Rieker
Gli inquilini di Kaluga "San Marta" vengono sfrattati dal centro commerciale
07.08.2011 2629

Gli inquilini di Kaluga "San Marta" vengono sfrattati dal centro commerciale

Il nuovo proprietario del centro commerciale di Kaluga "San Mart" ha inviato a 17 inquilini che lavorano nel centro commerciale da meno di sei mesi, l'ordine di chiudere i negozi. L'elenco di coloro a cui è stato ordinato di smettere di lavorare dal 1 ° agosto a 17 marchi noti e di successo: Profi Sport, Your, INCITY, Camelot, Intimissimi, Calzedonia, Gregory, Saints, Bukva, Viking, Lady Collection, Jeans Factory, Step by step, Mir Bags, Korall, Almaz Holding, che hanno concluso contratti di locazione di sette anni per conto della RTDA Retail Development Association con l'ex proprietario del complesso.

Secondo PDTA, "la storia depressa del centro commerciale di Kaluga semivuoto è durata più di tre anni, fino alla firma di un accordo di collaborazione tra l'ex proprietario del centro commerciale, London & Regional Properties (LRP), con l'Associazione". Finalizzato il concept di "San Marta", RTDA, in partnership, ha invitato al Centro Commerciale 17 marchi di abbigliamento, calzature e accessori noti e di successo, firmando con ciascuno di loro nel dicembre 2010 un contratto di locazione di 7 anni per una superficie complessiva di 2500 mila metri quadrati. e investendo congiuntamente in riparazioni, attrezzature e raccolte di circa 100 milioni di rubli. Sono stati presentati contratti di locazione a lungo termine per la registrazione statale.

Nel marzo-aprile 2011, il proprietario del centro commerciale è cambiato, Sun-Mart è diventato parte del gruppo di società del quartiere dello shopping. Il primo passo del nuovo proprietario è stata la sospensione della registrazione dei contratti a lungo termine conclusi dal precedente proprietario nel dicembre 2010 e la proposta agli inquilini di nuove tariffe di noleggio che superano le precedenti 7-10 volte.

Nel giugno 2011, RTDA, in qualità di rappresentante degli interessi collettivi degli inquilini, ha vinto una causa contro Torgovy Kvartal e ha difeso i diritti degli inquilini di San Marta di dichiarare la registrazione di contratti a lungo termine. Il tribunale ha riconosciuto illegali le azioni del nuovo proprietario del centro commerciale e ha ordinato a Torgovy Kvartal di non impedire la registrazione statale di accordi a lungo termine già conclusi.

La ricerca di soluzioni di compromesso alla controversia non ha ancora prodotto risultati. Agli inquilini fu ordinato di chiudere i loro negozi. Pertanto, il nuovo proprietario di San Marta viola unilateralmente i termini degli accordi di locazione a lungo termine conclusi con gli inquilini per un periodo di 7 anni nel dicembre 2010 dal precedente proprietario del centro commerciale, secondo RTDA.

RTDA ha inviato dichiarazioni su possibili provocazioni e azioni illegali da parte di Torgovy Kvartal all'ufficio del procuratore della regione di Kaluga, al dipartimento per la lotta ai crimini economici della direzione degli affari interni della regione di Kaluga, al dipartimento del servizio federale antimonopoli nella regione di Kaluga, alla Camera di commercio e ai deputati della sezione regionale della Russia Unita , alla sezione regionale del "Fronte popolare", nonché al governatore della regione di Kaluga.

Il nuovo proprietario del centro commerciale Kaluga "San Mart" ha inviato 17 inquilini che lavorano nel centro commerciale da meno di sei mesi, un ordine di chiusura ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

I prezzi di vestiti e scarpe potrebbero aumentare questo autunno

Secondo alcuni rivenditori russi, all'inizio del prossimo anno, dovremmo aspettarci un aumento dei prezzi di abbigliamento e calzature. Le ragioni principali dell'aumento del prezzo sono la crescita dei costi per la logistica e le materie prime, - scrive ...
23.07.2021 142

FCS: le merci provenienti dai paesi EAEU devono essere contrassegnate prima di essere importate nella Federazione Russa

Il Servizio federale delle dogane ha illustrato il processo di controllo doganale per le merci soggette all'obbligo di etichettatura. Lo ha detto il capo del dipartimento del Dipartimento principale del controllo doganale dopo il rilascio delle merci dell'FCS della Russia ...
22.07.2021 136

Ekonika e Ushatava hanno presentato una collaborazione

Econika ha annunciato una nuova collaborazione con il famoso marchio di abbigliamento Ushatava. Il leitmotiv della collezione è uno sguardo d'autore ai modelli e alle forme base: punte volutamente allungate di stivaletti e décolleté, stivali perfettamente arrotondati, ...
22.07.2021 156

I consumatori controllano attivamente la qualità delle calzature attraverso il "Segno onesto"

Secondo gli analisti dell'applicazione Chestny ZNAK, creata per verificare la legalità delle merci nell'ambito del sistema di etichettatura obbligatoria, circa 22,8 milioni di persone hanno già utilizzato l'applicazione mobile per verificare la qualità delle scarpe, circa 4,6 milioni ...
22.07.2021 201

Expo Riva Schuh finito in Italia

Alla fiera Expo Riva Schuh & Gardabags tenutasi dal 18 al 20 luglio presso il quartiere fieristico di Riva Del Garda, erano rappresentate 406 aziende espositrici. Per tre giorni di lavoro, all'evento hanno partecipato 2700 persone provenienti da 79 diverse ...
22.07.2021 209
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio