le competenze sono gli strumenti di un negoziatore. Non solo come vanno i negoziati, ma se saranno difficili o meno dipende da quanto bene l'avversario e noi li possediamo. Firma un proficuo ...
3.56
5
1
3
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Contenuti generati dagli utenti come un modo per promuovere e aumentare le vendite

Il tema della compilazione di un profilo commerciale, a quanto pare, è già stato studiato in lungo e in largo. Allo stesso tempo, ci sono molti account senza volto, simili e noiosi nello spazio online. Entrando accidentalmente su tali pagine, le sfogli rapidamente e se improvvisamente e ...
12.05.2021 1079

Come sta cambiando il contenuto del marchio di moda nei social network

In questo articolo, non parleremo di cose ovvie: una svolta nelle vendite online, riduzione dei costi, supporto per il personale e noi stessi. Molto è già stato scritto su questo, e ogni secondo articolo continua ad essere pubblicato. Esperto SR Elena Vinogradova ...
19.06.2020 8686

Colori ricchi, flora, stile ecologico e astrazione. Quattro tendenze principali nella vetrina di quest'anno

La stagione estiva 2020 nella progettazione di vetrine di negozi di moda si svolgerà sotto il segno di luminosità, motivi astratti e floreali. Laconicismo, rispetto dell'ambiente, attitudine consapevole verso la natura, la sua biodiversità e le risorse del pianeta, come prima, rimangono di tendenza ...
09.06.2020 7877

Come creare un marchio di scarpe significativo

Deborah Cianciotta è una delle più rispettate e rispettate esperte nel mondo delle scarpe. Consulente di marketing, guru della formazione, specialista del branding del prodotto, ha co-fondato la American ...
05.11.2019 7862

Come utilizzare le capacità dei social network nel lavoro quotidiano con i clienti?

La digitalizzazione ha catturato tutte le aree dell'economia, compresa la vendita al dettaglio. Sulle pagine della nostra rivista parliamo costantemente di nuovi modi di comunicare con i clienti utilizzando tecnologie digitali che aiutano ad aumentare il traffico, aumentare le vendite, ...
15.10.2019 7626
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio