Rieker
05.04.2011 7789

Anno in pareggio

Cosa hanno vissuto i produttori di scarpe russi quest'anno? Quali previsioni costruiscono su richiesta nel 2010? Quali dovrebbero essere i doveri? Devo aggiornare l'attrezzatura? Quali sono le prospettive per la produzione di scarpe russe? Riassumiamo i risultati preliminari dell'anno.

Testo: Galina Kuznetsova

www-Scarpe7.jpgAbbiamo vissuto per un anno in condizioni che qualcuno chiama un calo della domanda, qualcuno una crisi, qualcuno un momento di nuove opportunità. Il panorama del mondo calzaturiero era estremamente vario. Per la prima volta, le reti di scarpe russe hanno utilizzato un nuovo mezzo pubblicitario: i biglietti della metropolitana. I disordini sono iniziati nel mercato del lavoro asiatico, dove più di mezzo milione di persone rischiavano di perdere il lavoro. I social network di scarpe sono apparsi a Barnaul, dove i beneficiari possono acquistare scarpe utilizzando le social card. Le Galeries Lafayette parigine hanno deciso di aprire il più grande negozio di scarpe del mondo - con una superficie di 3000 mq. Le tariffe di affitto per spazi commerciali in Russia sono diminuite del 15-25%. Geox rileva il marchio Diadora e Ara the Salamander. Il mercato di Cherkizovsky ha chiuso a Mosca. Una delle più grandi reti americane, Payless, ha annunciato il suo ingresso in Russia. Il miglior produttore dell'anno in Germania è Wortmann. Per la prima volta a Izhevsk, hanno organizzato la vendita di scarpe a peso - per chilogrammi. adidas ha rilasciato sneakers con diamanti e truccate con Puma. La Commissione Europea ha deciso di estendere i dazi antidumping per le scarpe cinesi e vietnamite. Gli ordini degli acquirenti russi di calzature europee sono diminuiti del 30%. Le autorità russe hanno avviato un'altra discussione sull'aumento dei dazi doganali all'importazione sulle scarpe. Le autorità cinesi hanno iniziato a discutere l'abolizione delle tasse all'esportazione. Per la prima volta, i produttori russi si sono offerti di formare un ordine in una dimensione gratuita. Viene aperta una nuova conceria a Chegem.

Andrey Berezhnoy, CEO di RALF RINGER:

- Chi sa nuotare esce nella tempesta. L'anno in uscita ci ha dato la fiducia che quasi tutto ciò che abbiamo fatto e stiamo facendo negli ultimi tre anni è necessario. Che "padroneggiare un'ampia gamma di competenze, elevare il livello di tutti i processi aziendali" è la strategia a lungo termine più corretta. È stata lei a permetterci di attraversare il 2008-2009 senza perdite. E vediamo anche il nostro futuro nella crescita della professionalità. Uno dei risultati chiave del 2009: la deviazione della previsione di vendita del modello dall'ordine effettivo è stata del 3%. Questo è un risultato unico, e ciò che è ancora più importante, questo risultato è riproducibile, poiché è stato ottenuto grazie al lavoro tecnologico, e non a caso.

Alla fine dell'anno scorso, la domanda era incerta. Ma abbiamo avuto la decisione e nella crisi abbiamo ancora fatto investimenti nella gamma. Nel prossimo "autunno-inverno" investiremo nuovamente nel prodotto e prevediamo di ottenere una collezione europea. Questo produrrà risultati. Quest'anno abbiamo condotto numerosi esperimenti commerciali di successo, che alla fine hanno portato alla creazione di una "strategia di vendita di scarpe Ralf Ringer per il periodo 2010-2012". In una situazione di crisi, abbiamo preso provvedimenti che hanno notevolmente migliorato l'efficienza della formazione degli ordini. In primo luogo, abbiamo effettivamente rifiutato la dimensione minima dell'ordine. In secondo luogo, abbiamo reso possibile formare un ordine in una dimensione libera (l'unica limitazione è il numero di coppie per modello deve essere un multiplo di dodici). Se parliamo di volumi, la società non solo ha mantenuto il livello delle vendite all'ingrosso nel 2008, ma ha anche aggiunto leggermente (non ci sono ancora cifre esatte, prevediamo una crescita di circa il 3-5%). Soddisfatto delle statistiche sulle vendite al dettaglio. La catena di negozi a marchio RALF RINGER ha completato il piano di vendita il 1 ° novembre, vale a dire anche prima dell'inizio delle vendite elevate dell'assortimento invernale.

Da un punto di vista finanziario, abbiamo chiuso l'anno con un portafoglio prestiti stabile e diversificato. E sono tornati alla situazione quando le offerte delle banche superano le nostre esigenze. Inoltre, nel corso dell'anno abbiamo ridotto il portafoglio crediti di oltre 2 volte. E oggi ci sentiamo molto più fiduciosi rispetto alla fine del 2008, quando iniziarono i problemi con la ricezione di denaro e dovevamo iniziare la produzione di una nuova collezione.

Vyacheslav Zykov, CEO di Bris-Bosphorus:

- La cifra strategica annunciata da Oleg Koshcheev, vicedirettore del Dipartimento di silvicoltura e industria leggera del Ministero dell'Industria e del Commercio della Federazione Russa al forum economico della fiera Shoes Access, è abbastanza reale (ricorda, Kashcheev ha affermato che entro il 2020 la quota di scarpe russe nel mercato interno dovrebbe essere del 50%. Circa. Ed.). Ma per questo è necessario acquisire coraggio e ammettere che negli ultimi 10 anni la politica delle nostre autorità è stata mirata all'importazione e al sostegno dei produttori di altri stati. Secondo le mie stime, in 5-7 anni è possibile ripristinare la produzione in Russia. Con un'adeguata regolamentazione doganale e tariffaria, è possibile creare un clima di investimento in modo che i produttori inizino ad aprire e sviluppare nuove fabbriche, e il produttore apre la sua produzione nel nostro paese.

Mi sembra che almeno il 70% del consumo totale di scarpe dovrebbe essere prodotto in Russia. Ciò include la sicurezza del paese, le tasse, i posti di lavoro, gli stipendi per le persone, la domanda dei consumatori e lo sviluppo di settori correlati relativi a questo segmento di attività. Secondo le mie stime, dal paese vengono esportate annualmente da $ 7 miliardi per l'acquisto di scarpe importate. Se fossero stati investiti nello sviluppo della produzione di scarpe, ora avrebbe un livello completamente diverso.

La nostra azienda non è stata in grado di mantenere i volumi del 2008, abbiamo perso circa il 15%. E c'erano due ragioni per questo: in primo luogo, le banche ci hanno lasciato senza capitale circolante e siamo stati costretti a ridurre i volumi di produzione. Il secondo motivo è il tasso di cambio del rublo: all'inizio dell'anno era dalla parte del produttore russo, e in estate il rublo si è rafforzato e le importazioni hanno guadagnato il suo fatturato. Nel 2010, prevediamo di ripristinare le vendite del 2008. Abbiamo un'impresa relativamente giovane, è stata creata solo nel 1999, quindi il problema dell'aggiornamento delle attrezzature non è ancora stato affrontato. Aggiorniamo la collezione ogni anno del 50% e vediamo il futuro sviluppo della produzione russa in collaborazione con aziende straniere con una vasta esperienza nel settore delle calzature. Hanno una cultura della produzione, nuove tecnologie ed esperienza.

Se parliamo della dimensione dei compiti e del loro impatto sull'industria calzaturiera ...

Il dovere è stato creato per proteggere gli interessi della produzione non tanto quanto il paese. Ora abbiamo l'80% di scarpe - questo è import, il 20% - la nostra produzione. Da un lato, si tratta di profitti e tasse lasciati fuori dal nostro paese. D'altra parte, ci sono posti di lavoro in Russia che forniscono la stessa domanda, che è diminuita in modo così marcato nel 2008. Dubito che la qualità dei prodotti importati dal sud-est asiatico soddisfi i requisiti di GOST. La qualità delle scarpe russe non è diversa dalla concorrenza e, in una certa misura, è persino superiore. Le nostre imprese rispettano sia le specifiche standard statali sia gli standard di produzione, mentre in SEA nessuno lo segue. Ad esempio, per quanto riguarda le scarpe per bambini, posso dire con certezza che questa categoria è di alta qualità solo con un produttore russo. Se parliamo di variazioni di prezzo, l'acquirente non ha bisogno di un prodotto economico. Creando posti di lavoro all'estero, diamo l'opportunità di aumentare la disoccupazione e ciò comporta una diminuzione della domanda dei consumatori: semplicemente non ci sarà nessuno a comprare scarpe economiche. Questa è la legge del mercato.

Il dovere non ha un impatto diretto sullo stato delle fabbriche attive, ma è l'unico strumento per creare un clima di investimento nel mercato interno. Ad esempio, nell'industria automobilistica, un aumento dei dazi all'importazione ha portato alla costruzione di quasi 10 nuovi impianti. Lo stesso può essere per il mercato delle scarpe. I produttori saranno interessati a venire in Russia, creando qui la propria produzione e sviluppando la nostra economia.

Alexander Shafiev, direttore della fabbrica di scarpe Valrus:

- L'opzione migliore per lo sviluppo del prodotto russo è la propria produzione combinata con l'outsourcing, poiché, ad esempio, è praticato in Spagna.

Nella nostra azienda, la produzione nel 2009 è diminuita del 10% rispetto al 2008. La riduzione è dovuta a una diminuzione della domanda di prodotti per calzature. Tuttavia, nel 2010 prevediamo ancora di raggiungere i volumi del 2008.

Nonostante l'attuale situazione di crisi, non ci sono stati cambiamenti nel personale dell'azienda. Abbiamo acquistato nuove attrezzature nel 2007. Ma l'aggiornamento più serio al parco tecnologico è stato nel 2003 e nel 2005. L'assortimento viene ancora aggiornato due volte l'anno. Nelle collezioni "primavera-estate" e "autunno-inverno", come prima, sono in fase di sviluppo 75-80 nuovi modelli maschili. In totale, la collezione stagionale contiene circa 300 modelli.

A mio avviso, i dazi non possono influire direttamente sulla qualità dei prodotti fabbricati a livello nazionale. È piuttosto uno strumento per aiutare l'industria calzaturiera nazionale, che a sua volta è un fattore dissuasivo per la crescita dei prezzi al dettaglio per i prodotti importati. I dazi dovrebbero essere tali che i produttori nazionali si trovino in condizioni comparabili con i produttori stranieri, comprese le fabbriche di scarpe cinesi. I calzolai si aspettano aiuto dallo stato in modo che possano almeno in qualche modo competere con le aziende cinesi.

Andrey Beloisov, direttore esecutivo, Nine Lines, Rostov-sul-Don:

- Ora la qualità delle scarpe sul mercato russo è completamente determinata dai produttori cinesi e le fabbriche russe sono costrette a concentrarsi sul livello da loro fissato. Per stabilire il loro livello di qualità, i produttori russi devono avere almeno il 20% del mercato.

La produzione locale nel mercato russo dovrebbe essere almeno del 50%. Farlo in un periodo di dieci anni è, in linea di principio, possibile, ma dipenderà da azioni specifiche a livello statale. La nostra azienda produce due collezioni stagionali all'anno. Includono oltre 400 modelli di scarpe, l'80% dei quali sono nuovi modelli. Se confrontiamo gli indicatori degli ultimi due anni, siamo riusciti a mantenere il livello di produzione allo stesso livello, nonostante il fatto che in generale la produzione di Rostov-sul-Don sia diminuita di almeno il 50%. Nel 2010, abbiamo in programma di lavorare in modo pesante.

Riassumendo: abbiamo trascorso un anno in equilibrio sul punto di pareggio. C'è speranza che eseguiremo il prossimo, tuttavia, non sopravvivendo, ma sviluppandoci.

Per la cronaca

La produzione di scarpe in pelle sta crescendo in Bashkiria a causa del funzionamento stabile delle aziende calzaturiere nella città di Davlekanovo, dove attualmente operano quattro fabbriche, tra cui Sandra LLC, che ha acquisito il complesso immobiliare della fabbrica di scarpe Davlekanovskaya OJSC.

La ditta di scarpe Chelyabinsk Unichel (uno dei cinque maggiori produttori di scarpe russi, unisce la fabbrica di scarpe Chelyabinsk Unichel, la fabbrica di scarpe OJSC Orenburg Ural, la fabbrica di scarpe CJSC Zlatoust Zlato e TD Obuv) 11 mesi del 2009 rispetto allo stesso periodo del 2008, ha aumentato la produzione di calzature del 14,4% - 1,228 miliardi di rubli. fino a 1,45 miliardi di rubli. A coppie, la produzione è aumentata del 3,6% - 1,87 milioni di paia a 1,94 milioni di paia. Il volume delle vendite è aumentato del 61,8%, passando da 910,8 milioni di rubli. fino a 1,473 miliardi di rubli.

Nella regione di Tula nel 2009 la produzione di scarpe è stata aumentata negli stabilimenti di Donskaya Obuv e Zarya. Nella società Egorievsk-Obuv, la produzione nel corso dell'anno è aumentata del 10%. Secondo i responsabili della fabbrica, nel 2010 la produzione sarà aumentata a 3 milioni di paia. In futuro, i produttori intendono aumentare i volumi fino a 5 milioni di paia all'anno.

Il governatore della regione di Tver Dmitry Zelenin ha definito la produzione di scarpe promettente: “Anche nell'industria leggera, considerata la meno adatta alle innovazioni, ci sono industrie“ rivoluzionarie ”. Un esempio è il calzaturificio Torzhok, che produce ogni anno 1,2 milioni di paia di scarpe.

Cosa hanno vissuto i produttori di scarpe russi quest'anno? Quali previsioni costruiscono su richiesta nel 2010? Quali dovrebbero essere i doveri? Devo aggiornare l'attrezzatura? Quali sono le prospettive per il russo ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

"C'era una luce alla fine del tunnel ..." I partecipanti del mercato calzaturiero sulla situazione del settore.

Il 2020 è diventato un anno di crisi per il settore reale dell'economia e dell'industria calzaturiera. Shoes Report ha parlato con le società all'ingrosso, con Mikhail Kryuchkov, il capo della società di distribuzione Paloma, che rappresenta una serie di calzature spagnole sul mercato russo ...
22.12.2020 6687

Stagione morta. Cosa trasformerà la quarantena Covid-19 per la vendita al dettaglio di scarpe

La vendita al dettaglio di scarpe riprende le operazioni a Mosca e nelle regioni, calcola le perdite, valuta le prospettive. Due mesi e mezzo di inattività si sono rivelati un serio test per ...
01.06.2020 16720

10 principali tendenze nel commercio al dettaglio per i prossimi 3 anni

Dieci tendenze principali emergenti nell'ultimo anno, che determineranno lo sviluppo del commercio mondiale nel prossimo futuro
11.03.2020 20644

La marcatura delle scarpe è iniziata. MTCT nominato operatore del progetto pilota di etichettatura

Il 1 ° giugno 2018 è stato lanciato un progetto pilota per la marcatura delle scarpe in Russia, finora su base volontaria. L'operatore di sistema è stato nominato una sussidiaria del Centro per lo sviluppo di tecnologie avanzate "Operatore CRPT", creato per implementare l'Unified National ...
23.07.2018 10686

Chipping shoes: essere o non essere

La proposta del Ministero dell'Industria e del Commercio della Russia sulla marcatura (scheggiatura) delle scarpe ha causato un'accesa discussione tra esperti e partecipanti alla scarpa ...
10.08.2017 30974
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio