Rieker
Giovani designer: Ilya Fedotov
30.06.2011 9072

Giovani designer: Ilya Fedotov

Le scarpe italiane Alexander Hotto sono apprezzate per il loro design eccellente, l'artigianato e l'uso degli ultimi sviluppi nel campo della lavorazione della pelle. Nel frattempo, pochi sanno che il design italiano impeccabile di queste scarpe è merito del diplomato MGUDT Ilya Fedotov, che collabora con il marchio A. Hotto per la terza stagione.

SR66_Design_Fedotov_2.jpg- È raro che un designer russo lavori per un noto marchio italiano. Perché pensi che gli italiani ti abbiano invitato?

- Io stesso non lo capisco completamente. Forse sono rimasti colpiti dalle mie idee, mi è piaciuto lo stile e l'approccio al lavoro.

- E come puoi caratterizzare il tuo approccio?

- Cerco sempre di approfondire il processo di creazione di una nuova collezione. Quello che sto facendo non sono idee vuote che mi vengono in mente per caso. Questi sono concetti pensati, modelli in cui non esiste un singolo dettaglio casuale. Li creo sulla base delle tendenze della moda, degli umori nella società, della situazione in politica ed economia. Molto prima di iniziare a lavorare sul design, conduco le mie ricerche di mercato: guardo tendenze, immagini, stati d'animo nella moda. Il risultato è modelli pertinenti e, soprattutto, commerciali. Per me, la componente commerciale è di grande importanza, perché anche la creatività ne consegue.

- L'approccio è chiaro, ma cosa stai facendo per il marchio A.Hotto?

- Ad A.Hotto corro la linea Gold. Questa è la linea più creativa che dà il tono al resto delle linee del marchio ogni stagione. Quindi, ho dedicato la collezione dell'ultima stagione autunno-inverno agli scarponi da sci. Ma era un'associazione sottile, non diretta. La collezione comprendeva quattro temi: vacanze, ufficio, club e guru. Alcuni dei modelli sono realizzati in pelle increspata. Questo ha creato la sensazione che gli stivali fossero appena usciti dalla stampa. Dagli scarponi da sci, la collezione prende in prestito forme e chiusure. Il tema "Guru", il più creativo e complesso, ha occupato solo l'uno per cento della collezione, perché poche persone possono capire queste scarpe e solo pochi acquirenti. Questo è l'unico tema non commerciale della collezione, ma ci do il meglio di me. Il concept delle collezioni cambia ogni stagione. Il mio direttore artistico Dmitry Buerov e io possiamo discuterne per diversi giorni, riflettendoci e dicendo tutte le piccole cose.

- Succede spesso che le tue idee non capiscano?

- I commerciali non capiscono spesso. Ciò accade, di regola, nel momento in cui si trovano di fronte a un modello senza scopo di lucro. E fisicamente non ho tempo di dire loro tutto per rivelare completamente l'idea. Cerco comunque di realizzare il 99% di scarpe commerciali. Oggi, ad esempio, il tema di gangster, ladri, vampiri è molto popolare. Quindi, in Dsquared2, l'immagine del gangster nell'opera è diventata il titolo dell'ultima collezione. Anche ad Alexander McQueen, l'intera collezione è costruita attorno a un uomo misterioso che prima appare in passerella come Dracula, e poi si trasforma in un boia in un abito di pelle e guantoni da boxe. Le mie opere sono costruite in modo simile. Ad esempio, ho realizzato stivali in stile baronale. Nella forma assomigliano in qualche modo a quelli a cui siamo abituati. Ma la raffinata pelle verniciata, la vestibilità elegante conferiscono loro raffinatezza e accessori e decorazioni a forma di teschio e croce massonica ci ricordano che le persone non vivono da sole con il pane. Indicano che nella situazione odierna occorre prestare maggiore attenzione allo sviluppo spirituale. Tali decisioni di design "medievali" danno alle persone la carica unica di potere di cui hanno ora bisogno.

- Prima di lavorare con A. Hotto, hai lavorato per un po 'con il designer russo Igor Chapurin, poi presso Podium. Sai distinguere tra lavorare con marchi russi e stranieri?

- Il confronto è piuttosto difficile, dal momento che non ho mai collaborato con un'organizzazione completamente commerciale. Chapurin, Podium, A.Hotto sono marchi creativi che prestano grande attenzione all'io dell'autore. Tutto è saturo di moda in loro. I loro manager sono professionisti assoluti, inoltre sembrano molto alla moda. Pertanto, è facile e piacevole lavorare con loro. Sostengo il loro approccio creativo al lavoro. Tornando alla questione della comprensione, in realtà non è molto importante per me ciò che la gente intorno a me pensa (ovviamente, ad eccezione delle persone vicine), che mi capiscano o no. È importante per me fare qualcosa di diverso da tutto il resto. Studiando la teoria e la pratica degli affari, mi sono reso conto che durante una crisi è necessario fare cose esclusive complesse di cui altri non sono capaci. È necessario correre rischi. In situazioni di crisi difficili, l'acquirente cambia. Diventa più riflessivo, sensibile e vuole esprimersi il più possibile. Anche a causa di scarpe. Pertanto, le scarpe A.Hotto sono popolari tra un certo tipo di persone oggi. Nel grande magazzino centrale, ad esempio, l'ultima collezione è stata esaurita molto rapidamente.

- Pensi che il fatto che gli italiani abbiano ancora tutte le fabbriche di scarpe come piccole imprese familiari sia un vantaggio o uno svantaggio per lo sviluppo del business?

- Sai, quando sono entrato all'università, ho scoperto un fatto interessante sulla mia famiglia. Si scopre che tutta la mia famiglia - i produttori di scarpe anche prima del tempo di Pietro I. La famiglia è passata dalla città di Kimra e nella storia delle scarpe russe di Kimra - questo è un capitolo separato, ampio e importante. E vivevano i miei antenati - produttori di scarpe. E i miei parenti me ne hanno parlato dopo che sono entrato nella facoltà di scarpe, ma ho potuto fare un completo. Questo è probabilmente il destino. Quindi, impresa familiare, il trasferimento di impresa di generazione in generazione è una cosa seria.

- Non hai paura che se realizzi modelli commercialmente non redditizi, nessuno collaborerà semplicemente con te?

- No, non ho paura, perché posso fare modelli commerciali ed è una mia scelta personale fare l'uno o l'altro. La creatività non è solo nel design, ma anche nei materiali. Esternamente, le scarpe possono sembrare abbastanza tradizionali, ma la vestizione unica della pelle, la sua consistenza la aiuterà a diventare inimitabile. Secondo la percezione, le sensazioni tattili, queste scarpe ricordano più l'eleganza.

- Come sei arrivato al punto di voler realizzare scarpe insolite?

- Il desiderio di creare qualcosa di straordinario è sempre stato con me. Ma cambio facilmente, e quando mi dicono che devo fare qualcosa di più familiare e tradizionale, lo faccio. Io stesso controllo questo processo di passaggio da un'azienda all'altra, posso dimenticare i sogni per un po 'e concentrarmi completamente sulle cose pratiche che sto facendo in questo momento. E poi è anche facile tornare.

- La situazione di crisi ha in qualche modo influenzato il lavoro sulla nuova collezione?

- Se parliamo di A. Hotto, i materiali diventano più comprensibili. Cioè, la pelle è diventata meno pretenziosa. Esternamente, sembra tradizionale e un anno fa potrebbe assomigliare alla plastica. Non sentendo, ovviamente, ma puramente visivamente. Di conseguenza, una persona guarda questo modello e non capisce esattamente cosa gli piace, ma lo compra comunque. Questa è la componente commerciale di questi sviluppi progettuali.

- Ricordi il tuo primo paio di scarpe vendute?

- Era ancora all'istituto. Poi ho creato i cosacchi alla "Bohemian Gothic". A proposito, dopo non ho ancora visto nulla di simile da nessuna parte. Con le scarpe, cerco di enfatizzare la mascolinità negli uomini e la femminilità nelle donne. Questo è un lavoro molto delicato basato sulle sensazioni. I millimetri letteralmente decidono tutto. Per realizzare un tale modello, bisogna calcolare attentamente tutto.

- Pensi di creare il tuo marchio? - Sì, ci sono idee. Stiamo già pensando a un concetto. Lei sarà molto profonda. Voglio creare scarpe del genere che non creerebbero dubbi sul fatto che siano necessarie o meno. Che vorrei comprare immediatamente. Lavoro non per soldi, ma piuttosto per l'idea. Pertanto, è importante per me realizzare ciò che ho in mente. Se a qualcuno piace, qualcuno lo compra e lo indossa: questa è una vittoria. E non importa quanto una persona. Non soffro di gigantomania e non venderò scarpe in milioni di copie.

Le scarpe italiane Alexander Hotto sono apprezzate per l'eccellente design, il lavoro manuale e l'uso degli ultimi sviluppi nel campo della vestizione in pelle. Nel frattempo, poche persone sanno che il design italiano impeccabile ...
3.2
5
1
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Scarpe macchiate. Nuova lettura

La stampa leopardata non passa quasi mai di moda. La tendenza per le scarpe maculate a volte svanisce, ma appare subito in qualche nuova lettura o si inserisce nel contesto generale sotto il marchio “retrò”. Puoi elencare all'infinito marchi famosi, ...
12.05.2021 1275

5 marchi specializzati in mocassini sartoriali

Negli ultimi cinque anni, ci sono state due tendenze stabili nel mercato delle calzature: l'interesse per le scarpe in stile sportivo e una crescente domanda di scarpe comode su ...
13.02.2018 5733

Lascia che ci sia luce! Soluzioni di illuminazione per vetrine e aree di vendita

Una vetrina è il biglietto da visita di un negozio, la prima cosa a cui un passante presta attenzione, e dipende da quanto bene è illuminata se si trasforma in visitatore ...
14.05.2018 6461

Attenzione al designer. Come creare il portafoglio creativo "giusto"

La corretta presentazione della tua visione creativa è fondamentale per costruire una carriera nella moda.
29.05.2018 8817

4 designer dei marchi di scarpe russi Unichel, Francesco Donni, Ralf Ringer e Tervolina - su ispirazione, tendenze, design delle collezioni ...

The Shoes Report ha posto le domande di quattro designer di noti marchi di scarpe russi nel segmento di mercato di massa di Unichel, Francesco Donni, Ralf Ringer e Tervolina - su ispirazione, parametri di riferimento e tendenze, design, attitudine al lavoro e sul vedere il proprio ...
26.10.2018 6253
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio