Rieker
Una delle più grandi fabbriche fallì in Cina
25.05.2011 9672

Una delle più grandi fabbriche fallì in Cina

Una delle più grandi aziende calzaturiere cinesi, Xinou, ha annunciato la chiusura della produzione il 19 novembre 2008. La ragione della rovina della fabbrica con più di 20 anni di storia non è stata tanto la crisi finanziaria quanto le azioni dell'amministratore delegato, il signor Shi Janow.

Ha usato per la prima volta il prestito bancario ricevuto dalla società per lo sviluppo della produzione per investimenti di grandi dimensioni, ma non riusciti nel settore immobiliare, quindi ha cercato di recuperare i soldi persi giocando in un casinò a Macao, dove ha perso alcune decine di milioni di yuan dai fondi dell'azienda. Poi è scomparso e la fabbrica è stata costretta a dichiarare bancarotta.

“Sfortunatamente, non è raro che i leader delle imprese cinesi facciano un uso improprio del denaro dell'azienda, di regola, fondi di credito. In una situazione simile, non ci sono solo imprese orientate al mercato locale, ma anche aziende che collaborano con partner stranieri, anche dalla Russia. E con l'aggravarsi della crisi finanziaria, ci sono sempre più casi simili. Pertanto, coloro che esportano merci dalla Cina dovrebbero prestare particolare attenzione a non cadere preda di imprenditori cinesi senza scrupoli oggi ", afferma Evgeny Kolesov, CEO di Optim Consult (Guangzhou, Cina), una società membro della China Consumer Goods Manufacturers Association.

Certificato del calzaturificio. Xinou è la prima e più grande fabbrica di scarpe di Wenzhou, uno dei tre più grandi centri di produzione di scarpe della Cina continentale. I prodotti dell'azienda con il marchio Xinou sono stati esportati in Russia, Ucraina, Francia, Italia, Spagna, Paesi Bassi e Germania, dove erano molto richiesti. Inoltre, le scarpe della fabbrica possono essere acquistate online. Prima del fallimento, la società era membro dello sviluppo economico e tecnologico della Camera di commercio di Wenzhou.
Una delle più grandi aziende calzaturiere cinesi, Xinou, ha annunciato la chiusura della produzione il 19 novembre 2008. Il motivo della rovina di una fabbrica con più di 20 anni di storia ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

"C'era una luce alla fine del tunnel ..." I partecipanti del mercato calzaturiero sulla situazione del settore.

Il 2020 è diventato un anno di crisi per il settore reale dell'economia e dell'industria calzaturiera. Shoes Report ha parlato con le società all'ingrosso, con Mikhail Kryuchkov, il capo della società di distribuzione Paloma, che rappresenta una serie di calzature spagnole sul mercato russo ...
22.12.2020 6687

Stagione morta. Cosa trasformerà la quarantena Covid-19 per la vendita al dettaglio di scarpe

La vendita al dettaglio di scarpe riprende le operazioni a Mosca e nelle regioni, calcola le perdite, valuta le prospettive. Due mesi e mezzo di inattività si sono rivelati un serio test per ...
01.06.2020 16720

10 principali tendenze nel commercio al dettaglio per i prossimi 3 anni

Dieci tendenze principali emergenti nell'ultimo anno, che determineranno lo sviluppo del commercio mondiale nel prossimo futuro
11.03.2020 20644

La marcatura delle scarpe è iniziata. MTCT nominato operatore del progetto pilota di etichettatura

Il 1 ° giugno 2018 è stato lanciato un progetto pilota per la marcatura delle scarpe in Russia, finora su base volontaria. L'operatore di sistema è stato nominato una sussidiaria del Centro per lo sviluppo di tecnologie avanzate "Operatore CRPT", creato per implementare l'Unified National ...
23.07.2018 10686

Chipping shoes: essere o non essere

La proposta del Ministero dell'Industria e del Commercio della Russia sulla marcatura (scheggiatura) delle scarpe ha causato un'accesa discussione tra esperti e partecipanti alla scarpa ...
10.08.2017 30974
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio