Rieker
LOGISTICA: trasporto, deposito, consegna
13.05.2015 9656

LOGISTICA: trasporto, deposito, consegna

Un rivenditore al bivio: prezzo o qualità?

Le azioni della maggior parte degli imprenditori domestici durante i periodi di crisi sono piuttosto le stesse. Come dimostra la pratica, come nel 1998 e nel 2009, ora i consumatori di servizi logistici iniziano a prestare attenzione principalmente al loro prezzo, dimenticando completamente la qualità. Tuttavia, la scarsa qualità dei servizi è irta di perdite significative per l'azienda.

Cosa accadrà al mercato della logistica nel contesto della crisi in corso, chiedete? Certo, gravi cambiamenti lo attendono. Le piccole strutture logistiche che operano nel settore dell'educazione dei servizi a basso prezzo con una bassa percentuale di modernizzazione e bassa produttività del lavoro scompariranno dal mercato. Ad essi si uniranno quelle aziende logistiche che hanno aderito alla strategia di crescita esponenziale e conquistano la massima quota di mercato. La portata del management non è stata supportata dalle capacità finanziarie degli azionisti, che in una recessione hanno semplicemente esaurito le risorse per lo sviluppo.

La diminuzione della domanda nel mercato dei servizi logistici è avvenuta in diverse direzioni. Nella logistica premium, il calo dei servizi appena attratti è stato del 25-30%. D'altra parte, le scorte di clienti già contrattati presso gli stessi operatori logistici sono aumentate del 10-15% a causa di un calo della domanda dei consumatori da parte di società pubbliche e di clienti esterni. Di conseguenza, la riduzione del traffico sulla lavorazione delle merci nelle operazioni di magazzino.

Nella logistica ordinaria, approssimativamente gli stessi indicatori di una diminuzione dei servizi logistici ordinati. Ma il problema è nella logistica ordinaria, dove c'è un basso livello di automazione e qualifiche, i clienti sono più suscettibili ai cambiamenti delle condizioni di mercato e più gravi pressioni per ridurre i prezzi dei servizi logistici. Tale logistica viene eseguita principalmente in magazzini di classe "B", "C" e "D" con parametri tecnici bassi e il cliente ha sempre una serie di argomenti che non possono essere ignorati in una crisi, e di conseguenza, tali operatori logistici devono ridurre ulteriormente i prezzi a causa di paura di perdere i clienti esistenti e l'incapacità di attrarne di nuovi da sostituire.

Guerre dei prezzi

Le variazioni di prezzo in una direzione o nell'altra si verificano sempre e questo, prima di tutto, dipende dal cliente stesso. È facile giocare a un prezzo quando le merci in magazzino, il numero di personale coinvolto è piccolo, poiché le merci non vengono spostate e non elaborate. È una questione completamente diversa abbassare i prezzi dei servizi per i clienti transnazionali attivi con il loro enorme fatturato e una rigida catena di fornitura alle reti chiave. In termini relativi, l'indicatore di prezzo per un certo numero di posizioni può fluttuare nella logistica premium nell'intervallo tra più o meno il 10%. Nella logistica ordinaria, questa gamma è molto più elevata e può essere compresa tra più o meno il 20%. C'è anche una grande differenza nella deviazione di prezzo per i servizi logistici nelle regioni, esclusa Mosca e parzialmente San Pietroburgo, dove c'è un significativo declino dell'attività dei clienti nella logistica di magazzino.

Il dumping è sempre stata una strategia “anti-mercato” che ha rovinato molto sangue agli operatori logistici professionisti. Ora negli affari tutto è abbastanza trasparente ed è abbastanza facile calcolare il costo delle operazioni e la redditività dei processi aziendali. E se sul mercato compaiono aziende che offrono servizi logistici due volte più economici del mercato, le spiegazioni sono solo due:

- le società falliscono e cercano di aggrapparsi al mercato con qualsiasi mezzo, compresi i prezzi bassi in perdita per se stessi;

- quando sul mercato, per vari motivi, è comparso un numero significativo di scaffalature per corsie strette, che consente di mantenersi leggermente sopra lo "zero" anche a prezzi bassi.

Tuttavia, per il settore della logistica premium, dove personale altamente qualificato e tecnologie sviluppate dei processi aziendali, da due lati: sia dal lato del fornitore di servizi logistici che dal lato del consumatore di servizi, il consenso sui prezzi è raggiunto più velocemente.

Nel settore della logistica premium, è previsto un aumento dei prezzi per le operazioni di base. Sembrerebbe una crisi e come può essere? Tuttavia, prima di tutto, poiché i contratti conclusi 3-4 anni fa, funzionano ancora alle tariffe di quegli anni. In secondo luogo, negli ultimi tre anni, l'inflazione cumulativa era pari a circa il 30%, alla fine del 2015 verrà aggiunto un altro 15-20%. In terzo luogo, il rublo si è deprezzato quasi due volte da 30 rubli per dollaro a quasi 60 rubli. E come sapete, la quota della retribuzione dei dipendenti nei costi logistici è di circa il 30-40%, il che non può che mettere sotto pressione il prezzo. Pertanto, dovremmo aspettarci una correzione del costo dei servizi logistici di circa il 15-20% entro la seconda metà di quest'anno.

Pieno fuori

L'outsourcing si è rivelato uno dei modi per ottimizzare i processi logistici e i costi per l'azienda. In condizioni difficili del mercato di crisi, questo servizio era molto popolare.

Secondo gli analisti aziendali, nel 2015 il volume del mercato in outsourcing per i servizi di trasporto e logistica supererà gli 800 miliardi di rubli, con un mercato in crescita di circa il 20%. Questa conclusione è stata raggiunta dagli analisti di City Express, un importante operatore logistico russo. Secondo gli esperti, un'analisi comparata della struttura dei cambiamenti nei portafogli di prodotti nel mercato della logistica, nonché un'analisi delle dinamiche dei cambiamenti nel portafoglio clienti per il periodo 2007-2009 e 2013-2014, mostra che in periodi economicamente instabili vi è un trasferimento attivo di esternalizzazione dei servizi logistici da parte delle aziende.

Secondo l'analisi del mercato dei servizi logistici, oltre il 30% delle aziende in Russia ora esternalizza le proprie operazioni logistiche. Si ritiene che la crescita esplosiva dell'e-commerce e lo sviluppo dei negozi online siano il motore principale della crescita di questo mercato. Secondo gli esperti di J'son & Partners Consulting, nei prossimi tre anni le vendite via Internet (comprese le calzature) cresceranno di circa il 20-25% all'anno.

D'altra parte, la situazione economica del paese è difficile e la forte concorrenza costringe la maggior parte dei rivenditori a massimizzare l'ottimizzazione dei costi, che a sua volta stimola la crescita del mercato dell'outsourcing dei servizi logistici. E poiché l'interesse dei consumatori per i segmenti del segmento FMCG continua a crescere, principalmente nelle calzature nelle regioni, produttori e rivenditori sono interessati al servizio di qualità delle società di logistica.

Nella situazione attuale, per mantenere e rafforzare la posizione delle imprese, i partecipanti al mercato della logistica devono migliorare costantemente la propria competitività. I principali punti di crescita sono l'offerta di soluzioni logistiche specifiche del settore che soddisfano le massime esigenze di business dei clienti, lo sviluppo dell'autonomia delle vie di trasporto regionali.

Ma il segmento "adempimento" ha il maggiore potenziale di sviluppo: l'outsourcing della logistica interna e della gestione delle scorte, la cui quota in Russia è di circa il 12-14%. La realizzazione di questo potenziale contribuirà a portare l'attività logistica in Russia a un livello fondamentalmente nuovo.

Secondo il direttore generale di Optima Logistics, Georgy Vlastopulo, la cosa principale ora è resistere a fattori negativi esterni e interni e mantenere ciò che è stato guadagnato e lasciare un'opportunità per lo sviluppo del business. “L'outsourcing offre molte opportunità. Innanzitutto si tratta di una riduzione dei rischi associati alle attività logistiche e doganali, che vengono trasferite alla società di outsourcing. Allo stesso tempo, i rischi sono protetti non solo concettualmente, ma anche legalmente. Si verifica la messa a fuoco

sulle principali competenze, il rilascio di risorse amministrative, che consente di implementare i processi secondari dell'azienda e ottenere ulteriori vantaggi competitivi. Riduzione degli investimenti di capitale in aree non centrali delle attività dell'azienda e, di conseguenza, l'emergere di fondi gratuiti per migliorare l'efficienza della propria attività ...

Scappare da problemi

Negli anni di pratica, molti rivenditori di scarpe hanno abbandonato la dicitura "Difficoltà", riqualificandoli in compiti e attenti dettagli nel contesto del settore, nomenclature dei prodotti, ecc. Se hai conoscenza ed esperienza, qualsiasi prodotto che richiede lo sdoganamento dovrebbe essere algoritmico e coerente. Se conosci il processo, la sua implementazione avviene nelle condizioni più confortevoli per tutti i partecipanti.

Quando si fabbricano scarpe, è necessario considerare le seguenti caratteristiche:

1. Tutte le calzature sono divise per appartenenza ai marchi "lusso" - i marchi più famosi, "comfort" - i marchi dichiarati, "senza nome" - marchi che non sono presenti nelle prime due categorie. Esistono diversi livelli di rischio doganale per ciascuna categoria. L'indice del valore in dogana per il sistema di gestione del rischio è formato "al paio", ma le autorità doganali controllano anche il costo "al kg". Alcuni marchi sono inclusi nel Registro degli oggetti di proprietà intellettuale, per questo prodotto è necessario ottenere l'autorizzazione dal titolare del copyright di questo marchio nel territorio della Federazione Russa (se il destinatario non è incluso nell'elenco dei fornitori ufficiali del marchio

2. Codice SA. È importante determinare correttamente il codice corretto al fine di verificare gli stessi rischi e determinare i pagamenti doganali.

Per questo, è necessario ottenere una descrizione dettagliata dei prodotti (specialmente per scarpe speciali, protettive e sportive) nel contesto di: nome della scarpa (stivali, stivali, scarpe, ecc.); materiale unico; materiale superiore; metodo di fissaggio della suola e del top; altezza superiore (chiude la caviglia, il ginocchio, ecc.); scopo (sport, lavoro, ecc.); affiliazione (bambini, uomini, donne); la presenza di aggiungere. lavorazione (tomaie, cinturini, perforazione, puntale metallico, ecc.); lunghezza sottopiede (in cm); altezza del tacco, ecc.

“Vorrei sottolineare separatamente”, spiega Georgy Vlastopulo, “che ci sono condizioni aggiuntive per le scarpe per bambini (lunghezza del sottopiede fino a 24 cm). Le viene data una preferenza - 10% di IVA (invece del 18% di IVA), Decreto del governo della Federazione Russa del 31 dicembre 2004 N 908 "Sull'approvazione di elenchi di codici per tipi di prodotti alimentari e beni per bambini soggetti all'imposta sul valore aggiunto con un'aliquota fiscale del 10%" ...

Inoltre, per la certificazione, è richiesta una descrizione dettagliata della merce, e per le scarpe per bambini e scarpe speciali, che sono dispositivi di protezione individuale, anche la fornitura di campioni per l'esame in laboratorio:

- TR CU 017/2011 "Sulla sicurezza dei prodotti dell'industria leggera"

- TR CU 019/2011 "Sulla sicurezza dei dispositivi di protezione individuale".

- TS 007/2011 "Sulla sicurezza dei prodotti destinati a bambini e adolescenti."

E infine, la ricerca. Anche questo processo nel settore calzaturiero è individuale. A differenza di una serie di altri gruppi di prodotti, l'ispezione può essere effettuata non solo per ciascun articolo, ma anche per ogni dimensione e colore dell'articolo. Tutte le etichette, la composizione dei materiali, l'etichettatura delle scatole, ecc. Sono studiate in dettaglio. In totale, come in ogni processo, sono necessarie esperienza, conoscenza e partner affidabili. Avendo tutte le conoscenze e le carte, puoi essere sicuro del successo dell'evento.

Con pineta

In tempi di crisi, gli importatori utilizzano un altro metodo abbastanza comune: il groupage. A causa dell'aumento del valore delle valute, delle sanzioni annunciate, delle fluttuazioni nella domanda dei consumatori, investire in grandi quantità di merci è troppo avventuroso. A questo proposito, la maggior parte degli importatori utilizza la frammentazione delle forniture e la formazione di uno stock di magazzino al di fuori del territorio della Federazione Russa. Che cosa fa?

"Siamo in grado di espandere il gruppo di prodotti venduti senza riferimento a un produttore e paese di origine specifici", commenta Georgy Vlastopulo. - È possibile importare piccole partite di prova di merci. Inoltre, è molto importante non avere uno stock di magazzino sul territorio della Federazione Russa, rispettivamente, per garantire un rapido turnover degli investimenti. La cosa migliore oggi e nella situazione odierna è importare la quantità necessaria di beni per le esigenze esistenti ... "

Inoltre, alcune società stanno gradualmente passando dalla locazione diretta ai servizi di custodia. Per le piccole imprese, affittare lo spazio in eccesso del magazzino e mantenere il personale del magazzino è molto costoso. E durante una recessione economica, molti proprietari pensano all'ottimizzazione. Una delle opzioni è affidare all'esterno la funzione di magazzino. Come puoi vedere, è sufficiente studiare tutte le possibilità e le opzioni disponibili per risparmiare un bel po 'di soldi, che è particolarmente importante in una crisi. Tuttavia, nella ricerca di un prezzo contenuto, non bisogna sacrificare la qualità dei servizi logistici, poiché le sovrapposizioni con le consegne e gli eventuali problemi di sdoganamento vi costeranno molto di più del "risparmio".

Un rivenditore a un bivio: prezzo o qualità? Le azioni della maggior parte degli imprenditori domestici durante i periodi di crisi sono abbastanza simili. Come dimostra la pratica, come nel 1998 e nel 2009, ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

"C'era una luce alla fine del tunnel ..." I partecipanti del mercato calzaturiero sulla situazione del settore.

Il 2020 è diventato un anno di crisi per il settore reale dell'economia e dell'industria calzaturiera. Shoes Report ha parlato con le società all'ingrosso, con Mikhail Kryuchkov, il capo della società di distribuzione Paloma, che rappresenta una serie di calzature spagnole sul mercato russo ...
22.12.2020 6602

Stagione morta. Cosa trasformerà la quarantena Covid-19 per la vendita al dettaglio di scarpe

La vendita al dettaglio di scarpe riprende le operazioni a Mosca e nelle regioni, calcola le perdite, valuta le prospettive. Due mesi e mezzo di inattività si sono rivelati un serio test per ...
01.06.2020 16650

10 principali tendenze nel commercio al dettaglio per i prossimi 3 anni

Dieci tendenze principali emergenti nell'ultimo anno, che determineranno lo sviluppo del commercio mondiale nel prossimo futuro
11.03.2020 20599

La marcatura delle scarpe è iniziata. MTCT nominato operatore del progetto pilota di etichettatura

Il 1 ° giugno 2018 è stato lanciato un progetto pilota per la marcatura delle scarpe in Russia, finora su base volontaria. L'operatore di sistema è stato nominato una sussidiaria del Centro per lo sviluppo di tecnologie avanzate "Operatore CRPT", creato per implementare l'Unified National ...
23.07.2018 10634

Chipping shoes: essere o non essere

La proposta del Ministero dell'Industria e del Commercio della Russia sulla marcatura (scheggiatura) delle scarpe ha causato un'accesa discussione tra esperti e partecipanti alla scarpa ...
10.08.2017 30939
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio