Rieker
Camper e architettura mondiale
13.11.2010 12972

Camper e architettura mondiale

SR77_Merchandising_Camper_1.jpg

Per qualche ragione, la nostra identità aziendale ha iniziato a essere percepita esclusivamente come conformità a standard esterni, in modo che tutti i negozi siano uguali. La non conformità delle vetrine agli standard aziendali è punibile con una multa. Deviazioni nell'assortimento - privazione dello sconto. La mancanza di uniformi tra i venditori significa perdita di bonus. Sembrerebbe che tale rigore sia assolutamente giustificato. Dopotutto, chiunque in qualsiasi città della presenza della rete dovrebbe ricevere lo stesso servizio e la stessa esperienza visiva. Questa è la regola d'oro del marchio. Tuttavia, non ci sono regole senza eccezioni ... La prima azienda di scarpe è stata violata dall'azienda spagnola Camper. Per ogni paese, l'azienda costruisce un concetto di merchandising separato. I possibili vantaggi di questo approccio sono stati studiati da Evgenia Bubnova.

Che cos'è Camper

Ufficialmente, il marchio Camper ("Contadino") è stato registrato nel 1975. Ufficiosamente, l'azienda che ha iniziato a produrre calzature con questo marchio è gestita dalla terza generazione di produttori di calzature. Nel 1877, Antonio Fluxa si recò in Inghilterra per studiare nuovi metodi di produzione industriale di scarpe. Quando tornò, radunò una squadra di artigiani nella città di Inca (Maiorca), installò le prime macchine e organizzò una produzione di scarpe rivoluzionaria per quel tempo.

Come Camper è entrato nel commercio al dettaglio

Camper ha aperto il suo primo negozio a Barcellona, ​​in Spagna, nel 1981. La motivazione era semplice: dopo diversi anni di vendite in multimarca, i proprietari del marchio si sono resi conto che queste scarpe avevano bisogno di un habitat completamente diverso. Da un lato, più ironico (in linea con la filosofia del marchio). D'altra parte, è più intimo (in modo che i clienti possano chattare con la coppia che preferiscono uno a uno).

L'apertura del negozio ha contribuito allo sviluppo della componente visiva del marchio: la creazione di borse, armadi, espositori, poster, opuscoli pubblicitari e cataloghi.

Il concetto di negozio self-service in sé, in cui l'intera gamma di dimensioni per ogni modello era esposto nella hall, era rivoluzionario per quel tempo.

L'apertura del primo punto vendita ha portato alla decisione di cambiare il logo. L'originale - su sfondo nero - si fondeva con la facciata. Ecco come apparivano le lettere rosse su uno sfondo bianco.

Come Camper è diventato un marchio internazionale

All'inizio degli anni '1990, Camper è entrato nell'arena internazionale. La società si sentì abbastanza forte nel mercato interno, ma all'estero, la sfiducia nei confronti dei marchi spagnoli era forte. Le Olimpiadi del 1992, tenute a Barcellona, ​​hanno contribuito a sbarazzarsi di lui. Hanno sostanzialmente cambiato il loro atteggiamento nei confronti della Spagna.

Dopo le Olimpiadi, Camper ha iniziato a promuovere in più città contemporaneamente, le più difficili dal punto di vista del marketing: Londra, Parigi e Milano. A proposito, è stato allora che i proprietari del marchio hanno apprezzato quanto fossero simili le catene di negozi in tutto il mondo. Camper ha deciso di abbandonare la corrente nel mainstream e trovare la sua. Nasce così l'idea di adattare i negozi alla cultura delle città in cui vengono aperti. Naturalmente, alcuni degli elementi più importanti del marchio sono rimasti invariati. È vero, è difficile chiamarli materiali. Camper è spirito mediterraneo, ottimismo, luce, trasparenza e leggerezza. E questo è un livello di complessità completamente diverso per la presentazione del marchio. In senso figurato, se l'identità aziendale tradizionale può essere rappresentata come un piano piatto, l'approccio di Camper può essere paragonato a un prisma sfaccettato. E quindi, i negozi Camper nel mondo non sono né costosi né economici, né europei, né americani, né asiatici. Sono tutti solo Camper.

A nostro avviso, questo approccio presenta tre vantaggi chiave. In primo luogo, ci sono molte più opportunità per lo sviluppo di idee di merchandising. In secondo luogo, il rispetto per il patrimonio culturale crea un pubblico più fedele. In terzo luogo, diversi concetti di negozio incoraggiano gli acquirenti di viaggi fedeli a fare acquisti comparativi: "Come viene fatto dai vicini?" Ricordiamo che la crescente mobilità della popolazione è definita una delle principali tendenze di consumo. Ci sono due sfide chiave per il concetto di Camper: come mantenere l'identità del marchio e come coordinare tutti i processi di merchandising nei negozi.

“La sede centrale controlla completamente le attività di marketing del marchio in tutto il mondo. Il concetto creativo è lo stesso per tutti i paesi. Anche gli obiettivi di marketing globale per tutti i paesi sono gli stessi, ma l'azienda adatta i canali di comunicazione in ciascuno dei paesi in cui è presente in base alla fase del ciclo di vita del marchio e alle specifiche del mercato ", afferma Alena Kolosova, Advertising Manager di Camper Russia

SR77_Merchandising_Camper_2.jpg

Come Camper raggiunge la diversità dello shopping

Nel 2006 è stato lanciato il progetto Camper Together. La conclusione è che l'azienda attrae persone eminenti nel loro campo per la cooperazione e fornisce i suoi negozi come piattaforma per esperimenti. È un'alleanza tra il marchio e gli esperti nel campo dell'arte, del design e dell'architettura. I negozi per Camper sono progettati da designer come Fernando Amata, Marty Guikse e Shiro Miura. Il costo di un progetto a volte raggiunge i 400mila euro (questo vale per 50-60 mq, i concorrenti dai vertici del segmento di massa raramente spendono più di 100mila euro).

Londra

Il primo partecipante al progetto Together è stato il designer e architetto spagnolo Jaime Ayon, che ha progettato il negozio Camper a Faubert's Place di Londra. Ha usato i colori aziendali del marchio - bianco e rosso - e ha lasciato respirare il negozio: minimalismo, pareti bianche nude, un pavimento rosso lucido. Il London Camper di Hayon sembra una mostra: tavoli dalle gambe sottili per l'esposizione di arte calzaturiera, lampade appese al soffitto che si abbinano perfettamente sia alla porcellana veneziana che alla terracotta di Maiorca.

Oscar Wilde per bocca di Dorian Gray ha detto: "Non cambierei nulla in questa città tranne il tempo". E Ayon, noto per la sua stravaganza e brama per gli effetti e la teatralità del "barocco digitale mediterraneo" (come lui stesso definiva il suo stile), scelse di abbandonare tutto ciò che sarebbe stato eliminato dal conservatorismo della capitale della nebbiosa Albione.

Tokyo

Iona è stata anche invitata a creare gli interni del negozio Camper di Tokyo. Il design è ancora una volta esclusivo e unico. Su due piani del negozio fantasy di Aion, c'era un posto dove vagare: progettava mobili in modo indipendente, vasi decorati e altro ancora. "Mentre lavoravo al progetto, mi sono ispirato alle immagini del circo", ammette il designer. - Ci sono molti colori e nozioni. Il risultato del mio lavoro è uno spazio pieno di luce e di vita, che invita le persone a sognare. Quando un visitatore vuole aprire la porta del negozio, inevitabilmente tocca la maniglia a forma di caramella al caramello e rivela le meraviglie che lo aspettano all'interno. Non ci sono angoli qui, solo linee morbide. Il contrasto tra le pareti dipinte in modo ordinato e il pavimento in cemento intatto è sorprendente. Un tavolo lungo e stretto al centro della hall e pannelli di vetro verticali dividono lo spazio, mentre specchi dipinti ingrandiscono visivamente la stanza e creano un'atmosfera accogliente. Lo spazio è inoltre diviso da pannelli verticali in vetro. I bicchieri colorati creano una magica trasparenza dell'aria e riempiono di freschezza questo negozio ".

Parigi

Uno dei negozi Camper di Parigi è stato progettato dai designer francesi, i fratelli Ronan ed Ervan Burullek. Dal 1999, le creazioni di design di Burullek sono state rilasciate con marchi come Vitra, Cappellini, Issey Miyake, Magis, Ligne Roset, Habitat. Non sono indifferenti alla cultura e all'estetica giapponese, e quindi creano interni nello spirito della moderna metropoli giapponese. L'intero negozio Camper è progettato in rosso, le pareti sono coperte con coperte della stessa tonalità. I designer hanno progettato mobili che non solo si adattano al concetto di Camper con la sua leggerezza, ma sono anche molto pratici: puoi metterti dei modelli e sederti, provando le scarpe. A proposito, le scarpe sono presentate sia su tavoli standard, sia montate sul muro, a volte capovolte.

Un altro negozio parigino è opera di Alfredo Heberli, designer svizzero con radici argentine. Ha indossato abiti bianchi sui lampadari - pantaloni, gonne e camicie, alle pareti ha appeso 80 delle sue opere grafiche sul tema delle scarpe.

Jean Cocteau aveva ragione quando disse: «A Parigi, tutti vogliono essere attori. Il destino dello spettatore non si addice a nessuno ". Quindi è qui. Le scarpe non sono un mobile, sono la prima di Camper francese!

Valencia

Nel 2008, Alfredo Heberly ha collaborato alla progettazione del negozio Camper di Valencia. A proposito, nell'intervallo tra Parigi e Valencia, è riuscito a organizzare negozi a Roma e Barcellona.

Secondo il designer, il lavoro di interni a Valencia è stato ispirato dallo slogan Camper "Don't Run, Walk!". Nella progettazione sono stati utilizzati ... tricicli! Inoltre, Heberli ha usato il suo colore bianco preferito e il negozio ha subito avuto molto spazio e aria. I muri sono vuoti ei tavoli su cui sono esposte le scarpe ricordano le tortuose piste ciclabili del parco giochi.

Il bianco è il colore "firma" della stessa Valencia. La città è famosa per la sua capacità di colorare la vita con colori allegri. Biancaneve è le pareti delle case e dei progetti futuristici di Santiago Calatrava. L'arancio è una celebrazione del fuoco delle Fallas e degli aranci. Ultramarine è il blu più puro del cielo. I colori sono così puri e saturi che Valencia sembra una bambina: allegra, gentile ed energica. Ciò è completamente in linea con la filosofia di ottimismo di Camper.

SR77_Merchandising_Camper_5.jpg

Mosca

E nella GUM della capitale, Heberly non poteva farne a meno! E ancora, il suo colore bianco preferito: niente di più, solo scarpe e tavoli curvi su cui è esposta.

Secondo Elena Kutepova, merchandiser russa Camper, che ha già progettato due negozi a Mosca e uno a San Pietroburgo, gli spagnoli non interferiscono con il processo creativo di designer e merchandiser nazionali: “I nostri colleghi spagnoli sono molto fedeli. Certo, teniamo conto della capacità dell'area di vendita, dell'assortimento presentato, se ci sono “hit”, li mettiamo in primo piano. I successi in Spagna non sempre coincidono con i successi in Russia. Inoltre seguiamo programmi di promozione speciale.

Ora stiamo eseguendo un programma leggero, cioè sia nel lavoro dei venditori che nella progettazione dei negozi, ci concentriamo sui modelli leggeri della collezione. E di conseguenza, evidenziamo la nostra linea Pelotas x-light. Il programma inizia contemporaneamente in Russia e Spagna. Quando ci arriva una nuova collezione, il display è diviso in più parti, ognuna delle quali corrisponde a un particolare programma. Si tratta di modelli leggeri, le vetrine sono completamente dedicate a loro, nient'altro è in mostra e la sala è incentrata sulle Pelotas. Tra un mese verrà promosso un altro modello e tutta l'attenzione sarà focalizzata su di esso ".

Ciò che gli architetti fanno delle scarpe Camper

Per progetti comuni, Camper seleziona giovani designer e architetti poco conosciuti ma di talento il cui lavoro è vicino allo spirito dell'azienda.

Oltre al design dei negozi, gli architetti partecipanti al progetto Together disegnano scarpe per il brand. Così, per l'ultima stagione autunno-inverno, Jaime Ayon ha rilasciato una linea di boxer con suola in gomma con allacciatura alta e stivali con cuciture a contrasto, e il parigino di origine tedesca Bernard Wilhelm - una collezione di stivali da passeggio alla caviglia, a metà polpaccio e al ginocchio realizzati in pelle invecchiata a coste suola. Le scarpe di Heberli e dell'artista Maria Blasse sono molto richieste.

"Il progetto del negozio in GUM è stato realizzato dall'architetto Alfredo Heberli, e ha anche sviluppato un modello di calzatura, molto insolito, che ha suscitato grande interesse", dice Elena Kutepova. “Sono evidenziati con un poster raffigurante l'architetto e collocati in un posto speciale e più prominente.

Nel 2010, il designer di mobili olandese produce scarpe per Camper Hella Jongerius Alcuni anni fa, i vasi di gomma del suo studio sono diventati una sensazione. I colleghi del negozio definiscono le cose di Hella "delicate, delicate e spiritose". Ha ricevuto più volte il titolo di "Designer of the Year" sia a casa che in Francia.

SR77_Merchandising_Camper_4.jpg

"Quando Camper mi ha invitato a partecipare a un progetto di design per uno dei negozi oa disegnare scarpe per lei, non ho esitato a lungo", scrive Hella sul suo blog. - Non sono un designer di scarpe e molti designer prima di me hanno già avuto successo in questo settore. Tuttavia, con la passione per le belle scarpe, sono stato incuriosito dall'offerta. E ho deciso di partire da dove sono rimasti i miei predecessori. Attingendo alle loro spalle e alla loro esperienza, ho avuto una grande opportunità di lavorare con le icone di stile Camper. Camper è, a mio avviso, una testimonianza vivente delle vaste opportunità offerte da un'azienda familiare. È fantastico lavorare con Camper, sono molto originali di per sé e aperti a tutto ciò che è nuovo, e quando mi hanno invitato nel loro mondo, ho ricevuto una master class unica nel campo del design di scarpe! "

Dal 1981 Camper ha aperto 100 negozi in tutto il mondo, ognuno con uno spirito camperista unico. Pertanto, a Tokyo, a Berlino, a New York ea Mosca, si respira l'aria del Mediterraneo.

Per la cronaca

Camper è un'azienda a conduzione familiare, iniziata nel 1877 a Maiorca, in Spagna; i segreti del mestiere si tramandano di padre in figlio da 130 anni.

Il marchio Camper è registrato nel 1975.

Appartiene alla famiglia Flux.

Rete: oltre 150 negozi in più di 70 paesi.

Vendite nel 2008: circa 4 milioni di paia di scarpe.

Per qualche ragione, la nostra identità aziendale iniziò a essere percepita esclusivamente come conformità a standard esterni, in modo che tutti i negozi fossero ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Regole di progettazione per un negozio di scarpe e accessori

Quando visiti un negozio di scarpe, come cliente, presti attenzione a come è organizzata l'area di vendita: dov'è la cassa, dov'è la zona fitting e c'è abbastanza di quest'area all'interno del negozio o c'è una fila di chi voglio provare le scarpe, ma non...
31.05.2021 1271

Trasformazione del visual merchandising di scarpe e accessori influenzati dalla pandemia

Le restrizioni sulla pandemia e sulla quarantena hanno portato a cambiamenti globali in tutte le aree, compresa la vendita al dettaglio di moda. Le nuove condizioni richiedono un adattamento. La solvibilità e il comportamento del cliente sono cambiati in modo significativo durante la pandemia, il formato ...
25.05.2021 1254

Presentazione pop-up

Il pop up store è un formato di successo nella vendita al dettaglio di moda, che si prevede rafforzerà, prospererà e nuove forme a medio termine. L'emergere del concetto di pop up store nell'industria della moda è attribuito al marchio di lusso giapponese di abbigliamento, calzature e ...
02.04.2021 2148

Il sistema di merchandising nella nuova era: cosa bisogna cambiare nella vendita al dettaglio di scarpe?

Un sistema di visual merchandising può aiutare un negozio a rimanere nel mercato anche nei momenti più difficili. L'esperta SR in merchandising e design di negozi Marina Polkovnikova fornisce le 5 migliori cose da fare non appena il tuo ...
17.08.2020 8381

Minimalismo, mobilità, personalizzazione. Queste e altre tendenze nell'illuminazione per negozi che sono state presentate a EuroShop-2020 a febbraio

L'illuminazione moderna e di successo è uno dei fattori principali del successo di un negozio: attrae i clienti, il che significa che il traffico aumenta e le vendite crescono. Le tecnologie e le apparecchiature di illuminazione di maggior successo e avanzate potrebbero essere viste quest'anno a ...
17.08.2020 6929
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio