Rieker
10 principali tendenze nel commercio al dettaglio per i prossimi 3 anni
11.03.2020 10359

10 principali tendenze nel commercio al dettaglio per i prossimi 3 anni

Dieci tendenze principali emergenti nell'ultimo anno, che determineranno lo sviluppo del commercio mondiale nel prossimo futuro

L'aggiornamento continuo fa parte del DNA della moda moderna. Le tendenze che cambiano gradualmente trasformano anche i gusti dei consumatori. Ecco perché è così importante non dare nulla per scontato, scontato e invariato, e aggiornare costantemente le informazioni relative al settore della moda. A tal fine, McKinsey & Company, una società di consulenza internazionale, pubblica ogni anno The State of Fashion, che identifica 10 tendenze chiave che saranno rivoluzionarie per l'industria della moda e delle calzature e che cambieranno il suo futuro. Pubblichiamo le prime dieci tendenze nel rivenditore di moda di McKinsey & Company.

1. Attenzione

L'attenzione a tutti i partecipanti al mercato della moda ora non farà male, poiché tutti gli indicatori indicano che ci stiamo avvicinando a un nuovo periodo di instabilità economica, che creerà uno stato di un certo umore negativo nel settore della moda, in cui sono già dominati i cauti umori dei consumatori. Di fronte a una probabile recessione economica prevista per il 2020, i marchi di moda diventeranno più conservatori nelle loro strategie e cercheranno nuove opportunità commerciali per aumentare la loro redditività in modi più aggressivi rispetto agli anni precedenti.

Secondo un sondaggio della McKinsey & Company, il 70% degli intervistati è preoccupato per la situazione macroeconomica globale nel 2019. E la stessa preoccupazione si diffonderà al prossimo anno.

2. Crescita indiana

L'India è diventata uno dei paesi chiave per l'industria della moda globale - sia come consumatore, poiché il paese sta crescendo e sviluppando la classe media, sia come produttore con un grande potenziale di crescita. I principali marchi di moda competeranno e combatteranno per questo mercato interessante e promettente, che, nonostante la composizione sociale molto frammentata e disuguale della popolazione, ha un numero piuttosto elevato di consumatori ad alto reddito e inclini allo shopping che utilizzano le moderne tecnologie.

3. Scambiare un'emergenza economica

Tutti i marchi di moda dovranno preparare un piano di emergenza in modo da non dover affrontare gravi problemi che possono iniziare come una reazione a catena in tutto il mondo. Da un lato, la comparsa di nuove barriere tariffarie e doganali tra paesi, tendenze commerciali e incertezza può influire sul commercio di abbigliamento e calzature e, dall'altro, nuove opportunità per la crescita del commercio e degli scambi con i paesi con economie in via di sviluppo (paesi BRICS) e la revisione degli accordi commerciali internazionali .

La percentuale di intervistati che ritiene che i cambiamenti nella politica commerciale comportino rischi potenziali per la crescita economica globale è stata del 62%.

4. Risveglio

La passione delle giovani generazioni di scegliere abiti e scarpe per motivi sociali o ambientali ha già raggiunto la sua massa critica, questi consumatori - sostenitori del consumo razionale - non possono più essere ignorati e l'obiettivo principale di molti marchi oggi è quello di attirare l'attenzione di questi consumatori consapevoli. I consumatori di numerosi settori, se non tutti, premieranno quei marchi che assumono una posizione ferma e coerente nel risolvere i più gravi problemi ambientali e sociali del pianeta, per i quali questa tradizione fa parte della cultura aziendale della responsabilità sociale.

5. Niente più proprietà

La vita / shelf life delle cose alla moda diventa più flessibile, elastica, mentre i modelli commerciali di riutilizzo delle cose, tecnologie di riciclaggio, riparazione, noleggio di vestiti e scarpe si stanno attivamente sviluppando. Quest'area si sta attivamente sviluppando oggi, appaiono start-up e nuovi marchi che promuovono un ciclo chiuso per i loro prodotti. Marchi di scarpe e abbigliamento useranno sempre più i vantaggi di questo mercato per ottenere l'accesso a nuovi consumatori e la loro lealtà, che in cerca di accessibilità, riduzione del prezzo dei beni alla moda si allontanano dal modello di possesso permanente e a lungo termine di vestiti e scarpe.

Il 44% degli intervistati ritiene che il modello commerciale di articoli di moda riutilizzabili sia diventato ancora più rilevante nel 2019 rispetto al 2018.

6. Ora o mai più

Grazie al suo telefono cellulare, il consumatore di beni alla moda è diventato molto impaziente e persino intollerante, e non ha voluto affatto aspettare molto dal momento della ricerca della merce fino al suo acquisto: vuole ottenerlo immediatamente. Pertanto, i marchi si concentreranno sul colmare questo divario tra ricerca e acquisto attraverso una consegna più rapida dei prodotti, una maggiore disponibilità dell'offerta e lo sviluppo di nuove tecnologie di ricerca visiva.

Il progresso fa miracoli: nel 2018, i clienti Amazon negli Stati Uniti hanno previsto la consegna entro 24 ore, un enorme miglioramento rispetto a 9 giorni nel 1995.

7. Trasparenza radicale

Dopo molti anni, durante i quali i consumatori hanno tranquillamente tollerato il trattamento dei propri dati personali da parte delle società di vendita al dettaglio, ora sono diventati più diffidenti e richiedono ai marchi di essere più responsabili e trasparenti nei confronti delle informazioni personali e di altro tipo. Per far sì che le aziende soddisfino le esigenze dei consumatori in merito a un elevato grado di fiducia, devono ora fornire una maggiore trasparenza in tutto, a partire dal rapporto qualità-prezzo nel segmento di abbigliamento e scarpe alla moda, etica creativa e terminando con la protezione di tutti i dati.

A proposito, il 65% degli intervistati ha menzionato le esigenze dei consumatori di fare affidamento sull'autenticità del prodotto e sull'originalità creativa tra le cinque principali tendenze del 2019.

8. Autodistruzione

I marchi tradizionali hanno iniziato a trasformare i loro modelli di business, l'immagine e i prodotti in risposta all'emergere di una nuova generazione di piccoli marchi che stanno guadagnando slancio a causa del calo della fedeltà dei marchi e della crescente propensione dei consumatori per tutto ciò che è nuovo. Si prevede che più marchi seguiranno questo esempio di autodistruzione (distruzione), maggiore sarà l'influenza di questa tendenza su modelli di business efficaci.

9. Battaglia digitale

Poiché questa gara diventa la piattaforma digitale preferita sia per gli acquirenti che per i marchi, i principali attori del mercato globale della moda nel commercio elettronico continueranno a innovare e ad aggiungere servizi a valore aggiunto convenienti.

Tramite acquisizioni, investimenti, investimenti esterni o interni, quelle aziende che diversificano il loro ecosistema, sviluppano un modello di vendita omnicanale, rafforzano la loro leadership e superiorità rispetto a quelle che rimangono pure in termini di classico modello di business al dettaglio, a seconda delle sole dimensioni margine al dettaglio offline.

A proposito: il reddito annuale dei rivenditori di e-commerce di moda è quadruplicato rispetto ai tradizionali rivenditori di moda offline per il periodo dal 2013 al 2017.

10. Su richiesta

L'automazione e l'analisi dei dati hanno permesso a una nuova generazione di aziende che lavorano sul principio della "moda veloce" (moda veloce) per ottenere una produzione più individuale e personalizzata. Pertanto, le aziende impegnate nella produzione di massa cercheranno di adattare rapidamente le loro imprese, riducendo gli inventari e i cicli di produzione in eccesso e riducendo le collezioni.

Dieci tendenze principali emergenti nell'ultimo anno, che determineranno lo sviluppo del commercio mondiale nel prossimo futuro
5
1
Si prega di valutare l'articolo
Midinblu

Materiali correlati

Stagione morta. Cosa trasformerà la quarantena Covid-19 per la vendita al dettaglio di scarpe

La vendita al dettaglio di scarpe riprende le operazioni a Mosca e nelle regioni, calcola le perdite, valuta le prospettive. Due mesi e mezzo di inattività sono stati un serio test per i rivenditori.
01.06.2020 7177

La marcatura delle scarpe è iniziata. MTCT nominato operatore del progetto pilota di etichettatura

Il 1 ° giugno 2018 è stato lanciato un progetto pilota per la marcatura delle scarpe in Russia, finora su base volontaria. L'operatore di sistema è stato nominato una sussidiaria del Centro per lo sviluppo di tecnologie avanzate "Operatore CRPT", creato per implementare l'Unified National ...
23.07.2018 8801

Chipping shoes: essere o non essere

La proposta del Ministero dell'Industria e del Commercio della Russia sull'etichettatura (scheggiatura) delle scarpe ha provocato una discussione accesa tra esperti e partecipanti al mercato delle calzature.
10.08.2017 28942

La marcatura è ora in inglese

Ora tutto il lavoro sul terminale di raccolta dati nelle licenze del magazzino estero “Kirovka” è possibile anche in inglese.
23.12.2019 3046

Rivoluzione silenziosa nel mercato delle calzature

"Fino ad ora, un numero enorme di imprenditori che lavoravano nel mercato delle calzature, soprattutto nelle regioni, non erano consapevoli che si fosse verificata una rivoluzione nel loro settore", afferma Alexey Chernyshev, direttore commerciale di AKFA Logistics Company. Allo stesso tempo, AKFA, essendo ...
13.11.2019 14878
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio