Rieker
I rivenditori di scarpe lasciano i centri commerciali
20.05.2015 5030

I rivenditori di scarpe lasciano i centri commerciali

Nei centri commerciali della capitale c'è un eccesso di spazi liberi: ora in media il 6% dello spazio è vuoto in essi e negli oggetti che si sono aperti negli ultimi due anni - il 13% in totale. Prima di tutto, ne escono inquilini di piccoli locali (fino a 100 mq), così come i rivenditori di abbigliamento e calzature, che rappresentano il 61% di tutti i negozi chiusi. Come nella crisi del 2008-2009, i centri commerciali che sono entrati nel mercato in un periodo sfavorevole richiedono da due a tre volte più tempo per attirare il loro pubblico.

Il divario negli indicatori tra i centri commerciali aperti in anni diversi è spiegato dal fatto che ai fattori fondamentali si aggiungono fattori di crisi: la posizione finanziaria dei rivenditori, la flessibilità del locatore e la sua politica tariffaria, afferma Olesya Dziuba, vicedirettore della ricerca presso JLL in Russia e CSI. Il tasso di occupazione di un centro commerciale è influenzato dal momento in cui viene lanciato sul mercato: durante la crisi finanziaria globale del 2008-2009, si è sviluppata una situazione simile. "L'elevata quota di spazi liberi nei centri commerciali di recente apertura è logica: il volume delle commesse negli ultimi anni è stato elevato e la situazione macroeconomica si è notevolmente deteriorata. E quelli che hanno aperto più di due anni fa sono già stati promossi e hanno sviluppato un target di riferimento, quindi hanno meno spazio libero", - dice Olesya Dziuba. Inoltre, il tempo di "promozione" e di occupazione dei centri commerciali aperti durante la crisi aumenta da due a tre volte rispetto ai centri commerciali che sono entrati nel mercato in un momento più appropriato: fino a tre o quattro anni invece di uno o due anni in un periodo economico favorevole.


Secondo la società di consulenza Magazin Magazin, l'11% dello spazio a Mosca era vuoto nel primo trimestre e entro la fine dell'anno questa cifra potrebbe salire al 14%. La quota di negozi vuoti o non funzionanti al momento dell'apertura del centro commerciale, entrato in funzione dall'inizio del 2014, è in media del 50%, ha calcolato l'azienda. Quindi, a Columbus il 94% dell'area era vuoto, nel centro commerciale "Vesna" - 8%, e nel recentemente aperto "Aviapark" - 65%.

Il deterioramento dei tassi di occupazione per le nuove proprietà sta modificando le preferenze degli investitori, afferma Andrey Novikov, amministratore delegato del dipartimento dei mercati dei capitali presso CBRE. "Il numero di accordi è diminuito. Quando si tratta di acquistare, gli investitori prendono in considerazione solo le proprietà esistenti con un flusso di cassa stabile", afferma. Il volume degli investimenti nel settore immobiliare al dettaglio a Mosca, secondo Novikov, è stato di 200 milioni di euro negli ultimi 16 mesi.



C'è un eccesso di spazi liberi nei centri commerciali della capitale: ora, in media, il 6% delle aree è vuoto, e negli oggetti che hanno aperto negli ultimi due anni - del tutto ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

"C'era una luce alla fine del tunnel ..." I partecipanti del mercato calzaturiero sulla situazione del settore.

Il 2020 è diventato un anno di crisi per il settore reale dell'economia e dell'industria calzaturiera. Shoes Report ha parlato con le società all'ingrosso, con Mikhail Kryuchkov, il capo della società di distribuzione Paloma, che rappresenta una serie di calzature spagnole sul mercato russo ...
22.12.2020 6687

Stagione morta. Cosa trasformerà la quarantena Covid-19 per la vendita al dettaglio di scarpe

La vendita al dettaglio di scarpe riprende le operazioni a Mosca e nelle regioni, calcola le perdite, valuta le prospettive. Due mesi e mezzo di inattività si sono rivelati un serio test per ...
01.06.2020 16720

10 principali tendenze nel commercio al dettaglio per i prossimi 3 anni

Dieci tendenze principali emergenti nell'ultimo anno, che determineranno lo sviluppo del commercio mondiale nel prossimo futuro
11.03.2020 20644

La marcatura delle scarpe è iniziata. MTCT nominato operatore del progetto pilota di etichettatura

Il 1 ° giugno 2018 è stato lanciato un progetto pilota per la marcatura delle scarpe in Russia, finora su base volontaria. L'operatore di sistema è stato nominato una sussidiaria del Centro per lo sviluppo di tecnologie avanzate "Operatore CRPT", creato per implementare l'Unified National ...
23.07.2018 10686

Chipping shoes: essere o non essere

La proposta del Ministero dell'Industria e del Commercio della Russia sulla marcatura (scheggiatura) delle scarpe ha causato un'accesa discussione tra esperti e partecipanti alla scarpa ...
10.08.2017 30974
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio