Rieker
MICAM 2009: Sulla natura dell'amore per il lavoro
30.06.2011 8022

MICAM 2009: Sulla natura dell'amore per il lavoro

Come mantra, gli italiani hanno ripetuto due frasi durante la mostra MICAM di Milano: "Devi essere più professionale", "Devi essere più creativo". Chi ha bisogno di creatività quando tutti acquistano modelli di base? Cosa significa la professionalità dei rivenditori dal punto di vista dei produttori? Con quali risultati le aziende italiane hanno chiuso il 2008 e cosa si aspettano nel 2009? Che succede con gli ordini russi? A queste domande rispondono i più importanti player del settore calzaturiero italiano

SR66_Svoi-business MICAM_2.jpgVito Artioli, titolare di Artioli, presidente dell'associazione italiana calzaturifici ANCI:

- In realtà, abbiamo iniziato a sentire la crisi solo pochi mesi fa. Sì, stiamo registrando un rallentamento dell'economia. Per resistere, dobbiamo ricordare i due principali vantaggi degli italiani - la specializzazione e le qualifiche - e insegnare ai giovani queste competenze fondamentali dei nostri calzolai. Per questo teniamo costantemente incontri trilaterali durante la mostra MICAM con la partecipazione di studenti, datori di lavoro e funzionari governativi.

Nel 2015, i partecipanti al nostro concorso per bambini I Love Italian Shoes diventeranno acquirenti attivi e ora puoi e dovresti pensare a come attirare la loro attenzione. Ecco perché ANCI inizia a promuovere il prodotto Made in Italy su YouTube, motivo per cui è stato lanciato il nuovo sito. È chiaro che questo è un investimento per il futuro e non porterà risultati immediati.

I risultati di questa stagione e almeno alcune chiare prospettive per il prossimo inverno saranno chiari pochi mesi dopo la mostra di Mosca.

Le aziende italiane stanno aumentando gli ordini in Sud America, nei paesi del Mercosur. Ciò suggerisce che stiamo cercando nuovi mercati, non siamo inattivi. Ma bisogna unire di più gli sforzi per unire, gli italiani sono individualisti, a volte ci disturba. Possiamo avere risultati positivi nel 2009. Non necessariamente, ma possiamo !!!

Angelo Gianini, Presidente Angelo Gianini, Vice Presidente ANCI:

- L'anno scorso la nostra azienda ha chiuso con la crescita. Abbiamo molti nuovi clienti in Russia e nella CSI, principalmente nelle regioni - a Makhachkala, Novosibirsk e Baku. Lavoriamo da molto tempo in Europa, quindi da tempo abbiamo prezzi competitivi. E il prezzo è di particolare importanza ora. Lavoriamo con la Russia da molti anni, da qualche tempo abbiamo lasciato il tuo paese, ma l'anno scorso abbiamo deciso di tornare. Aumentiamo i costi di marketing nel tuo paese e ci concentriamo sull'assortimento: Angelo Gianini non è tanto una scarpa da sera quanto comoda ed elegante. La nostra seconda linea Donna Serena è per ragazze più giovani. Definirei la nostra direzione come sport chic. Queste non sono scarpe sportive speciali, sono scarpe che possono sottolineare che il suo proprietario è mobile e dinamico. Le scarpe sono prodotte solo in Italia, nelle stesse fabbriche, circa 2008 paia al giorno. Per il 600, la collezione è cambiata molto, il numero di scarpe con il tacco è diminuito. A proposito, per i russi, la convenienza sta diventando un criterio sempre più importante per la scelta, prima che le tue donne prestino maggiore attenzione al design.

Gli ordini russi sono fortemente influenzati dalla variazione del tasso di cambio del rublo rispetto all'euro. I clienti sono costretti a considerare più attentamente, tuttavia, in Russia a loro piace molto il Made in Italy, quindi, come dicono i vostri uomini d'affari, non si rifiuteranno di acquistare scarpe italiane.

Credo che ci siano tre cose che possono sopravvivere a una crisi: ricerca, ricerca e ricerca di nuovo. Una crisi è una grande opportunità per cambiare sia il prodotto che la percezione dei clienti. Pertanto, ora investiamo molto nelle comunicazioni, sia a livello della mia azienda, sia a livello di ANCI. Per un anno e mezzo di lavoro, abbiamo fatto molto per promuovere la mostra “Scarpe. Il mondo della pelle ". A livello internazionale, continuiamo il programma Golden Italy. Abbiamo programmato per l'anno un vasto programma di presentazioni in altri paesi e partecipazione a mostre straniere.

Penso che il 2009 sarà l'anno della selezione, sia produttori che venditori. Quali saranno i criteri di selezione? Devi essere più professionale. Questo è naturale Sì, lavorare con piccole fabbriche non è sempre facile, ma la flessibilità delle aziende italiane è un grande vantaggio delle piccole imprese.

Cosa significa professionalità per i proprietari dei negozi? Ci deve essere un equilibrio di tre cose: prodotto, prezzo, città. Se il marchio è ben rappresentato nelle finestre, è facilmente riconoscibile. Se è riconoscibile, lo acquistano. Ora molte aziende italiane stanno sviluppando concetti Shop-in-Shop, penso che questo sia molto ragionevole, perché i produttori dovrebbero anche essere responsabili di come viene presentato il loro marchio nei negozi. La professionalità dei venditori, da un lato, è quella di essere più vicini ai clienti, dall'altro, è scegliere con cura i fornitori. Ci sono migliaia di produttori nella sola Italia. È necessario esaminare da vicino quelli nuovi, essere più attenti, curiosi, includere un istinto di ricerca. La categoria del prodotto con cui stai lavorando è molto importante. Mi sembra che i negozi che hanno tutto - uomini, donne, scarpe per bambini e accessori - avranno meno successo dei negozi che lavorano in profondità in qualche nicchia. Il mix smette di funzionare, nei prossimi anni, un prodotto di nicchia ha più possibilità.

Se parliamo della scelta tra un singolo marchio e un multi-marchio, quindi, a mio avviso, l'opzione migliore è un multi-marchio di 4-5 marchi. È difficile lavorare con 50 fornitori, ma è rischioso con uno. I prezzi nel 2009 aumenteranno. Sfortunatamente, ciò non dipende dal prodotto e dai suoi produttori, fattori esterni influenzeranno maggiormente la crescita.

Franco Ballin, Presidente, Franco Ballin, Vice Presidente, ANCI:

- L'anno scorso si è concluso positivamente. Per superare le attuali difficoltà, prestiamo ora la massima attenzione alla ricerca sui prodotti. Il 60% delle scarpe viene esportato da Franco Ballin, di cui il 50% da clienti russi. Il 2009, secondo i nostri calcoli, sarà il più difficile. In questa situazione, a nostro avviso, è necessario stimolare l'acquirente nuovo, nuovo e nuovo. Nella nostra collezione, le scarpe in pelle più morbide saranno una novità.

Andrea Brotini, comproprietario di Pakerson, vice presidente dell'ANCI:

- L'anno scorso il 2008 è stato completato con una crescita del 20%, quindi per noi è stato straordinariamente meraviglioso. All'inizio di quest'anno, posso dire che il calo degli ordini è minimo, e questo è tipico: in Italia la crisi si fa sentire meno che in Russia. Attribuisco questo a una variazione del tasso di cambio del rublo; è questo che crea le maggiori difficoltà. Soprattutto per supportare i partner russi al dettaglio, stiamo aumentando il budget di marketing in Russia.

Abbiamo già aperto sei monobrand in Russia, quattro in Kazakistan. All'inizio del 2009, abbiamo aperto un altro marchio unico a Ekaterinburg, alla fine di aprile apriremo un negozio a Kemerovo. Se i partner russi sono interessati, apriremo ulteriormente. Fortunatamente, tutti i partner russi sono vivi e bene e dicono che le nostre scarpe sono molto adatte per i negozi.

C'è una leggera diminuzione del numero di ordini dai negozi multimarca. Ma questa diminuzione è prevista.

Produciamo 200 mila paia all'anno, di cui il 30-35% va in Russia. Rispetto allo scorso anno, non abbiamo modificato i prezzi, manteniamo il precedente livello di qualità dei materiali e della cucitura.

L'anno scorso, le scarpe da donna sono diventate la linea di maggior successo per noi. Tradizionalmente, Pakerson ha cucito scarpe da uomo, non molto tempo fa abbiamo iniziato la produzione di una linea da donna e ora siamo molto soddisfatti di questa impresa. Se prima nella collezione c'erano solo 12-15 modelli base, ora stiamo aumentando il loro numero a 23.

Investiamo nel prodotto, nelle ricerche di mercato, nella domanda dei consumatori e prevediamo che il 2009 sarà un anno positivo. Nel 2008, abbiamo aperto uno showroom a Mosca per otto aziende toscane di scarpe, vestiti e borse e approfondiremo ed espanderemo la nostra esperienza.

Jimmy Baldinini, proprietario di Baldinini:

- L'anno scorso, il fatturato della nostra azienda ha raggiunto i 100 milioni di euro, comprese le scarpe di prima e seconda linea, abiti, accessori (profumi, occhiali, ombrelli). Di conseguenza, l'anno si è chiuso con un aumento del 35%. Qual è il segreto del successo? Marchio famoso e serio. Bella collezione. Prezzi ragionevoli.

È difficile stabilire quale linea abbia avuto più successo l'anno scorso. Ci sono molte linee, tutti acquistano volentieri. Prevediamo che il 2009 sarà più difficile del precedente, la crisi si fa ancora sentire. Sono sicuro che per vivere e sopravvivere, si deve essere più coraggiosi, si deve essere in grado di correre ragionevolmente rischi - sia produttori che commercianti. Speriamo che la nostra collezione sia ampia, diversificata, creativa e richiesta.

Per noi, la Russia è il mercato numero uno. Abbiamo lavorato qui per 25 anni, è venuto qui uno dei primi. Durante questo periodo, è stata creata una rete di 50 negozi, inclusi quelli in franchising.

Naturalmente, il rublo influenza notevolmente la situazione del commercio russo. Sfortunatamente, questo non dipende da noi. Ma alla fine, i salti di rotta non sono per sempre. Ciò che mi rattrista è qualcos'altro: la tua mancanza di professionalità. Non sei innamorato del tuo lavoro come gli italiani. Persino i proprietari della propria attività. Per un quarto di secolo, non riuscivo ancora a capire perché sei così incurante del tuo tempo e delle tue risorse naturali. È davvero così difficile sigillare le finestre in inverno? E non dire che non è legato al mondo degli affari. Con quale frivole relazioni con le risorse, con frivole relazioni con le imprese. Non essere offeso, pensaci solo per un secondo. Ciò di cui tutti gli imprenditori hanno bisogno ora: essere innamorati della propria attività, essere pronti a lavorare sodo e disciplinati. E tutto andrà bene. La Russia è stata e rimane il primo mercato non solo per noi, ma anche per tutti i produttori di prodotti alla moda. Senti la moda, senti lo stile. Devi solo essere un po 'per te stesso e per gli altri.

Annarita Maria Pilotti, proprietaria di Loriblu:

- L'anno precedente 2008 abbiamo funzionato perfettamente. Oggi avvertiamo un certo calo delle vendite, ma i clienti arrivano e continuano a effettuare ordini. Per gli ordini russi, posso dire che in termini di volume non sono praticamente cambiati. Questo è un fatto importante per noi, a causa del volume totale della produzione, l'80% viene esportato da noi e circa il 60% dell'esportazione totale viene venduto in Russia. Nella passata stagione, le scarpe da donna eleganti erano le più vendute, questo è il nostro punto di forza. Sono sicuro che saranno richiesti anche quest'anno.

Gabriele Grandini, Amministratore delegato di Siport Barbie:

- I nostri clienti finali non sono così sensibili ai cambiamenti nel lavoro delle banche, i loro figli stanno crescendo e continuano a comprare vestiti e scarpe per loro. Un'altra domanda è che ora i produttori devono essere interessati alle questioni del merchandising e della promozione del proprio marchio nei negozi: come vengono visualizzate le scarpe, quanto il venditore conosce le sue caratteristiche. Un negozio è un luogo in cui un prodotto incontra un cliente e questo processo deve essere controllato. Un altro punto importante: la comunicazione con i clienti dovrebbe essere coerente. Mi sembra che ora non dovresti affrettarti a offrire sconti anti-crisi, bonus e tutto il resto, è molto più importante che la tua pubblicità sia coerente: lo stesso appello ai clienti nel negozio, sui siti, sui supporti di stampa, nella pubblicità esterna. Molta attenzione ora deve essere prestata alla decorazione delle finestre - per cambiare il design almeno due volte al mese, almeno parzialmente. È importante rimanere attivi nella pubblicità e nella promozione del marchio. Se parliamo delle prospettive per il 2009, allora sono un ottimista. I bambini continuano a nascere. E hanno bisogno di essere shoeed.

Come mantra, gli italiani durante la fiera di Milano MICAM hanno ripetuto due frasi: “Devi essere più professionale”, “Devi essere più creativo”. Chi ha bisogno della creatività quando tutti acquistano modelli base? ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

L'unica mostra dei marchi di scarpe europei Euro Shoes Premiere Collection in Russia si terrà a Mosca dal 24 al 27 agosto 2021

Grandi marchi internazionali di scarpe da Italia, Germania, Spagna, Turchia, Polonia, ...
23.03.2021 8464

La prima collezione di Euro Shoes, l'unica fiera del settore delle calzature europee in Russia, si svolgerà dall'1 al 4 marzo a Mosca

All'inizio di marzo 2021, la più grande fiera internazionale di calzature, borse e accessori nel formato total look aprirà ancora una volta le sue porte agli espositori e agli ospiti nella sala eventi della capitale MAIN STAGE. Nonostante i tempi difficili che oggi ...
26.01.2021 5862

L'unica mostra di marchi di scarpe europei in Russia - EURO SHOES PREMIERE COLLECTION - è stata aperta a Mosca su un nuovo sito - FASHION-ART Venue MAIN STAGE

Lo scorso martedì 25 agosto, si è aperta a Mosca la mostra internazionale di calzature, borse e accessori EURO SHOES PREMIERE COLLECTION, attualmente l'unica grande esposizione di marchi di calzature dall'EUROPA per i professionisti in Russia ...
26.08.2020 7705

EURO SHOES è l'unica mostra di marchi europei in RUSSIA!

Cari compratori e visitatori della mostra!
17.08.2020 11991

COLLEZIONE PREMIERE EURO SCARPE nel nuovo MAIN Stage

Registrati per EURO SHOES PREMIERE COLLECTION al nuovo MAIN Stage! Prenota l'hotel Holiday Inn Taganskaya a prezzi speciali!
21.07.2020 16915
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio