Rieker
Vladimir Timofeev, proprietario dell'azienda calzaturiera Giotto: "Lo sviluppo del mercato delle calzature con il sostegno statale richiederà 10 anni" Nella foto: negozio Giotto a San Pietroburgo su Nevsky Prospect
24.10.2016 6718

Vladimir Timofeev, proprietario dell'azienda calzaturiera Giotto: "Lo sviluppo del mercato delle calzature con il sostegno statale richiederà 10 anni"

Nel costruire una produzione di scarpe a pieno titolo in Russia, lo stato dovrebbe prestare attenzione a due fattori: prestiti e tasse. Se ricostruisci correttamente il sistema economico, lo sviluppo del settore andrà da solo, afferma Vladimir Timofeev, capo dell'impresa manifatturiera di calzature Giotto. Il corrispondente SR ha parlato con l'imprenditore delle possibilità di sostituzione delle importazioni nel settore calzaturiero e delle prospettive dei produttori russi.

Azienda Giotto - fondata nel 1998, è un importante produttore russo di scarpe da donna, lavora con materiali naturali di alta qualità realizzati in Italia. La società ha due siti produttivi: a Mosca e Kaluga. Il volume di produzione è di 120-130 mila paia di scarpe all'anno.

Vladimir, aderisci alla posizione secondo cui l'industria calzaturiera in Russia non andrà lontano senza il sostegno statale. Cosa si sta facendo in questa direzione adesso?

Naturalmente, per un vero sviluppo, è necessario che lo stato faccia un corso verso l'attuazione della politica industriale, sono necessarie le condizioni per lo sviluppo delle medie e piccole imprese. E sembra che ci siano alcuni programmi, ma sostanzialmente non cambia nulla.

Nonostante la carenza di materie prime provenienti dalle fabbriche di cuoio russe, è stata sia esportata che esportata, la stessa cosa accade con il semilavorato. Le materie prime non sono sufficienti per il consumo domestico e questo processo richiede una regolamentazione da parte dello Stato.

Per quanto riguarda il denaro: le banche con cui stavamo negoziando sono interessate a progetti di investimento da 3 miliardi di rubli e ne abbiamo bisogno solo per circa 500 milioni. Esiste una sorta di programma nel Ministero dell'Industria e del Commercio della Russia, ma non ci sono specialisti in grado di valutare il mutuatario, quindi preferiscono rifiutare che correre rischi. Non posso andare da nessuna parte oggi con il mio progetto, i soldi sono molto costosi e prendere prestiti per scopi industriali in larga percentuale non è redditizio, poiché i progetti di investimento nel settore manifatturiero hanno un periodo di rimborso abbastanza lungo. 

Stivali Giotto Stivali Giotto

Oltre ai soldi economici, cos'altro manca?

In effetti, dacci soldi e non preoccuparti! Sebbene l'attuale sistema fiscale comporti un grave onere per le imprese. Le tasse nel nostro paese sono cosmiche! In Turchia, ad esempio, viene utilizzata un'imposta sulla produzione imputata. Forse, due fattori svolgono un ruolo per lo sviluppo: prestiti e tasse, vale la pena ricostruire con competenza l'intero sistema e lo sviluppo andrà da solo.

L'attuale domanda russa di calzature è di 250 milioni di paia all'anno, ma in realtà possiamo produrre solo 50 milioni di paia. Il nostro mercato è un campo non arato, basta che lo Stato presti attenzione all'industria, selezioni operatori a cui affidare lo sviluppo e in 10 anni noi stessi, partecipanti al mercato calzaturiero, creeremo tutto.

Un altro problema importante: oltre alla produzione, non disponiamo di infrastrutture, materiali ausiliari. Dopotutto, il prodotto non ha solo pelle, ma anche fondali, dita dei piedi, solette, suole, accessori, colle, fili ... E in Russia non viene prodotta nemmeno carta con cartone della giusta qualità! Compriamo cartone importato, perché quello russo ha una qualità molto eterogenea. Siamo costretti a comprare tutto dagli stranieri. Ora la nostra azienda sta cercando di ridurre al minimo il componente di importazione nel prodotto. Acquistiamo materiali di base, pelle e pelliccia in Russia, ma tutti i componenti ausiliari, sebbene acquistati sul mercato interno, vengono importati. In media, la componente valutaria nel nostro prodotto è di circa il 20-30%.

Il prezzo di produzione delle nostre scarpe è aumentato del 10-15% rispetto al livello dell'anno scorso. Siamo stati costretti ad aumentare il prezzo, poiché il prezzo della pelle e di tutti i materiali correlati è aumentato. Nel costo della pelle, la componente valutaria è di circa il 40%, dal momento che non produciamo i prodotti chimici necessari nella lavorazione delle materie prime in pelle, vengono importati anche molti altri componenti.

La tua produzione si sta sviluppando da molti anni e, apparentemente, abbastanza bene?

Questo, come si suol dire, non è grazie, ma al contrario. E poi, cosa significa con successo o senza successo? Il produttore ha una certa responsabilità nei confronti dei suoi cittadini. Puoi correre per vendere beni cinesi o europei, brasiliani, messicani di bassa qualità oppure puoi creare posti di lavoro nel tuo paese e creare un prodotto di alta qualità per il quale non ti vergogni.

Giotto è stata fondata nel 1998, RalfRinger è apparso anche prima ... Il direttore generale della compagnia, Andrei Berezhnoy, era solo impegnato a chiedere allo stato di prestare attenzione al settore calzaturiero e creare le condizioni per il suo sviluppo. Ma non succede nulla ...

Anzi, nessuno ci ascolta!

E può esserci interesse in una grande impresa di materie prime a investire in concerie, calzature?

Il fatto è che gli oligarchi non sono interessati a progetti da 10 milioni di dollari, sono pronti a considerare progetti da 200 milioni. Tempi e costi umani sono gli stessi per un progetto da 500 milioni, quello per un progetto da 10 miliardi, ma siamo abituati a contare su soldi facili e veloci. nessuno vuole scherzare. Anche se vengono creati fondi di investimento, la loro redditività è persino superiore a quella delle banche, ovvero i prestiti per le imprese sono ancora più costosi. Pertanto, fare affidamento sull'interesse dei grandi investitori è difficile.

O qualcuno può ripetere il tuo successo?

È difficile dire se questo sia successo o fallimento, siamo semplicemente testardi come arieti e combattiamo per preservare ciò che abbiamo creato. Negli ultimi tre o quattro anni la nostra attività è stata in perdita. Dal 2012, l'intero mercato delle calzature è in calo, che colpisce sia la vendita al dettaglio che i produttori. Tutti sperano che l'anno in corso aiuti in qualche modo a livellare la situazione. In generale, le calzature sono un mestiere e ci vuole un grande sforzo per creare una fabbrica. Occorrono solo 3-4 anni per avviare la produzione.

Attualmente, le differenze di cambio offrono al produttore russo alcuni vantaggi. E oggi, molti si sono precipitati ad aprire fabbriche di scarpe in Russia, ma la maggior parte non capisce cosa stanno facendo.

Un numero enorme di nuove industrie è apparso sul mercato, un laboratorio che offre prezzi ridicoli e non è chiaro come funzioneranno per questi prezzi. È chiaro che ci sono diverse nicchie. Ma molti, vedendo quanto era basso il prezzo offerto da Bright (una società di produzione del marchio Francesco Donni), decisero di fissare il loro prezzo allo stesso livello, senza rendersi conto che Bright aveva un mercato dei materiali completamente diverso, fu sviluppato e sviluppato. Penso che non tutti i principianti sopravviveranno fino al nuovo anno. Solo i più competenti e testardi possono rimanere sul mercato.

Si scopre che senza il sostegno statale, possiamo aspettarci che lo sviluppo del settore solo nel segmento delle calzature sia più o meno facile da produrre?

In generale, sì, è improbabile qualcosa di più serio, analoghi di alcuni marchi mondiali. In Cina, l'industria si è sviluppata rapidamente, dato che esisteva un programma statale, sono stati fatti importanti investimenti nella costruzione di fabbriche, attrezzature e incentivi per i produttori. Non mi aspetto che la rapida crescita inizi in Russia adesso.

Né la vendita al dettaglio né la produzione oggi possono ricevere denaro decente per l'acquisto di prodotti. Le banche non vogliono essere poste in rubli. Quando la valuta cresce, non devono fare nulla: sedersi ed essere ricchi. E per costruire una nuova linea, dobbiamo costruire un edificio, acquistare attrezzature, assemblare una squadra, avere personale, abbiamo bisogno di soldi e i prestiti al 16-20% all'anno sono un tasso piuttosto elevato, non guadagniamo molto. In Europa, il tasso è meno e, anche in caso di crisi, gli europei continuano a investire nella propria produzione. E anche se gridiamo sulla sostituzione delle importazioni, in realtà non viene fatto nulla.

Probabilmente, mentre nessuno capisce quanto tempo può durare questa situazione, e c'è la sensazione che possa ancora tornare alla normalità ...

C'è una certa incertezza. Il punto è che se il tasso di cambio del rublo / dollaro si rafforza a 60, sarà redditizio tornare in Cina e acquistare prodotti lì. Ma questo è assurdo, all'estero devi comprare qualcosa che non possiamo produrre a casa, ad esempio in Cina: il tè, ma non le scarpe! Se abbiamo un settore calzaturiero sviluppato, i cinesi non potranno mai competere con noi. Il processo di globalizzazione, che è stato attivamente in corso negli ultimi 10-20 anni, ha portato a tagli di posti di lavoro in diversi paesi e tutto dice che dobbiamo tornare indietro. Perché se l'economia domestica muore, non ci sarà nulla da sfamare.

Gli italiani nel 2004 hanno lanciato l'allarme che il loro marchio Made in Italy stava morendo ...

Con gli italiani, che hanno lavorato nel mercato domestico nel segmento di alta qualità, non è successo nulla, al contrario, aumentano i volumi. Certo, hanno collocato all'estero qualcosa che non potevano produrre sul mercato interno ... Anche se oggi anche nell'industria calzaturiera italiana le cose non vanno bene: a causa dell'aumento dei prezzi, gli ordini dalla Russia sono stati notevolmente ridotti. Ma ora, mentre l'euro si avvicina al dollaro, il consumatore americano ha iniziato a tornare sul mercato europeo. Tuttavia, gli italiani realizzano un prodotto di altissima qualità e il marchio Made in Italy non ha perso forza.

Parlaci dei tuoi piani per il prossimo anno. I tuoi sentimenti, aspettative?

Non ci sono piani speciali, stiamo lavorando. I piani di sviluppo della produzione includono un compito: rendere la specializzazione per flussi. Se riusciremo a raggiungere questo obiettivo, il costo dei nostri prodotti sarà in grado di competere con tutte le controparti importate. Ma in generale, è estremamente difficile prevedere qualcosa per il mercato, persino impossibile. Il rublo rafforzerà lo Stato e tutti correranno di nuovo in Cina per nutrire i lavoratori cinesi. E quello che mangeranno i nostri lavoratori - a nessuno importa. E tutto perché l'attività di uno speculatore russo e di un rivenditore, fondamentalmente, è "acuita" per la redditività, non c'è alcuna componente morale in essa.

La base dell'essere è la moralità e gli affari fanno parte dell'essere. Se guardi da questo punto di vista, quelli che oggi non pensano alla propria gente sono loro stessi nemici. Chi comprerà ciò che portano? Dove otterranno i nostri soldi se il petrolio non costa più $ 150? Negli anni grassi, abbiamo buttato fuori questi petrodollari e il paese non si è sviluppato. Spero che questo errore non si ripeta.

____________________________

Intervista condotta da Marina Shumilina

Con il sostegno dello Stato, lo sviluppo del mercato calzaturiero nel paese richiederà 10 anni, - il capo dell'azienda Giotto Vladimir ...
3.48
5
1
3
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Incontri online con produttori di scarpe brasiliani

Dal 21 giugno al 2 luglio 2021 in Russia e nei paesi della CSI si terranno incontri B2B online con le più grandi fabbriche di scarpe del Brasile Gli incontri sono volti a stabilire contatti commerciali tra produttori di scarpe brasiliani e partner dalla Russia e ...
25.05.2021 1514

Un nuovo marchio russo di scarpe da donna Razumno è entrato nel mercato

La semplicità qualitativa è uno dei valori principali del nuovo marchio Razumno e della sua fondatrice Alena Lozovskaya, figlia di un calzolaio (Mikhail Lozovsky) e sorella di un sarto, mentre si posiziona su Instagram. La presentazione della collezione del brand è avvenuta ...
19.05.2021 1057

Analpa sta preparando una sorpresa per gli acquirenti di Euro Shoes

Dopo una pausa, Analpa prenderà nuovamente parte alla prima collezione di Euro Shoes, che si terrà dall'1 al 4 marzo al Main Stage.
16.02.2021 2786

Caprice: il futuro dopo la crisi

Il 2020 è già storia. È probabile che il nuovo anno porti nuove sfide all'industria calzaturiera. E il produttore di calzature CAPRICE della tedesca Pirmasens è ben preparato per questo. In un'intervista, l'amministratore delegato di Caprice Jürgen Kölsch spiega ...
16.03.2021 2542

Alla moda, confortevole, ecologico. Tutto sul marchio MARCO TOZZI

La nuova collezione MARCO TOZZI autunno-inverno 2021/22 si confronta favorevolmente con le precedenti con un livello ancora più elevato di qualità dei materiali utilizzati e un rinnovamento più globale dell'assortimento. Raccordi laconici combinati con la combinazione "giusta" ...
17.03.2021 3685
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio