Rieker
Nuovi marchi di scarpe russe: Quasi Antoinette
12.07.2018 14348

Nuovi marchi di scarpe russe: Quasi Antoinette

"Non appena abbiamo quasi raddoppiato il prezzo dei nostri mocassini, abbiamo subito iniziato a vendere il doppio", afferma Christina Vronskaya, una delle fondatrici del marchio di mocassini Almost Antoinette.

The Shoes Report ha parlato con Natalia Frolova e Kristina Vronskaya, proprietarie del marchio di scarpe Almost Antoinette, sulle sfumature dello sviluppo del marchio di scarpe fatte a mano in Russia.

Il marchio di scarpe fatte a mano Almost Antoinette è nato a Mosca sei anni fa durante un periodo di crescente moda per i mocassini, l'inizio dello sviluppo della rete Instagram e la comparsa dei primi mercati di articoli di design nella capitale russa. Tutto ciò ha fornito le condizioni favorevoli per il lancio e la promozione attiva di un nuovo marchio di eleganti mocassini fatti a mano, il cui concetto era basato sulla storia romantica e tragica dell'ultima regina di Francia, Maria Antonietta. I fondatori del marchio Natalia Frolova e Kristina Vronskaya si sono messi in affari, possedendo le basi del design della moda, la conoscenza delle regole di promozione nei social network e un capitale iniziale di 90 mila rubli. Per due anni il progetto ha raggiunto un periodo di ammortamento e oggi il fatturato mensile dell'azienda per cucire mocassini Quasi Antoinette è di circa 350 mila rubli.

A giudicare dal blog Almost Antoinette su Instagram, stai cucendo non solo mocassini?

Kristina Vronskaya Kristina Vronskaya - fondatore del marchio di mocassini Almost Antoinette

Kristina Vronskaya: Sì, abbiamo ancora scarpe brogue, oxford, barche classiche, sandali con pelliccia, espadrillas in linea. Ma il nostro modello principale è ancora mocassini. A volte siamo ispirati da alcuni nuovi modelli e li rilasciamo in un numero limitato. A Mosca, abbiamo un laboratorio che cuce le scarpe per noi. I maestri ci aiutano nello sviluppo del design e della sartoria. Di recente è successa una sventura, il nostro capo maestro è morto, aveva 57 anni. Questa è una grande perdita per noi, è stato interessante comunicare con lui, ci ha anche aiutato nello sviluppo del design di nuovi modelli. Ora resta da sperare che gli apprendisti lavorino con lui per molti anni e che il processo di produzione non ne risenta.

Non abbiamo il nostro showroom ufficiale, vendiamo scarpe tramite Instagram e showroom partner a Mosca e in alcune altre città della Russia. Puoi anche trovare i nostri mocassini nei grandi magazzini Tsvetnoy di Mosca, dove siamo rappresentati in uno degli angoli.

La tua azienda ha già sei anni, come è iniziata?

Kristina Vronskaya: Tutto si è rivelato facilmente e spontaneamente. Natasha e io siamo amici fin dall'infanzia, e questa è stata la sua prima idea per iniziare a produrre mocassini. Ha lavorato in un progetto simile, in cui l'idea imprenditoriale era legata anche ai mocassini da cucito, ma l'implementazione era scadente. Il proprietario dell'azienda non era molto attento alla sua attività e la qualità del prodotto era nella media. Ad un certo punto, ho lasciato il mio lavoro e noi due abbiamo avuto l'idea di creare il nostro progetto, il nostro marchio di mocassini. Ad entrambi piace molto il film di Sofia Coppola “Marie Antoinette”, siamo stati ispirati da questa storia, sono apparse molte idee per creare un marchio contemporaneamente, è nato un logo.

Natalia Frolova Natalia Frolova - fondatore del marchio di mocassini Almost Antoinette

Natalia Frolova: I mocassini sono entrati di moda a Mosca, e questo ha coinciso con l'inizio della promozione della rete Instagram. Lavorando in un precedente progetto, ho aiutato la padrona di casa nello sviluppo di ricami per mocassini, modelli per ricami sono stati creati sulla base di emblemi e monogrammi della Russia zarista. Ma mi è sembrato che questo non sia un po 'necessario. Nella storia di Maria Antonietta e nello stile della corte reale francese, abbiamo visto più romanticismo.

Ma i mocassini, dopo tutto, erano in origine scarpe italiane?

Kristina Vronskaya: In effetti, non si può dire inequivocabilmente che i mocassini sono scarpe italiane, londinesi o francesi. Solo i marchi italiani hanno adottato questo stile di scarpe e hanno inventato la loro leggenda della sua origine. E nel film di Sofia Coppola, la nostra amata Kristen Dunst correva con scarpe molto simili ai mocassini. Erano fatti di pelle scamosciata o velluto.

Natalia Frolova: In generale, a un certo punto entrambi abbiamo avuto del tempo libero e abbiamo deciso di provare a realizzare il primo lotto. Per fare ciò, dovevamo trovare la produzione in Russia e sorprendentemente abbiamo trovato rapidamente un'officina.

Kristina Vronskaya: Tutto è cresciuto molto rapidamente insieme. Per noi sembra importante che le scarpe siano cucite in officina con attenzione ad ogni paio, questa è una sorta di garanzia di qualità. Ovviamente, tutto ciò potrebbe essere semplificato e molti hanno consigliato di ordinare la produzione di scarpe in grandi volumi negli stabilimenti in Turchia o Cina. Ma non siamo finalizzati alle vendite di massa, vorremmo controllare il processo ed essere responsabili del nostro prodotto.

Si scopre che voi due siete completamente coinvolti in questo progetto, questa è la vostra principale fonte di reddito per voi?

No, abbiamo altri progetti, tuttavia l'opportunità di fare qualcos'altro è apparsa relativamente di recente. Per i primi due o tre anni, abbiamo praticato Quasi Antoinette 24 ore al giorno. Ora è diventato più facile: impari di più, il processo sta migliorando e diventa più facile lavorare. Dopotutto, tutto viene fatto in luoghi diversi: ci sono materiali, il ricamo viene ordinato, le scarpe vengono cucite ...

Kristina Vronskaya: Generalmente abbiamo una versione femminile del business. Incontriamo i clienti, discutiamo del design, prendiamo le misure. Abbiamo rapporti a lungo termine con molti clienti solo perché a loro piace il processo stesso. Fin dall'inizio, abbiamo deciso che dovremmo essere orientati al cliente, perché l'alto prezzo del prodotto dovrebbe essere giustificato. È molto strano quando alcuni dei nostri designer mettono il prezzo delle loro scarpe sopra la media, ma allo stesso tempo non offrono alcun servizio. E il concetto stesso di mocassini implica intimità, sensibilità, cordialità.

E quanti sono i tuoi mocassini?

Kristina Vronskaya: Su Instagram, abbiamo impostato il prezzo - da 22 a 25 mila rubli. Ma abbiamo sconti, se non ci sono taglie disponibili, le scarpe possono essere acquistate a 11-15 mila rubli. Ci sono anche sconti per i clienti abituali. Alcuni marchi determinano da soli il prezzo massimo per un prodotto, non lo abbiamo. C'è stata anche esperienza nella vendita di un paio di mocassini da uomo a Grozny per 87 mila rubli.

C'è una differenza di prezzo in base ai materiali utilizzati - pelle scamosciata o velluto?

Kristina Vronskaya: No. Il velluto che usiamo è più costoso della pelle scamosciata.

Ma i mocassini in velluto perdono rapidamente il loro aspetto. Devono essere attentamente curati ...

Kristina Vronskaya: Ogni cosa ha le sue sfumature, c'è ancora velluto diverso. In un certo senso, sì, perdono rapidamente il loro aspetto, nulla è paragonabile alla vera pelle e pelle scamosciata. Il primo velluto che abbiamo usato era molto costoso, ma si è scoperto che non si allunga bene e non l'abbiamo più preso. Se usiamo una tomaia in tessuto per cucire le scarpe, dobbiamo prestare attenzione a come si allunga il filo longitudinale. Dovrebbe allungarsi in un certo modo, né più né meno, e tutto ciò deve essere provato. La qualità del tessuto inizialmente non è così facile da capire. In un certo senso, lavorare con il velluto è più difficile, ma in qualche modo più semplice. Perché il velluto è un singolo pezzo di tessuto che può essere tirato e sarà lo stesso ovunque, e se prendi la pelle scamosciata, la sua struttura è eterogenea - da qualche parte è più spessa, da qualche parte più sottile, è meglio non respirare su nessun pezzo .

Natalia Frolova: Una volta abbiamo comprato un bellissimo camoscio nudo, quasi l'ultimo pezzo, e il maestro, tirandolo, ha rovinato tre paia. In alcuni punti era troppo magra e lacerata. Succede che molti dei nostri clienti ordinino un certo tipo di pelle scamosciata in una volta, e tu devi andare in giro a cercare proprio quello, ma questa è una preoccupazione piacevole.

Ma i tuoi ricami a forma di monogramma, hai brevettato questo disegno? Può essere copiato?

Sì, questo è il nostro marchio. Ma in termini di copia, non siamo molto protetti, se si modifica leggermente qualche ramo nel modello: questo sarà un segno diverso e sarà impossibile rivendicarlo.

Hai disegnato tu stesso un monogramma?

Kristina Vronskaya: Sì, ci è voluta una settimana. Abbiamo studiato incisioni, da qualche parte abbiamo arrotondato qualcosa. Abbiamo avuto diverse varianti. Abbiamo preso alcuni elementi e organizzato. Usiamo il nostro monogramma non solo come ornamento per la parte superiore dei mocassini, ma abbiamo avuto una bellissima collezione limitata di abiti, che abbiamo decorato con elementi dei nostri ricami. Quindi i bombardieri sono stati ricamati. Natasha ha difeso il suo diploma di laurea nel nostro ricamo.

Per quale università?

All'inizio ho studiato a Stroganovka, e poi mi sono trasferito alla Higher School of Economics, ora hanno una facoltà di design grafico molto interessante.

Kristina Vronskaya: E sono giornalista per la mia prima educazione, ma cucito fin dall'infanzia. Ma quando abbiamo iniziato a praticare mocassini, ho deciso che avevo bisogno di pompare in questa zona e ho finito il corso presso la scuola britannica di design.

Kristina Vronskaya: Inizialmente, avevamo un capitale iniziale ridicolo: circa 90mila rubli, con questi soldi abbiamo realizzato le prime 10 paia di mocassini. Gli amici hanno aiutato a fotografare i modelli. Inoltre non abbiamo investito praticamente nulla, se non altro per piccole cose. Tutto ha iniziato a girare da solo e ora abbiamo un buon capitale charter. All'inizio, i mercati sono stati di grande aiuto. Lambada Market è diventata la nostra prima piattaforma. Hanno una selezione di marchi che espongono, ci hanno portato. E poi il passaparola, Instagram, le interviste a The Hopes & Fears e il supporto di The Village, che ha preso i nostri modelli per le riprese, i progetti speciali, hanno aiutato: tutto questo ha dato i suoi frutti.

Natalia Frolova: Nel nostro tandem, Christina presenta una collezione, insieme perfezioniamo i dettagli e sono impegnato nelle riprese e nella promozione. Sto creando una storia, sto pensando a come inviarla correttamente.

Kristina Vronskaya: Da nessuna parte è senza di essa. Una bella fotografia a volte è più costosa del prodotto stesso. Anche se la foto sul prodotto non vale la pena giudicare.

Natalia Frolova: Quando abbiamo iniziato il progetto, pensavo di poter fare qualsiasi cosa, ero sicuro che stavo girando bene, ma si è scoperto che la foto del soggetto non era così semplice, ho dovuto dominarla.

E quante paia al mese ordini?

Kristina Vronskaya: Dipende dal periodo dell'anno. Dalla primavera all'autunno un mese vende da qualche parte da 80 a 100 coppie dispari, a volte 60 coppie. L'attività si osserva anche a Capodanno. Ma anche nelle stagioni più letali della settimana vendiamo due o tre coppie.

Instagram dice che tutto dipende dalla pubblicità. Dai, vai ordini, non dare - fallimento?

Natalia Frolova: Certo, molto dipende dalla pubblicità, ma a volte non è affatto chiaro da dove provengano le persone. Ci sono alcuni meccanismi di Instagram che non riesco a capire - quindi succede che senza pubblicità le persone provengono da qualche parte. Abbiamo fan del marchio, persone che ci hanno incontrato nei mercati, sono felici di caricare foto, condividere le nostre pubblicazioni, ma di norma non comprano nulla, non appartengono al nostro target di riferimento.

E chi è il tuo target di riferimento?

Kristina Vronskaya: Donne dai 30 ai 50 anni, benestanti, con chic. E i fan sono giovani dai 13 ai 25 anni.

Cioè, a chi piacciono i post e chi compra sono persone diverse?

Kristina Vronskaya: Sì. I nostri principali clienti compreranno e non pubblicheranno mai foto delle loro scarpe su Instagram. Abbiamo un cliente che praticamente non vuole dire a nessuno dove ha comprato i nostri mocassini.

Hai determinato immediatamente il prezzo delle scarpe?

Kristina Vronskaya: No, il prezzo non è stato un compito facile.

Probabile, ai mercati inizialmente venduti più economici?

Natalia Frolova: Inizialmente, generalmente volevamo vendere scarpe a un prezzo inferiore e, per quanto potessimo, abbiamo cercato di ridurre il nostro margine in modo che le scarpe fossero economiche, ma ciò non ha funzionato. Apparentemente, un certo momento psicologico gioca un ruolo: le persone pensano che una cosa di qualità fatta di buoni materiali, fatta a mano, non possa essere economica. Se il prezzo è basso, questo è sospetto.

Kristina Vronskaya: In effetti, il cliente è più contento di separarsi da una quantità sufficiente di denaro e sente di aver acquistato qualcosa, non solo un altro bene di consumo. Non appena abbiamo aumentato il prezzo dei nostri mocassini, quasi due volte, abbiamo subito iniziato a vendere il doppio. A proposito, i modelli non possono essere duplicati.

È interessante notare che si ritiene che tra gli utenti di Instagram ci siano poche persone nella regione di 50 anni, che questo social network abbia un pubblico più giovane?

Natalia Frolova: Non posso essere d'accordo sul fatto che i cinquantenni non siedano su Instagram. Abbiamo clienti di questa età che ci seguono attraverso questo social network. La risposta frequente quando ti abbiamo chiesto - come hai scoperto il nostro marchio - è arrivata su Instagram. C'è stato un momento in cui abbiamo “Consigliato” su Instagram, ha avuto un grande effetto sulla promozione del marchio, sono state inviate iscrizioni al nostro canale.

Quanto tempo hai impiegato per iniziare a guadagnare?

Kristina Vronskaya: Siamo arrivati ​​a un profitto in meno di due anni. Iniziato a lavorare come un vantaggio.

E quando hai aumentato il prezzo?

Ksenia Vronskaya: Nei primi 4-5 mesi. Abbiamo partecipato costantemente ai mercati e la comunicazione con la piattaforma di mercato Sunday up, che ha fissato un costo aggiuntivo del 150%, ci ha fatto riflettere sul prezzo. Ora questo mercato sembra non esistere più.

Ci sono stati molti eventi simili - nella Galleria di Mosca (galleria della stagione della moda), a Tsvetnoy a Lambada e a Neglinnaya. Ora sta lentamente morendo, è strano che non cambino il formato.

Natalia Frolova: Per me, i mercati erano un vero stress. È difficile lavorare fisicamente e mentalmente per loro - arrivi molto presto, devi passare lì due giorni di fila, un numero enorme di persone. Dobbiamo comunicare direttamente con gli acquirenti, ma non siamo venditori. Ma ora hanno imparato questo.

Inizialmente, ci siamo insegnati a non iniziare le frasi con la parola "no", a non scusarci ogni cinque secondi. Abbiamo iniziato a leggere libri sulle tecniche di vendita.

Pensi che un modello di business come la vendita tramite Instagram rimarrà con te?

Stiamo pensando a come ci svilupperemo in futuro. Voglio crescere da qualche parte. Al momento, ovviamente, Instagram è inevitabile, ma questo social network sta perdendo popolarità a causa dell'enorme quantità di pubblicità. In questo momento, letteralmente tutto viene venduto su Instagram e le persone sono stanche di questo e hanno smesso di rispondere alle offerte. Avremo sicuramente bisogno di cercare nuovi modi di implementazione.

Non hai un ufficio?

Kristina Vronskaya: Teniamo riunioni formali dalla parte. Ho un mio laboratorio in cui vengono cuciti i vestiti ... e una volta volevamo aprire il nostro showroom, ma quando si considerano i costi, si capisce che si tratta di un lusso superfluo. Non pago nulla su Instagram. Non voglio sprecare 80 mila rubli.

Negli showroom diamo le nostre scarpe solo a condizioni di acquisto, accettiamo di implementare in rari casi, quando si tratta di vendite nei negozi di stato.

Hai provato a vendere attraverso grandi siti online come Lamoda?

Kristina Vronskaya: Volevamo lavorare con Aziele, questo sito è adatto a noi più di Lamoda. Non hanno bisogno dell'ordinamento infinito e della partigianeria di cui tutti hanno bisogno - "sono rimasti pochi modelli di qualsiasi gamma di dimensioni - facciamolo di nuovo!"

All'inizio, sapevamo poco e giocavamo secondo le regole date. Ad esempio, il negozio ha adottato una gamma di dimensioni: da 35 a 41, è necessario fornirlo, ogni colore di ogni coppia di cinque pezzi. Ma dalla nostra esperienza, sappiamo già che le scarpe della taglia 35 non hanno bisogno di così tanto. Devi fare tre volte più coppie di dimensioni 38 e 39 e il 35 ° sarà sufficiente per una. Quando vengono fatte richieste così inutili, queste coppie mentono, possono solo essere scontate. Dedichiamo tempo alla loro produzione, e alla fine lo rinunciamo con un margine molto piccolo, e questo non è interessante. Ora stiamo provando a dettare le nostre condizioni e ci riusciamo. Ma è venuto solo con esperienza.

Si scopre che non hai bisogno di un magazzino?

Kristina Vronskaya: Di norma, personalizziamo tutte le parti. I nostri artigiani non ci rifiutano di tenere le scarpe fino al corriere. Ci sono cause di forza maggiore quando il mio appartamento si trasforma in un magazzino, ma non spesso.

Quando hai iniziato, non c'era praticamente concorrenza sul mercato, ma ora?

Natalia Frolova: Ora la competizione è più seria, ma non tanto in termini di mocassini, come in generale in Russia ci sono più buone scarpe fatte a mano, designer di scarpe forti e artigiani. Ora ci sono più opportunità per sviluppare il tuo marchio di scarpe in Russia.





"Non appena abbiamo aumentato il prezzo dei nostri mocassini, quasi due volte, abbiamo subito iniziato a vendere il doppio", afferma Christina, una delle fondatrici del marchio di mocassini Quasi Antoinette ...
3.2
5
1
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Incontri online con produttori di scarpe brasiliani

Dal 21 giugno al 2 luglio 2021 in Russia e nei paesi della CSI si terranno incontri B2B online con le più grandi fabbriche di scarpe del Brasile Gli incontri sono volti a stabilire contatti commerciali tra produttori di scarpe brasiliani e partner dalla Russia e ...
25.05.2021 1657

Un nuovo marchio russo di scarpe da donna Razumno è entrato nel mercato

La semplicità qualitativa è uno dei valori principali del nuovo marchio Razumno e della sua fondatrice Alena Lozovskaya, figlia di un calzolaio (Mikhail Lozovsky) e sorella di un sarto, mentre si posiziona su Instagram. La presentazione della collezione del brand è avvenuta ...
19.05.2021 1271

Analpa sta preparando una sorpresa per gli acquirenti di Euro Shoes

Dopo una pausa, Analpa prenderà nuovamente parte alla prima collezione di Euro Shoes, che si terrà dall'1 al 4 marzo al Main Stage.
16.02.2021 2863

Caprice: il futuro dopo la crisi

Il 2020 è già storia. È probabile che il nuovo anno porti nuove sfide all'industria calzaturiera. E il produttore di calzature CAPRICE della tedesca Pirmasens è ben preparato per questo. In un'intervista, l'amministratore delegato di Caprice Jürgen Kölsch spiega ...
16.03.2021 2621

Alla moda, confortevole, ecologico. Tutto sul marchio MARCO TOZZI

La nuova collezione MARCO TOZZI autunno-inverno 2021/22 si confronta favorevolmente con le precedenti con un livello ancora più elevato di qualità dei materiali utilizzati e un rinnovamento più globale dell'assortimento. Raccordi laconici combinati con la combinazione "giusta" ...
17.03.2021 3803
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio