Rieker
28.03.2011 9332

Svalutato, svalutato il rublo, ma non svalutato

La produzione interna in Russia può essere messa in piedi solo se il rublo viene svalutato. Questa è stata la conclusione fatta da Andrey Gusev, CEO di STAR Manager Consulting, durante un seminario presso CPM. La svalutazione sarà un'ancora di salvezza per i produttori russi?

SR71-Vector-devalvation_2.jpgLe forze che spingono il pendolo

Secondo le previsioni di Andrey Gusev, la situazione finanziaria potrebbe destabilizzarsi nel tardo autunno. Ciò è dovuto sia alla crisi dei mancati pagamenti nel settore bancario sia a un possibile calo dei prezzi del petrolio. Dalla parte del rublo, l'aumento del prezzo del petrolio. Il principale fattore che gioca contro il rublo è la caduta dell'economia russa. La Banca Mondiale, in tono molto pessimista, ha affermato che nel 2009 il PIL della Russia diminuirà del 7,9%, mentre ci si aspetta un 12% di disoccupazione.

Per fermare il calo del PIL, il governo realizzerà azioni stimolanti: aumentare la spesa pubblica, abbassare i tassi di interesse e indebolire il rublo.

Può sembrare strano che il governo russo stia attualmente giocando contro il rublo, ma Gusev ritiene che dobbiamo fare una prenotazione qui: questo gioco è ancora con un tocco di neutralità. Tuttavia, la pressione sta aumentando, compresa la pressione psicologica su funzionari specifici, da cui si aspettano risultati: cifre di crescita positive. E se ora, sullo sfondo dell'attuale situazione dei mercati valutari e delle materie prime, la Banca centrale russa non sta prendendo misure attive per indebolire il rublo, allora entro la fine dell'autunno probabilmente vedremo un quadro diverso.

L'importanza del fattore di inflazione, a differenza degli anni precedenti, è ora ridotta e non sarà un ostacolo alla seconda ondata di svalutazione.

Terapia d'urto

Quindi, le autorità non vogliono una seconda svalutazione e finché il petrolio è costoso, possono permetterselo. Ma, d'altra parte, è semplicemente necessario per l'ascesa del settore reale. Gusev si rivolge alla società di investimento Prospekt per una conferma: "L'obiettivo principale della prima ondata di svalutazione era la necessità di ridurre l'impatto delle importazioni", afferma la società di investimento Prospekt. "Questo compito è stato risolto con successo, ma il secondo aspetto importante della svalutazione - il ripristino e l'avvio della produzione - non è stato implementato". La produzione industriale in caso di una profondità sufficiente della caduta della valuta russa potrebbe iniziare a crescere. Lo stesso Gusev ritiene che in caso di una nuova ondata di svalutazione, anche al livello del 30-40%, tagliare le importazioni sia abbastanza realistico. In primo luogo, le importazioni stanno attualmente diminuendo da sole. In secondo luogo, al momento, il dollaro è a buon mercato rispetto alle valute mondiali, il che consentirà al rublo di svalutarsi maggiormente nei confronti dell'euro durante una nuova fase di svalutazione, che, tenendo conto della struttura delle importazioni della Federazione Russa, ridurrà notevolmente le importazioni. Il colpo più grave cadrà sul settore sociale, principalmente su quelle fasce di popolazione che dipendono dai pagamenti sociali.

Pesando i pro ei contro, possiamo dire che mentre le scale sono inclini all'ultima opzione, tuttavia, vale la pena tenere a mente la prima. A cos'altro devi prestare attenzione quando pianifichi un lavoro con due anni di anticipo.

Principali tendenze dell'economia russa per il periodo 2009-2010

La fine della "malattia olandese" nell'economia russa. Calo dei settori delle materie prime

Il calo del PIL nel 2009 del 7-8% con un'inflazione reale del 20%. Ma il "fondo" è già passato!

Tagli di bilancio: regionali - del 30-35% dal livello del 2008, russi - del 20% dal 2008

Deficit di bilanci nazionali e regionali (fino al 10% del PIL, GRP) per 2-3 anni a venire

Lenta reazione delle autorità alle vere sfide della crisi. La situazione si sta sviluppando secondo lo scenario inerziale, ma con una transizione graduale a drammatici cambiamenti nell'economia

Mancanza di progressi concreti per ridurre le barriere amministrative

Il sistema bancario è stato salvato (IV trimestre del 2008). Entro la fine del 2010, il numero di banche sarà ridotto da 1000 a 500-600

Più di 2,5-3 trilioni di rubli saranno investiti in progetti a sostegno di settori reali dell'economia (inserimento di capitali, sostituzione di prestiti, progetti infrastrutturali, acquisto di abitazioni da parte degli sviluppatori, ecc.). per 2 anni

C'è un cambio forzato di autorità regionali ed élite (altri 2-15 governatori saranno sostituiti nei prossimi 20 anni)

Prerequisiti vengono creati per la creazione di una zona di valuta rublo nel territorio delle ex repubbliche dell'URSS.

Previsione del mercato dell'abbigliamento

La domanda di abbigliamento continua a diminuire: un calo da un terzo alla metà. Un terzo dei venditori di abbigliamento russi non sopravviverà al calo della domanda dei consumatori e lascerà il mercato entro la fine dell'anno, prevedono gli esperti europei. I partecipanti al mercato interno riconoscono che la domanda è effettivamente diminuita e fino al 50% delle collezioni estive rimarrà invenduto. Ma allo stesso tempo, non si aspettano la rovina di massa dei giocatori: i commercianti piccoli e deboli lasceranno il mercato. A causa delle scarse vendite, gli affitti diventano insopportabili per tali rivenditori: nei luoghi più frequentati, i tassi di noleggio non sono diminuiti, ma sono addirittura aumentati del 30-35%, poiché i contratti sono ancora conclusi con riferimento alla valuta. A causa di tali difficoltà, le boutique Stella McCartney e Alexander McQueen su Kuznetsky Most sono state chiuse. I giocatori russi valutano gli eventi in modo diverso.

SR71-Vector-devalvation_3.jpgDirettore generale della catena di negozi Veshch! Olga Eremeeva:

- Le persone hanno iniziato a comprare di meno, lo vediamo sia nel ridurre il traffico nei centri commerciali sia nel ridurre la frequenza degli acquisti, la domanda è diminuita del 20-25%.

Maxim Agaganov, Fashion Director di Enrof (Mexx, Calvin Klein, Topshop):

- Un terzo dei prodotti della stagione estiva non sarà venduto.

Vyacheslav Granovsky, CEO di Vassa:

- Alcune collezioni non sono vendute, ma alcune sono vendute con uno sconto molto elevato. E l'autunno non porterà nulla di buono. Un nuovo prodotto non venderà bene: le persone hanno provato un gusto per le vendite. Questa tendenza si manifesterà pienamente in autunno.

Il capo del gruppo di lusso Richemont in Russia Dmitry Eremeev:

- L'autunno sarà difficile per i venditori, poiché nella migliore delle ipotesi saranno in grado di vendere metà dei prodotti della stagione estiva.

Anna Sirotkina, vice CEO di Finn Flare:

- La situazione del mercato si sta ancora stabilizzando. Le aziende dispongono di scorte, liberando risorse finanziarie per l'acquisto di nuove collezioni. E se il nostro mercato non copre la seconda ondata di crisi in autunno, sarà possibile pianificare con fiducia le stagioni future.

Managing Partner di ITMM GmbH Reinhard E. Depfer:

- Il volume delle vendite al dettaglio di abbigliamento in Russia raddoppierà quest'anno a causa di un forte calo degli acquisti da parte degli importatori russi; il mercato entrerà nella fase di crescita non prima del 2011. Data la mancanza di liquidità, gli importatori russi hanno ridotto gli acquisti delle collezioni autunno-inverno del 40% e vi è motivo di prevedere un calo del mercato ancora più profondo nel 2010.

Nel 2009, la capacità del mercato di abbigliamento russo in prezzi al dettaglio nominali sarà di $ 20,3 miliardi, rispetto ai $ 32 miliardi del 2008. E se prendiamo in considerazione che il 35-40% delle merci sarà depositato nei magazzini sotto forma di saldi invenduti, il volume reale del mercato sarà di $ 15 miliardi, cioè diminuirà del 50%.

La vendita al dettaglio di abbigliamento russa all'inizio di quest'anno ha subito un panico e disorientato a causa della svalutazione del rublo e del calo della spesa dei consumatori per l'abbigliamento della metà, e la situazione non migliorerà l'anno prossimo.

Nel 2010, il mercato russo scenderà al livello del 2004 e ammonterà a circa $ 17 miliardi. Non è esclusa una carenza di fornitura di abbigliamento, poiché un terzo dei rivenditori russi di abbigliamento di medie dimensioni non sopravviverà e lascerà il mercato.

Solo nel 2011 si può osservare una crescita delle vendite, che tuttavia non supererà il 10%. Questo sarà l'anno decisivo per le imprese: inizieranno le ristrutturazioni di massa e il consolidamento del mercato, ci saranno fusioni e acquisizioni e dal 2013 tutto salirà di nuovo e la seconda ondata del boom del commercio al dettaglio andrà.

Il mercato al dettaglio di abbigliamento russo è ancora tutt'altro che saturo: il consumo medio pro capite di prodotti dell'industria leggera in Russia è la metà di quello della Germania, quindi una seconda fase del boom è inevitabile.

La produzione interna in Russia può essere messa in piedi solo se il rublo viene svalutato. Questa conclusione è stata fatta dal CEO di STAR Manager Consulting Andrey Gusev durante ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

"C'era una luce alla fine del tunnel ..." I partecipanti del mercato calzaturiero sulla situazione del settore.

Il 2020 è diventato un anno di crisi per il settore reale dell'economia e dell'industria calzaturiera. Shoes Report ha parlato con le società all'ingrosso, con Mikhail Kryuchkov, il capo della società di distribuzione Paloma, che rappresenta una serie di calzature spagnole sul mercato russo ...
22.12.2020 6598

Stagione morta. Cosa trasformerà la quarantena Covid-19 per la vendita al dettaglio di scarpe

La vendita al dettaglio di scarpe riprende le operazioni a Mosca e nelle regioni, calcola le perdite, valuta le prospettive. Due mesi e mezzo di inattività si sono rivelati un serio test per ...
01.06.2020 16648

10 principali tendenze nel commercio al dettaglio per i prossimi 3 anni

Dieci tendenze principali emergenti nell'ultimo anno, che determineranno lo sviluppo del commercio mondiale nel prossimo futuro
11.03.2020 20598

La marcatura delle scarpe è iniziata. MTCT nominato operatore del progetto pilota di etichettatura

Il 1 ° giugno 2018 è stato lanciato un progetto pilota per la marcatura delle scarpe in Russia, finora su base volontaria. L'operatore di sistema è stato nominato una sussidiaria del Centro per lo sviluppo di tecnologie avanzate "Operatore CRPT", creato per implementare l'Unified National ...
23.07.2018 10633

Chipping shoes: essere o non essere

La proposta del Ministero dell'Industria e del Commercio della Russia sulla marcatura (scheggiatura) delle scarpe ha causato un'accesa discussione tra esperti e partecipanti alla scarpa ...
10.08.2017 30938
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio