“Shoe Stories” è un progetto didattico ed educativo della rivista Shoes Report e del Museo storico statale
13.09.2023 3256

“Shoe Stories” è un progetto didattico ed educativo della rivista Shoes Report e del Museo storico statale

Quest'anno la rivista Shoes Report ha lanciato un progetto didattico ed educativo dedicato alla storia delle scarpe e degli accessori, sostenuto dal Museo storico statale (GIM). Diversi materiali preparati dai ricercatori GIM appositamente per la nostra pubblicazione sono già stati pubblicati in versione cartacea.

L'obiettivo del progetto comune è quello di far conoscere la storia delle scarpe e degli accessori a quante più persone possibile, le cui attività professionali oggi sono legate ai mercati della moda e delle scarpe.

Nei nostri materiali, specialisti, ricercatori, collezionisti e curatori di collezioni museali parlano dell'emergere di diversi stili di scarpe, modelli di borse, di famosi marchi di scarpe in Russia e nei paesi europei, di famosi calzolai e artigiani del cuoio dei secoli passati, di prodotti unici campioni di scarpe e articoli di toilette maschile e femminile dei secoli XVI-XIX, conservati fino ad oggi in collezioni museali e collezioni private. L'idea è nata dal caporedattore della rivista Shoes Report, Natalya Timashova, ed è stata supportata dal servizio stampa del Museo storico statale, per il quale siamo molto grati ai nostri colleghi.

La serie di pubblicazioni sulla rivista si è aperta con materiale sul calzolaio francese, uno dei primi designer di scarpe, Francois Pinay, che visse e lavorò nel XIX secolo. Scarpe da donna in marocchino, pelle e capretto, con ricami di perline e treccia di seta, degli anni Ottanta dell'Ottocento di Pinet dalla collezione del Museo storico statale sono state presentate alla mostra “Crinolina. Giacca. Felpa. Big City Style”, che si terrà nelle sale del Museo nell'autunno del 1880.

Il famoso francese è considerato non solo il creatore delle prime scarpe firmate, ma anche il padre delle scarpe morbide per neonati, che, secondo una leggenda, è così chiamata grazie a Francois Pinay. Figlio di un calzolaio di provincia, aprì il suo laboratorio a Parigi a metà degli anni '1850 dell'Ottocento e per il mezzo secolo successivo fornì scarpe alla clientela locale più esigente. Successivamente, soprattutto grazie alla collaborazione con il leggendario stilista Charles Worth, divenne popolare tra gli aristocratici europei e i milionari americani. Furono Pinay e Worth a diventare i fondatori dell'alta moda, dell'alta moda: cose esclusive, realizzate in modo impeccabile e favolosamente costose.

Pinay era un vero innovatore: a quanto pare fu lui il primo tra i calzolai a iniziare ad apporre etichette di marca, o, come direbbero oggi, loghi, sui loro prodotti. Le sue scarpe avevano un taglio di prima classe ed erano realizzate con i migliori materiali, ma la caratteristica principale del suo stile era il ricamo. Abili ricami floreali fatti a mano ricoperti di scarpe e stivali da passeggio in raso, sempre con tacchi a vita civettuola. A Pina lavoravano diverse centinaia di ricamatrici casalinghe: ricamavano a mano i grezzi, dai quali venivano poi realizzate le scarpe in fabbrica.

Foto per gentile concessione del Museo storico statale.

Quest'anno la rivista Shoes Report ha lanciato un progetto didattico ed educativo dedicato alla storia delle scarpe e degli accessori, sostenuto dal Museo storico statale (GIM). IN…
3.35
5
1
2
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Come il mulo è diventato mulo. Un modello molto femminile e rilevante di scarpe da donna oggi è apparso nell'antica Roma.

Continuiamo il progetto didattico ed educativo congiunto della rivista Shoes Report e del Museo Storico Statale (GIM), dedicato alla storia delle scarpe e dell'artigianato calzaturiero. I sabot da donna sono calzature alla moda per le donne ricche di città per uscire.…
02.10.2023 3390
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio