Rieker
Maestro di pastiglie
24.09.2013 15826

Maestro di pastiglie

La professione di barcaiolo è rara e complessa, puoi impararla per tutta la vita. Ai tempi dell'Unione Sovietica, non c'erano più di 100 persone che lavoravano allo sviluppo di nuove forme di blocchi da un pezzo di legno per l'intero paese, e oggi i produttori di scarpe di così alto livello sono noti per nome. Anatoly Vasilievich Andriyanov - uno dei rappresentanti di quella vecchia scuola. Una volta ha realizzato una scarpa per Tatyana Samoilova, aviatore Valentina Grizodubova e ha sviluppato nuove forme di scarpe per le collezioni di Slava Zaitsev, ma oggi lavora presso Spark e trascorre la maggior parte del suo tempo in Cina. Ad agosto, Anatoly Vasilievich è arrivato a Mosca, e il Shoes Report si è incontrato con lui per registrare la storia di uno dei maestri riconosciuti di mazzi di scarpe.

Anatoly Andriyanov Anatoly Andriyanov - maestro delle calzature

Dallo stadio Dynamo alla Model House

“Sono nato nel 1940 e per tutta la mia infanzia ho vissuto con i miei genitori in una capanna vicino allo stadio Dynamo. Io e i miei amici abbiamo dato spesso delle palle ai famosi calciatori che si allenavano allo stadio e ci hanno dato da mangiare. Ho studiato a scuola, ma non ho studiato molto bene - sempre più giocavo a calcio o hockey. In generale, lo sport è stato più interessante per me della scuola. Una volta, quando ero nell'ultima lezione - ed era il 1955 - il nostro insegnante di classe mi lasciò dopo la scuola e mi disse: "Tolya, non andrai comunque al college. Studi male e hai un calcio in testa. E la tua famiglia ha bisogno di un capofamiglia, quindi è necessario ottenere una professione. Di recente ho superato la scuola d'arte e artigianato numero 64, ora ho appena annunciato un set aggiuntivo. Prova a inviare documenti lì. " In precedenza, una scuola professionale era considerata un luogo in cui cadevano adolescenti difficili - gli studenti venivano nutriti lì due volte al giorno, vestiti in uniforme e dopo la laurea, venivano assegnati al lavoro - alcuni come tornitori, altri come fabbro. Papà mi diceva sempre: "Studierai duramente, andrai in una scuola professionale". È vero, quella scuola, che mi ha consigliato l'insegnante, aveva una propensione artistica: muratori, ebanisti, scultori venivano formati lì - molte delle loro opere erano esposte al VDNKh. Ma non ho mai tenuto una matita tra le mani e ho saltato tutte le lezioni di disegno, quindi la proposta dell'insegnante di classe mi è sembrata strana. Ma per ogni evenienza, ho inviato i documenti.

Un ulteriore set è stato annunciato nel gruppo di stilisti, logger. Questo corso è stato fondato quasi per ordine statale ed è stato supervisionato da Ryabkin, uno dei principali specialisti nella fabbrica di scarpe ortopediche, che si trovava vicino alla stazione della metropolitana dell'aeroporto. Gli specialisti di questa pianta hanno realizzato scarpe su misura per Kaganovich - era quindi membro del Presidio del Comitato Centrale del PCUS. Le gambe di Kaganovich erano doloranti e raccogliere le scarpe era difficile. Ogni volta che Kaganovich era infastidito da qualcosa in lei, e una volta disse a Ryabkin: "Se non riesci a fare le scarpe per me, cosa indossano le persone comuni?" A cui Ryabkin gli rispose: “Cosa vuoi? Nessun esperto! " In realtà non c'erano specialisti - lavoravano principalmente persone senza istruzione speciale che provenivano da calzolai. Anche se prima della rivoluzione, come ci hanno detto i nostri insegnanti, la produzione di calzature russe non differiva molto da livello europeo e qualità. Avevamo fabbriche di scarpe private e intere dinastie di taglialegna: a Mosca la dinastia Stulov, a Leningrado - la dinastia Sorokins. C'era una scuola fatta a mano, arte. Pastiglie allora come hai fatto? Lo tagliarono con un'ascia, lo tagliarono con un coltello, piallarono con raspe, lo portarono con carta vetrata. E ci è stata data questa scuola. Ci è stato insegnato come prima della rivoluzione, quando tutto è stato fatto manualmente dall'inizio alla fine. Potremmo andare nella foresta, tagliare un albero, tagliarne un blocco con un'ascia e lavorarlo con un coltello. Ora nessuno sa come, non c'è più scuola. E questa scuola è stata consegnata alla nostra laurea, e quella successiva dopo di noi. È vero, non aveva già avuto tanto successo e tutti i suoi laureati sono scomparsi, e poi hanno chiuso completamente il corso - apparentemente, non ce n'era bisogno. Ma non ci sono più specialisti come la mia generazione di logger. C'erano solo tre di noi in tutta Mosca - io, Zhenya Orlinsky e Slava Kitsis. Ognuno ha il suo stile, anche se la stessa scuola. Ma ora non funzionano, solo io. "

Professione sconosciuta

“Dopo la laurea, abbiamo dovuto procedere alla distribuzione per lavorare nella fabbrica di scarpe ortopediche. Ma non volevamo lavorare lì, erano giovani, puoi capire. E poi nessuno sapeva della professione del bootman. Eravamo imbarazzati nel dire che eravamo taglialegna e quando abbiamo incontrato le ragazze, solo il prefisso "stilista" è venuto in nostro soccorso. Questo ora è che tutti sanno cos'è una scarpa e perché è importante nelle scarpe, e quindi questa professione era poco nota a nessuno.

In generale, non siamo andati a lavorare nello stabilimento, ma siamo stati fortunati: dopo essermi laureato nel 1958, io e Zhenya Orlinsky siamo stati invitati alla Shoe Models House a Sadovo-Triumfalnaya. Era guidato da Vera Richardovna Komarova, una donna molto intelligente e istruita, che l'intera Unione la conosceva. Sotto la sua guida, sei artisti hanno lavorato. Si sono tutti laureati in buone università d'arte, erano persone di grande talento e competenti, dalle quali è stato possibile imparare molto. Ho lavorato nella Model House per 10 anni e devo a queste persone tutto ciò che è buono in me. Allora, si potrebbe dire, vengo dalla strada: sebbene fosse una scuola d'arte, è ancora solo una scuola. E da quando crei i pad, lavori direttamente con il designer, comunichi con lui e ne adotti il ​​gusto.

Gli artisti della House of Shoe Models hanno sviluppato una nuova moda, che è stata quindi raccomandata a tutta l'industria leggera dell'Unione Sovietica - tale era il sistema. Ma a volte abbiamo creato scarpe su misura, principalmente per personaggi famosi. Una volta abbiamo realizzato le scarpe per l'aviatore Grizodubova. Aveva le gambe gonfie e aveva bisogno di bellissime scarpe per l'accoglienza. Le abbiamo fatto dei tacchi a spillo a punta, era molto contenta. Ho realizzato i cuscinetti per Tatyana Samoilova: aveva tutto in ordine con le gambe, aveva solo bisogno di scarpe speciali. Ci è stato anche avvicinato da Slava Zaitsev, che ha lavorato come artista nella House of Fashion Models di Kuznetsky Most. Nel 1966, preparò la sua collezione per l'esposizione in Giappone e Germania, e venne nella nostra casa di modelli di scarpe con schizzi, e ci sono tali ferite, gobba, calze piene ... I nostri artisti della Model House non lo offrivano ancora, perché per gli spettacoli collezioni era consuetudine realizzare scarpe che non distogliessero l'attenzione dal costume. Basandomi sugli schizzi di Glory Zaitsev, ho realizzato dei pad e li ho portati ai piedi dei modelli di moda che hanno viaggiato con lui in Giappone, ei nostri designer hanno realizzato scarpe a punta su questi pad. Come ci è stato detto in seguito, in Germania dopo lo spettacolo hanno glorificato Zaitsev con fiori. ”

Ideali irraggiungibili

“Mi sono innamorato della mia professione. Penso che ciò sia arrivato con la consapevolezza che il mio lavoro è necessario e fa piacere a quelle persone con cui ho lavorato. La cosa più difficile è realizzare una scarpa che piacerà al designer. Quando si lavora con un designer, è importante capire cosa vuole, ma allo stesso tempo assicurarsi che non sia solo bello, ma anche funzionale. Questo, ovviamente, è molto difficile e ci sono conflitti, specialmente quando lavori non secondo lo schizzo, ma secondo il prototipo. Un designer non dovrebbe essere solo un grande artista, ma dovrebbe anche comprendere bene la funzione delle scarpe. Dopo tutto, a che serve se le scarpe sono belle, ma scomode? Il mio maestro, dal quale ho studiato, diceva sempre: le scarpe cattive possono essere cucite su una scarpa buona, ma le scarpe buone non possono essere cucite su una scarpa cattiva. Una scarpa è come la fondazione di una casa: se c'è un errore nella fondazione, prima o poi si spezzerà, crollerà o crollerà. È impossibile commettere errori nella nostra attività, ma è anche impossibile fare tutto alla perfezione, poiché la scarpa dovrebbe adattarsi a quante più persone possibile. Pertanto, non ci sono scarpe perfette e non ho una scarpa di cui sono orgoglioso - non le considero motivo di orgoglio. Anche se ho finito il blocco e ne sono soddisfatto, dopo un po 'noto ancora difetti. Ovviamente puoi chiudere gli occhi su qualcosa, ma ci è stato insegnato diversamente. A volte succede persino che ho finito di lavorare e il giorno dopo ho guardato il blocco, l'ho buttato via e ricominciato tutto da capo.

Il pitman non è obbligato a creare una forma fondamentalmente nuova, ha un altro compito: realizzare una scarpa per la quale le scarpe saranno vendute in Russia, che sarebbe comodo e realizzato nello stesso stile - questo è ciò che i designer richiedono. Sì, e non puoi immaginare nulla di nuovo: tutto è stato inventato prima di noi. Nelle aziende calzaturiere viene conservata una copia di ciascun modello di scarpa e per tali collezioni diventa evidente che tutto era già lì. Anche nelle fotografie delle imperatrici e dei nobili, si nota che i tacchi, la forma della punta, il tallone sono tutti uguali ai nostri e tutto va in cerchio. Solo il tempo e la nostra visione cambiano. Anche il blocco rimane lo stesso, perché non è nato da solo, ma è creato sulla base dei suoi predecessori. Esistono standard sviluppati dai maestri e il blocco non viene ripetuto ogni volta. L'adesivo per scarpe attacca o salda nuovi elementi su un blocco di scarpe esistente, tenendo conto delle qualità positive della fonte e facendo come piace al designer o in quanto verrà venduto meglio. Di conseguenza, il blocco diventa più grande. Ma poiché la mia scuola si basa sul lavoro con il legno, uso il metodo dal più grande al più piccolo - ho tagliato l'eccesso dal blocco. Questo è il mio stile di lavoro e utilizzo sempre solo i miei pad, riparando i minus e preservando i professionisti. "

Impronta italiana

“La cosa più interessante è fare qualcosa per la prima volta. Ad esempio, mi hanno portato un prototipo dall'Italia e mi hanno chiesto di realizzare lo stesso blocco. Ma questo non significa che lo copierò completamente, perché questo non è un orologio in cui c'è la meccanica e tutto può essere ripetuto da un millimetro a un millimetro. È necessario ripetere non ciò che si vede nelle vesti della pelle, ma la parte invisibile all'occhio, che è stata la base, la base di questa scarpa. Pertanto, anche se crei un blocco sul prototipo, crei comunque qualcosa di tuo. Questo è un lavoro molto interessante. Guardo la scarpa e penso: in primo luogo, il prototipo è stato cucito un anno fa, e oggi quel calzolaio italiano avrebbe reso la scarpa molto migliore, perché non c'è limite alla perfezione e ogni anno si aggiunge qualcosa di nuovo. Lo noterai se lo metti accanto alla raccolta di questo e dell'anno scorso. E tu, come professionista, dovresti renderlo ancora migliore. In secondo luogo, devi capire chi indosserà queste scarpe, chi si adatta meglio a loro. Guardi donne diverse e pensi, ma indosserebbero scarpe del genere?

Quando lavoravo alla Model House, andavamo alla Camera di commercio dell'Unione, guardavamo riviste e modelli di scarpe stranieri portati dall'estero. Così ho capito le basi della scuola italiana. I nostri artisti, basati su campioni di scarpe italiane, hanno sviluppato alcuni modelli, tuttavia, come tutti gli altri artisti del mondo. Sono stato in Italia due volte. La prima volta nel 1966 - sei mesi prima della prima mostra di scarpe nell'Unione Sovietica allo stadio Luzhniki. Noi specialisti di tutta l'Unione Sovietica - artisti, stilisti, taglialegna, siamo stati inviati in Italia per due settimane per guardare, studiare e preparare degni campioni dell'Unione Sovietica per la mostra. Nonostante non fossi membro di Komsomol e non viaggiassi mai in paesi democratici, mi fecero uscire senza notazioni e domande aggiuntive - e nonostante il fatto che era molto difficile viaggiare all'estero. Apparentemente, quando lo stato ne aveva davvero bisogno, uscivano senza parlare. L'Italia mi ha fatto una tale impressione che poi non volevo nemmeno andare da nessuna parte. Roma, Venezia - tutto ciò non mi è rimasto per molto tempo in testa. Poi mi sono reso conto che ero troppo lontano dai taglialegna italiani professionalmente, anche se non capivo fino a che punto. Non riuscivo nemmeno a confrontare quanto sono abile rispetto a loro. E nel 1985, quando ho già viaggiato in Italia per la seconda volta da solo, ho capito in franche conversazioni con gli stilisti-barcaioli quale fosse questa differenza. Certo, abbiamo una scuola forte e non si sa chi renderà il blocco più veloce e migliore - noi o gli italiani. Ma la scuola italiana si basa sull'estetica e, per adottare la propria cultura della produzione di scarpe, bisogna nascere e vivere in Italia. Ma in generale, mi sono reso conto che siamo uguali agli italiani. Abbiamo parlato con il taglialegna che lavorava nella fabbrica di scarpe di Forlì attraverso un interprete, ma sembrava parlare la stessa lingua - solo spiriti affini. Di qualunque cosa parli, lo so, non importa quello che gli dico, lo sa anche lui. Cioè, eravamo allo stesso livello di sviluppo professionale, l'abbiamo appena raggiunto in diversi modi ".

Lavora con i cuscinetti, i cuscinetti salariali

“Ho lavorato per 10 anni nella Model House, e poi è stato trasferito da Sadovo-Triumfalnaya a un nuovo edificio a Cheryomushki. C'era una fabbrica lì, che il ministero decise di fare sperimentale e di dare completamente ai bisogni della Model House. È stata la decisione giusta: è una cosa quando si producono pastiglie e non si approfondisce il processo di produzione, e un'altra è quando si comunica con i tecnici e si capisce cosa è redditizio da produrre e cosa no. Ma a quel punto avevamo già qualche disaccordo nella Model House, ed era una lunga strada da percorrere per New Cheryomushki. In generale, non ricordo esattamente come, ma sono stato attirato dai modelli di servizio di calzature House in Khimki, di proprietà del Ministero dei Servizi pubblici. Avevano anche i loro uffici di progettazione, solo che servivano non l'industria, ma atelier privati. Ho lavorato lì per sei mesi e ho capito che avevo fatto un errore. Non era nemmeno una questione di persone, perché quasi l'intera composizione della House of Models si è trasferita lì con me. Mi sono appena reso conto che non era mio: altri compiti, non così interessanti. Ma non ho iniziato a tornare, ho considerato che non era buono. Dato che era necessario lavorare da qualche parte - a quel tempo avevo già una famiglia - ho ottenuto un lavoro come logger presso la First Model Factory dell'Associazione Vostok a Krasnaya Presnya. Ho lavorato per due anni e sono stato invitato alla fabbrica di scarpe cubana. Cuciva pantofole ordinarie, ma quando un forte stilista David Lvovich Zabryansky proveniva dalla House of Shoe Models, la fabbrica iniziò a cucire mocassini e si trasformò in un'interessante produzione sperimentale. In totale, ho lavorato a Kubinka per 15 anni, ma ho lasciato una volta ogni cinque anni a causa del fatto che c'era poco lavoro. Ma ogni volta che sono stato richiamato e sono tornato, perché era interessante lavorare lì.

Durante il secondo viaggio in Italia nella nostra delegazione, ho incontrato il direttore della fabbrica di scarpe Armavir, Shupletsov Gennady Arkadevich. Presto iniziò la perestrojka e decidemmo di organizzare la nostra impresa di sviluppo di cuscinetti. Ho sviluppato questi cuscinetti e la pianta di Armavir li ha replicati. A quel tempo, l'intera industria calzaturiera dell'Unione Sovietica mi conosceva già e i designer di scarpe di Mosca potevano prendere parte a questa impresa. Tutto è stato molto interessante fino a quando, a causa di una carenza nel paese, non abbiamo dovuto pagare i dipendenti di baratto. E come posso pagare gli stipendi con i cuscinetti? Chi ha bisogno di loro? Pertanto, ho appena chiuso l'impresa e ho iniziato a lavorare per coloro che mi conoscevano e mi hanno invitato in base al contratto. Ha lavorato con Liska per 10 anni, quindi ha iniziato a viaggiare in Cina per la prima volta. Ora lavoro per Spark e questa collezione Primavera-Estate 2014 è la mia prima collezione per questa azienda. In realtà, non mi piace cambiare lavoro, perché devo organizzare il mio posto di lavoro, per poter fare ciò di cui ho bisogno, indipendentemente da circostanze esterne. Ora lavoro principalmente in Cina, e lì tutto dipende solo da me. Se ho fatto un brutto blocco, allora è solo colpa mia. In Russia, puoi lasciare scadere i clienti, perché poco dipende da te: qui, dopo aver sviluppato il blocco, non posso immediatamente cucire scarpe e controllare il mio lavoro, ma in Cina ci sono tutte le possibilità.

Mi piacerebbe tornare a lavorare con persone che creano moda, con coloro che seguono il settore. Sento che potrei. Sai come si dice: non importa quanti anni hai, importa quanto ti senti. Mi sento giovane, assolutamente giovane. E in tutti i viaggi di lavoro cerco di comunicare con i giovani. È vero, mi distingue per il loro background, ma faccio pensare a quello che vogliono. Comunicerò con i giovani, perché i giovani sono la vita. "

La professione di barcaiolo è rara e complessa, puoi impararla per tutta la vita. Ai tempi dell'Unione Sovietica, non c'erano padroni per sviluppare nuove forme di blocchi da un pezzo di legno in tutto il paese ...
3.75
5
1
5
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Scarpe macchiate. Nuova lettura

La stampa leopardata non passa quasi mai di moda. La tendenza per le scarpe maculate a volte svanisce, ma appare subito in qualche nuova lettura o si inserisce nel contesto generale sotto il marchio “retrò”. Puoi elencare all'infinito marchi famosi, ...
12.05.2021 1258

5 marchi specializzati in mocassini sartoriali

Negli ultimi cinque anni, ci sono state due tendenze stabili nel mercato delle calzature: l'interesse per le scarpe in stile sportivo e una crescente domanda di scarpe comode su ...
13.02.2018 5717

Lascia che ci sia luce! Soluzioni di illuminazione per vetrine e aree di vendita

Una vetrina è il biglietto da visita di un negozio, la prima cosa a cui un passante presta attenzione, e dipende da quanto bene è illuminata se si trasforma in visitatore ...
14.05.2018 6444

Attenzione al designer. Come creare il portafoglio creativo "giusto"

La corretta presentazione della tua visione creativa è fondamentale per costruire una carriera nella moda.
29.05.2018 8806

4 designer dei marchi di scarpe russi Unichel, Francesco Donni, Ralf Ringer e Tervolina - su ispirazione, tendenze, design delle collezioni ...

The Shoes Report ha posto le domande di quattro designer di noti marchi di scarpe russi nel segmento di mercato di massa di Unichel, Francesco Donni, Ralf Ringer e Tervolina - su ispirazione, parametri di riferimento e tendenze, design, attitudine al lavoro e sul vedere il proprio ...
26.10.2018 6244
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio